ARCHIVIO STORICO ANNO 1979

i tesserati maschili i tesserati femminili

E veniamo quindi al 1979. I tesserati aumentano di numero: molti i nuovi arrivi, ma si registrano anche alcuni ritiri. È ancora Roberto Cerri che sale sulla ribalta pur in una stagione di chiaroscuri a causa di numerosi incidenti. Nella gara più importante trova però gli stimoli giusti e coglie una splendida medaglia d'Argento. Nei Campionati Europei Juniores insidia la supremazia del fenomeno crucco Mögemburg e stabilisce il nuovo primato italiano juniores con 2.24.
Una stagione eccezionale per Silvia Gamba, medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Assoluti (dietro alla Simeoni ed alla Dini), argento ai Campionati Italiani Allieve ed oro ai campionati studenteschi di Genova. Record personale: 1.76. 
Ancora soddisfazioni in grande stile questa volta ad opera di due nomi nuovi: Fabrizio Priod, primatista valdostano sui 100 m. con 10"7, autore di un pregevole secondo posto ai Campionati italiani allievi a Bologna (dietro ad un certo Pier Francesco Pavoni); e di Paolo Challancin primatista valdostano di salto triplo con 14.38 e autore di un ottimo 6.71 nel lungo (quarto classificato ai Campionati italiani allievi e argento ai Giochi della Gioventù di Genova). Alle spalle di questi tre "fenomeni" ancora una messe di buoni risultati: nell'alto Ugo Munari (1.92), Piero Challancin (1.90) e Massimo Marchiando (1.80); nei lanci Luciano Panetto (peso: 11.30 e disco: 34.86), Giampi Del Pesco (peso: 10.39 e disco: 34.10), Nino Blasi (giavellotto: 39.68) e Flavio Bertino (peso: 11.58); nella velocità Paolo Poletti (100 m.: 11"0); nel mezzofondo Marzio Pedrini (800m.: 2'04"1) e Flavio Rubbo (5000 m.:16'35"2).
In campo femminile l'arrivo delle nuove leve Anita Biancini, Rosella Bovolenta, Manuela Banda, Loredana Farfarello, Maura Parisio copre i vuoti lasciati dall'abbandono un po' troppo affrettato di Brunella Viani e di Antonella Bagnasacco, lasciando comunque ben sperare per il nostro futuro.

Fabrizio Priod Fabrizio Priod
Pasquale 'Nino' Blasi

Ed è proprio con la conclusione di questa esaltante stagione che ci ha portati a livello di grande club in regione, che cominciano a sorgere i primi problemi. Possedere atleti di alto livello provoca difficoltà di ordine organizzativo e finanziario; le entrate sono sempre esili, mentre le uscite arrivano a cifre da capogiro. Gli aiuti sono pochi, non si trovano sponsor; il settore calcio che fino ad ora ci aveva sempre aiutato, si trova impossibilitato a farlo, viste le proprie difficoltà economiche. I nostri "big", vale a dire Roberto Cerri e Silvia Gamba ci vengono richiesti da grossi sodalizi ed allora, per cercare di salvaguardare il bilancio, si tenta la carta della cessione . Roberto parte per Roma, al G.S. Fiamme Gialle mentre Silvia si trasferisce alla Libertas Torino. Estrapoliamo ancora un breve brano dal giornalino sociale dove troviamo un primo bilancio di quegli anni di attività:
"Tirando le somme di questi primi anni, credo che possiamo ritenerci soddisfatti. Dal nulla è stato creato qualcosa e questo qualcosa è destinato a continuare e a crescere soprattutto fino a quando ci sosterranno la passione e l'impegno degli atleti, la buona volontà dei tecnici e la partecipazione disinteressata dei dirigenti."