Notizie stagione 2005

8 gen
2005

La Stagione si apre con ... la Premiazione 2004!

foto festaPont-Saint-Martin 8 gennaio. Il salone "Saint-Martin" sito nella struttura della Maison du Boulodrome della cittadina della bassa Valle ha ospitato l'edizione 2004 della Festa dell'Atletica. Circa 200 fra atleti, tecnici, dirigenti, amici e simpatizzanti hanno gremito la sala per questo appuntamento che, attraverso i filmati realizzati da appassionati "registi", ha dato l'opportunità di rivedere e rivivere i momenti più interessanti della scorsa stagione. Immagini suggestive, divertenti e curiose, accompagnate da una piacevole colonna sonora hanno via via accompagnato il pomeriggio dedicato alla consegna dei riconoscimenti a tutti gli atleti che hanno preso parte all'attività. Particolarmente apprezzate le parole del Sindaco di Pont-Saint-Martin, Alberto Cretaz, che ha sottolineato la valenza dell'attività svolta dal nostro sodalizio non solo sotto l'aspetto puramente sportivo, ma soprattutto sotto l'aspetto dell'educazione, della crescita culturale e della formazione morale dei giovani. Inoltre, il primo cittadino, ha messo in particolare evidenza l'aspetto organizzativo svolto dal nostro club con le numerose foto festamanifestazioni allestite (prima fra tutte il meeting internazionale "Via col... Vento") che, attraverso lo sport, hanno positivamente contribuito alla promozione turistica del territorio. I riconoscimenti ai tecnici sociali che appassionatamente hanno seguito la preparazione degli atleti e la distribuzione dei premi agli atleti di tutte le categorie sono state accompagnate dagli scroscianti applausi dei presenti. A tutti è stato inoltre distribuito il Cd-rom interattivo contenente le immagini fotografiche, i filmati e l'annuario dell'attività, con classifiche, graduatorie e schede personali di ciascun atleta. La tradizionale cena sociale con simpatiche iniziative promosse dagli stessi atleti ha chiuso la serata all'insegna dell'amicizia e del divertimento.

ELENCO DEI PREMIATI
premiatiTecnici e collaboratori: Nadia Gonippo Piatti, Cristina Ratto, Piero Cassius, Paolo Challancin, Simone Lingeri, Marina Fey e Pierangelo Garda. atleti top: Serena Cimalando, Michelle Herbet, Dalila Stevenin atleti senior, promesse e junior: Oriana Cimalando, Patrick Actis Perinetto, Valérie Pramotton, Alessandro Bellavia, Monica Ugonino, Daniele Borando, Christian Ferrat, Hervé Ferrat, Pierre Miniotti, Lorenzo Visconti, Dennis Simeoni atleti allievi: Christian Bordet, Jean Pierre Bovo, Emile Rat, Francesco Perrucchione Veronica Bosonin, Cristina Bertino, Giorgia Ganis, Angelica Mercando atleti master: Angelo Bertelli, Luca Giussani, Pierangelo Garda, Michele Capra, Giancarlo Girod esordienti premio A:Alessandra Ammoni, Alessia Annovazzi, Alessia Battaggia, Stefania Bonin, Simome Bottan, Alexandra cagnino, Martina Cagnino, Claire Challancin, Veronica Costanzo, Anna Covolo, Nicole Nones, Alessandro Servalli, Roberto Ravo. esordienti premio B: Alice Arvat, Enrico Bellardone, Jessica Chenal, Pierre Cortese, Fabio Glesaz, Francesca Milanesio, Alberto Pramotton, Davide Pramotton, Marta Quinson. esordienti premio C: Stefania Clementi, Cecilia Fabiole, Ilaria Quilico, Annalisa Sarteur, Luca Cresto, Simone Cassetto, Lorenzo Gianoglio, Michel Miniotti ragazzi premio A: Martine Michieletto, Miriam Bosonin ragazzi premio premiB:Giulia Maiuri, Sara Dalbard, Michelle Vallomy, Giulia Vitale, Davide Annovazzi, Nicholas Bellavia, Michel Bovo, Mattia Glesaz ragazzi premio C: Denise Cout, Babuska Zarlottin, Elisa Costabloz, Mogaya Parusso, Michael Grasselli, Marijeanne Savin, Lorenzo Maggio ragazzi premio D: Elena Ambrosi, Silvia Borettaz, Enrico Tamburini cadetti premio A: Dénise Nones, Mnuel Challancin, Federico Girodo, Julien Pramotton, Andrea Servalli cadetti premio B: Elisa Balagna, Nicole Bonin, Nicole Rat, Jessica Colliard, Stefano Cresto cadetti premio C: Elisa Masoaro, Nicole Navillod, Donatello Bevilacqua, Alessandro Pusceddu, Nicola Gianotti

autore: Hermes Perotto

indietro

15 gen
2005

Stagione indoor: Dalila Stevenin e Andrea Servalli

San Donato Milanese 15 gennaio. Prima uscita indoor per questa manifestazione riservata ai salti in elevazione. Seppure a corto di preparazione specifica scendono in pedana la nostra saltatrice con l'asta Dalila Stevenin e il neo-allievo Andrea Servalli nel salto in alto. Per Dalila l'inizio è promettente: 3.20; per Andrea, fermatosi a m 1.50 ci vorrà ancora un po' di pazienza per annotare una prestazione più soddisfacente. L'importante comunque è "rompere il ghiaccio" e, con il freddo di questo periodo, è quello che ci voleva.

autore: Hermes Perotto

indietro

16 gen
2005

A Bra tre primati personali per i nostri atleti

Monica, Michelle e AlessandroBra 16 gennaio. Prima uscita stagionale per un gruppetto dei nostri velocisti e prestazioni di ottimo livello per tutti: Michelle Herbet si aggiudica la medaglia d'argento sui 60m con il tempo di 7.90, uguagliando così, alla sua prima uscita stagionale, il proprio personale realizzato lo scorso anno. Monica Ugonino, sempre sui 60m, realizza il proprio limite con il tempo di 8.17, piazzandosi al quinto posto della graduatoria e limando ben tre decimi rispetto alla passata stagione. Primato personale anche per Alessandro Bellavia, sempre sui 60m, dove, con il tempo di 7.49, manca di un soffio l'accesso alla finale dei secondi, ma migliora di 14 centesimi di secondo il proprio limite. I riscontri cronometrici realizzati dai nostri atleti evidenziano un'ottima condizione di forma e sono sicuramente di buon auspicio per il prosieguo della stagione indoor.

autore: Hermes Perotto

indietro

23 gen
2005

Ivrea Cross Country

Ivrea 23 gennaio. Con il Cross di Ivrea parte la stagione delle campestri per il nostro club. Subito si mette in bella evidenza il neo acquisto Marco Betassa (categoria MM35) che sui 6 km del percorso della gara master si piazza al terzo posto di categoria col tempo di 20'37". Buona la prestazione di Marco se si considera il non proprio ottimo stato di salute. Nella categoria Allievi hanno gareggiato sulla distanza dei 4 km Emile Rat 31° in 14'35", Jean-Pierre Bovo 47° in 15'59" e Francesco Perrucchione 52° in 16'58". Infine esordio con la maglia del Pont Donnas per il cadetto Michel-David Bovo che al primo anno di categoria non si fa intimorire dagli avversari più grandi e conclude i 2500m del percorso in 11'34" piazzandosi al 63° posto.

autore: Cristina Ratto

indietro

29 gen
2005

Michelle Herbet ottiene il personale sui 200 indoor

Genova 29 gennaio. La notoria taccagneria ligure non si smentisce neppure in questa occasione e, nonostante una partecipazione da record con atleti provenienti da gran parte d'Italia, gli organizzatori optano per rinunciare al riscaldamento costringendo gli atleti a gareggiare in tenute più consone ad una corsa campestre piuttosto che ad una gara indoor. Nonostante questo inconveniente Michelle Herbet dimostra di essere in ottima condizione di forma e, seppur "imbacuccata" a dovere per difendersi dal freddo, ottiene un probante 26.12 sui 200m che costituisce il suo nuovo primato personale indoor (precedente 26.23 del 2003). Migliora il proprio "personale" sui 200m anche Alessandro Bellavia ottenendo il tempo di 24.07 (precedente 24.23 del 2004). Il neo-allievo Andrea Servalli affronta nuovamente la gara di salto in alto e si migliora di 10 cm rispetto alla precedente prova, salendo a m 1.60, poi si dedica ai 200m dove ottiene il tempo di 26.29.
Problemi di trasporto dell'attrezzo impediscono a
Dalila Stevenin di essere fra le protagoniste del salto con l'asta, pertanto l'atleta "ripiega" sul salto in lungo dove però non va oltre i m 4.90, pagando lo scotto delle lunghe attese all'addiaccio fra una prova e l'altra.
Resta da augurarsi che domani, dove nello stesso impianto sarà in programma il meeting nazionale "Pavolini", le condizioni ambientali siano un po' migliori.

autore: Hermes Perotto

indietro

30 gen
2005

Campionati regionali di cross a Donnas

Hervé FerratDonnas 30 gennaio. Una sessantina di partecipanti ha preso parte all'edizione 2005 dei campionati regionali di cross, organizzata dal nostro sodalizio con la consueta perizia. Per i nostri colori annoveriamo le vittorie di Alessandro Servalli nella categoria ragazzi e di Simone Bottan fra gli esordienti del gruppo A. Sempre fra gli esordienti "A", secondo posto per Luca Cresto, mentre fra i cadetti Michel Bovo ottiene la medaglia di bronzo. Fra gli allievi, assente ingiustificato Emile Rat, il migliore dei nostri è Jean-Pierre Bovo che si piazza al quarto posto. Infine, nel cross corto, torna alle competizioni ufficiali Hervé Ferrat che si piazza all'ottavo posto sui 4 km della competizione.

autore: Hermes Perotto

indietro

30 gen
2005

Monica Ugonino: personale indoor e minimo per i Campionati Italiani

gruppo Cadetti/eGenova 30 gennaio. Ottima prestazione per Monica Ugonino al Palasport del capoluogo ligure (stavolta un po' più riscaldato, ma non troppo) dove, sulla distanza dei 400m, ottiene in questa sua prima uscita stagionale il tempo di 59.99 che costituisce il suo primato personale (precedente 60.62 del 2003). Con questa prestazione realizza anche il "minimo" che le consentirà di prendere parte ai campionati italiani giovanili in programma sempre a Genova nel prossimo week end.
Nutrita presenza anche di un bel gruppo di nostri giovani fra i quali si mette in particolare evidenza Federico Girodo che, nel salto in lungo, ottiene la medaglia d'argento con la misura di 5.23 (primato personale) e, nei 60m realizza il proprio primato personale con 8.15. Buon piazzamento anche per Nicole Rat nel getto del peso dove, con la misura di 7.32, ottiene la sesta piazza.
Primato personale anche per Donatello Bevilacqua, sempre nella gara di getto del peso, dove realizza la misura di 8.16.
Qualche problema dovuto ad una preparazione non ancora ottimale per Dénise Nones che, impegnata nel salto in lungo, non va oltre la misura di 4.35, mentre sui 60m si deve accontentare di un 9.24. Stessi problemi per Nicole Bonin (9.46 sui 60 e 3.85 nel lungo), per Elisa Balagna (9.78 sui 60 e 3.73 nel lungo), per Stefano Cresto (8.41 sui 60 e 4.26 nel lungo) e per Manuel Challancin (8.59 sui 60 e 4.17 nel lungo). Niente di cui preoccuparsi, comunque, la stagione è ancora tutta lì davanti e i miglioramenti non tarderanno sicuramente ad arrivare.

autore: Hermes Perotto

indietro

2 feb
2005

Appuntamento con i Campionati italiani giovanili e promesse indoor

Pont-Saint-Martin 2 febbraio. Nel prossimo fine settimana Genova ospiterà la rassegna nazionale indoor riservata alle categorie allievi, juniores e promesse. Quattro sono le atlete che rappresenteranno la nostra società: Michelle Herbet, impegnata sui 60m e sui 200m; Dalila Stevenin, salto con l'asta e salto in lungo; Serena Cimalando, salto in lungo e Monica Ugonino, 400m.
Le prime a scendere in pista saranno Monica Ugonino (batterie dei 400m alle ore 14 di sabato), Dalila Stevenin e Serena Cimalando (qualificazione e finale del salto in lungo alle ore 14 di sabato), seguirà Michelle Herbet (batterie dei 60m alle ore 15.15 di sabato).
Domenica, invece, sarà Dalila Stevenin ad aprile le "ostilità" (qualificazione e finale del salto con l'asta alle ore 9.55), seguita da Michelle Herbet (batterie dei 200 alle 11.45).
Viste le attuali condizioni di forma riteniamo che Michelle Herbet e Monica Ugonino possano realizzare delle buone prestazioni, soprattutto in termini di riscontro cronometrico. Ricordiamo che entrambe hanno stabilito i propri limiti personali proprio negli ultimissimi impegni agonistici che hanno affrontato. Per Dalila e per Serena l'appuntamento presenta qualche difficoltà in più, considerando che il freddo intenso di queste ultime settimane ha impedito loro di svolgere la necessaria preparazione tecnica.
Il nostro sostegno e il nostro incitamento sarà, come sempre, massimale, perché riteniamo che l'essere arrivate a conseguire il "minimo" di partecipazione sia, già di per sé, un traguardo molto importante e ringraziamo fin d'ora le nostre atlete e i loro appassionati e competenti tecnici Cristina Ratto, Nadia Gonippo Piatti e Piero Cassius.

autore: Hermes Perotto

indietro

5 feb
2005

Campionati Italiani giovanili e promesse indoor: bravissima Monica Ugonino

Monica UgoninoGenova 5 febbraio. Ottima prestazione, superiore alle più rosee aspettative, quella che ci ha regalato Monica Ugonino nel corso della prima giornata dei Campionati italiani giovanili e promesse indoor. Con il tempo di 58.67 realizzato sulla pista del Palasport di Genova, la nostra atleta stabilisce il proprio record personale indoor, migliorando di 1 secondo e 32/100 il limite che aveva ottenuto solo una settimana fa sullo stesso impianto.
Purtroppo per la nostra atleta non è bastata questa grande prestazione per riuscire ad accedere alla finale e si deve accontentare della settima posizione conclusiva. Un piccolo rammarico che non offusca tuttavia il grande risultato conseguito, considerando soprattutto che Monica è ancora in fase convalescenziale dopo i problemi fisici che l'hanno tormentata per tutto il 2004.
Buono anche l'ottavo posto conquistato da Dalila Stevenin nel salto in lungo dove, con la misura di 5.17, si migliora di 27 cm rispetto alla precedente gara e, pur denunciando qualche problema di rincorsa dovuto ad una preparazione specifica ancora sommaria, dà l'impressione di essere in buone condizioni di forma. Assente invece dalla competizione Serena Cimalando, vittima, proprio alla vigilia dell'appuntamento, di una fastidiosa forma influenzale.
Valido infine il tredicesimo posto ottenuto da Michelle Herbet nella prova dei 60m dove, con il tempo di 7.94, conferma il proprio attuale standard di rendimento (ricordiamo che l'atleta ha un "personale" di 7.90).

autore: Hermes Perotto

indietro

6 feb
2005

Meeting indoor per i nostri giovanissimi

Bra 6 febbraio. Un gruppetto dei nostri atleti più giovani ha preso parte ad un meeting giovanile svoltosi nella località piemontese ottenendo ottimi risultati: Manuel Challancin, impegnato nei 60hs, si classifica al quarto posto conclusivo con il tempo di 9.86, ma in batteria ha saputo fare meglio fermando i cronometri sul tempo di 9.67. Martine Michieletto è anch'essa quarta nella classifica finale dei 60 metri dove ha corso nel tempo di 9.16 (in batteria però ha "viaggiato" più velocemente: 9.13). Babuska Zarlottin corre anche lei i 60 metri nel tempo di 10.02 classificandosi al 20° posto della graduatoria. Complimenti per aver saputo rinunciare alle feste carnevalesche per essere presenti a questa competizione!

autore: Hermes Perotto

indietro

6 feb
2005

Campionati italiani promesse indoor: ottime Dalila Stevenin e Michelle Herbet

Dalila SteveninGenova 6 febbraio. Tornano in gara, in questa seconda giornata dei Campionati Italiani giovanili e promesse indoor, Dalila Stevenin e Michelle Herbet e, per entrambe, la giornata risulta essere particolarmente positiva. Michelle HerbetDalila, nel salto con l'asta, conquista un'ottima quarta posizione in classifica, uguagliando il proprio limite personale di m 3.30 e fallendo poi di pochissimo la misura successiva a m 3.40; Michelle, determinata e grintosa, corre i 200m a suon di record personale e, con il tempo di 25.68, si migliora di ben 44 centesimi di secondo ottenendo l'undicesima piazza.
Alle nostre tre atlete in gara vanno i complimenti di tutta la società per i positivi riscontri tecnici realizzati, con la convinzione che, nel corso dell'imminente stagione all'aperto, sapranno indubbiamente regalarci ancora emozioni e soddisfazioni.

autore: Hermes Perotto

indietro

12 feb
2005

Tre titoli nella prima giornata dei Campionati Regionali Indoor

Michelle in azione sui 200Genova 12 febbraio. Il Palafiera del capoluogo ligure ha ospitato l'edizione 2005 dei campionati regionali di atletica leggera in sala, assegnando, in un'unica manifestazione, i titoli regionali di ben quattro diverse regioni: Liguria, Piemonte, Lombardia e Valle d'Aosta. Partecipazione quindi nutritissima e gare di ottimo livello tecnico, arricchite dalla presenza di atleti di vertice in quasi tutte le specialità.
A causa della defezione per motivi di salute o di lavoro di diversi nostri rappresentanti, sono state solo tre le nostre atlete presenti a questo appuntamento e per tutte è arrivato, secondo pronostico, il titolo di campione regionale.
Cristina Ratto torna alle competizioni nel getto del peso e si aggiudica la gara con la misura di 8.35; Michelle Herbet conferma le sue attuali ottime condizioni di forma e corre la batteria dei 60m nel tempo di 7.91, poi nella finale, a causa del riacutizzarsi di una infiammazione tendinea nella regione poplitea, non riesce a far meglio di 8.01 conquistando tuttavia il titolo valdostano. Terzo titolo infine per Monica Ugonino che corre il suo terzo 400 stagionale sui suoi attuali standard di rendimento e, con il tempo di 58.98, sale sul gradino più alto del podio.

autore: Hermes Perotto

indietro

13 feb
2005

Dalila Stevenin sale a 3.40 nella seconda giornata dei campionati regionali indoor

Dalila subito dopo il salto a 3.40Genova 13 febbraio. Finalmente è arrivato il nuovo primato personale per Dalila Stevenin: dopo ben cinque volte nelle quali, ripetutamente, aveva eguagliato il proprio limite a m. 3.30, questa volta la nostra bionda gressonara è riuscita a superare la misura di m 3.40. Poi, a dimostrazione di avere ancora potenzialità da esprimere, ha sfiorato di un nonnulla la successiva prova a m 3.50, "divorandosi" le mani per aver gettato al vento questa occasione. 
Michelle Herbet, nonostante le non perfette condizioni fisiche, vuole essere presente nella gara dei 200m e, pur non riuscendo ad esprimersi al massimo, si aggiudica la gara nel tempo di 25.82 che rappresenta comunque la sua seconda miglior "performance" nelle competizioni in sala.
Primato personale e titolo juniores per
Monica Ugonino sempre sui 200m dove ottiene il tempo di 26.09, con un miglioramento di oltre 1 secondo rispetto al suo precedente limite dello scorso anno.
Unico rappresentante della categoria maschile è l'allievo
Andrea Servalli che si porta a casa due titoli di categoria nel salto in alto (1.60) e nel salto in lungo (4.86) denunciando però alcuni problemi di rincorsa che potranno essere rapidamente risolti appena le condizioni atmosferiche gli permetteranno di svolgere una preparazione tecnica appropriata.

autore: Hermes Perotto

indietro

13 feb
2005

Incontro per rappresentative cadette e cadetti: bene i nostri giovanissimi

Genova 13 febbraio. A margine della manifestazione valida per l'assegnazione dei titoli regionali, Genova ha ospitato nella mattinata di domenica, un incontro fra le rappresentative del Piemonte, della Lombardia, della Liguria e della Valle d'Aosta, riservato alle categorie cadetti e cadette.
Dénise NonesNel salto in lungo
Dénise Nones torna sui propri livelli, saltando la misura di 4.60 e Federico Girodo conferma praticamente la misura ottenuta la settimana precedente, "atterrando" a m 5.21. Manuel Challancin corre i 60hs nel tempo di 9.71 (molto vicino al suo personale di 9.67), mentre Michel Bovo marcia per 2 km nel tempo di 13.05.55, migliorando di oltre 1 minuto il suo precedente limite.
"Personale" anche per
Nicole Bonin nel getto del peso con m 7.84, davanti alla compagna Nicole Rat (7.46). Ancora nel lungo Elisa Balagna salta m 3.68 e Miriam Bosonin, al suo esordio fra le cadette, corre i 60hs nel tempo di 12.27. Infine Stefano Cresto e Dénise Nones danno man forte alle staffette 4 x 200m che ottengono rispettivamente il tempo di 1.50.55 e 1.57.73.

autore: Hermes Perotto

indietro

20 feb
2005

Meeting giovanile indoor a Genova

Genova 20 febbraio. Partecipazione tutta giovanile a questo ultimo appuntamento indoor in programma nel capoluogo ligure. Fra le cadette Dénise Nones corre i 60 piani e i 60 ad ostacoli e ottiene il primato personale in entrambe le prove, rispettivamente con il tempo di 9.09 e di 12.51; stesse gare per Miriam Bosonin e per Michelle Vallomy che realizzano rispettivamente i tempi di 9.75 e di 10.23 nella gara in piano e le prestazioni di 12.92 e 13.04 nella prova ad ostacoli. Nella categoria ragazzi Martine Michieletto e Michael Grasselli ottengono il primato personale nel salto in lungo rispettivamente con 4.08 e con 4.23, mentre Babuska Zarlottin, Mogaja Parusso e Stefania Bonin realizzano, nella stessa gara, le misure di 3.57, 3.12 e 2.90.

autore: Hermes Perotto

indietro

27 feb
2005

Marco Betassa inizia col botto la stagione delle maratone

Salsomaggiore 27 febbraio. La Maratona delle Terre Verdiane, disputatasi oggi a Salsomaggiore, ha visto fra i protagonisti assoluti il nostro nuovo atleta Marco Betassa che ha ottenuto un risultato di grande livello tecnico. Con condizioni climatiche non certo primaverili (neve alla partenza e freddo pungente per tutto il tracciato) Marco ha saputo realizzare il proprio nuovo limite personale con il tempo di 2.37.03 conquistando la settima posizione assoluta. Complimenti per questa ottima prestazione che costituisce indubbiamente il preludio per ulteriori miglioramenti nel corso della stagione.

autore: Hermes Perotto

indietro

5 mar
2005

Dalila Stevenin conclude la propria stagione indoor

S. Donato Milanese 5 marzo. Così come aveva iniziato, Dalila Stevenin ha deciso di concludere la propria stagione indoor sulla stessa pedana della località lombarda. Scesa in pedana con l'intento soprattutto di allenarsi, visto che ultimamente il freddo intenso le ha impedito qualsiasi esercitazione tecnica sul campo, la nostra atleta ha superato la misura di m 3.20 fallendo di poco i successivi tentativi a 3.40.

autore: Hermes Perotto

indietro

6 mar
2005

Successo dello Sprint Festival di Verrès

vedi la galleria fotografica

foto di gruppoVerrès 6 marzo. La prima edizione dello Sprint Festival 2005 svoltasi oggi al Palasport di Verrès ha ottenuto un ottimo successo. Buona l'organizzazione tecnica curata dalla nostra società per questo evento indetto dal Comitato Fidal Valle d'Aosta.
Oltre 130 gli atleti-gara partecipanti (in maggioranza appartenenti al nostro club) e tanti brillanti piazzamenti per i nostri atleti.
Roberto Ravo (esordienti B), Erika Nones (esordienti B), Nicole Nones (esordienti A),
Simone Bottan (esordienti A), Babuska Zarlottin (ragazze), Federico Girodo (cadetti), Alessandro Bellavia (uomini) e Marina Fey (donne) hanno conquistato la medaglia d'oro sui 30 metri piani.
Nicole Nones (esordienti A), Babuska Zarlottin (ragazze), Julien Pramotton (cadetti) si sono invece aggiudicati la prova sui 30 ad ostacoli.
foto di gruppoMedaglia d'oro anche per Claire Challancin nel percorso di abilità.
Brave le piccolissime Cecilia Fabiole e Marta Quinson; piazzamenti di rilievo per Anna Covolo, per Alessandra Ammoni, per Alessia Annovazzi, per Francesca Milanesio e per Ilaria Quilico e per Luca Cresto fra gli esordienti A; Stefania Bonin, Alexandra e Martina Cagnino e Alessandro Servalli si sono ben difesi fra i ragazzi; fra le cadette si sono messe in buona evidenza Dénise Nones, Nicole Bonin, Alice Volpi, Elisa Balagna, Nicole Rat mentre fra i cadetti registriamo i positivi risultati di Stefano Cresto.
Una menzione particolare merita Martine Michieletto che ha purtroppo dovuto abbandonare le competizioni a causa di un infortunio.
Nelle categorie maggiori si sono ben difesi Andrea Servalli fra gli allievi, Giorgia Ganis fra le juniores ed Hervé Ferrat fra i senior.
Infine salutiamo con piacere il ritorno in una competizione di velocità per Cristina Ratto.

autore: Hermes Perotto

indietro

13 mar
2005

Tavagnasco cross country

Tavagnasco 13 marzo. Si è svolta oggi a Tavagnasco la terza edizione del Cross Country alla quale la nostra società ha fornito il proprio contributo organizzativo. In questa giornata con un clima finalmente quasi primaverile solo due erano i nostri atleti presenti, entrambi della categoria cadetti. Alice Volpi si è piazzata al terzo posto della classifica femminile, mentre Federico Girodo ha concluso al sesto posto in quella maschile.

autore: Hermes Perotto

indietro

20 mar
2005

Seconda e conclusiva tappa dello Sprint Festival

Charvensod 19 marzo. Si è conclusa oggi, nella palestra della scuola media di Charvensod, l'edizione 2005 dello Sprint Festival. 
Buona la partecipazione dei nostri atleti anche se limitata principalmente ai rappresentanti delle categorie esordienti e ragazze.
Sui 30 metri piani vittorie per Erika Nones (esordienti B), per
Simone Bottan (esordienti A) e per Marina Fey (donne) che hanno bissato il successo della prima giornata. Sui 30 metri ad ostacoli Simone Bottan (esordienti A) si è confermato il migliore mentre Erika Nones (esordienti B) ha ottenuto la medaglia d'oro anche nel percorso di abilità.
Buoni i piazzamenti ottenuti dagli altri nostri portacolori:
Lucrezia Alessi (ragazze), al suo esordio, conquista la medaglia d'argento sui 30 piani mentre Alice Arvat (ragazze) sale sul secondo gradino del podio dei 30 ad ostacoli; bella medaglia d'argento anche per Claire Challancin (esordienti B) nel percorso di abilità. Due medaglie di bronzo (30 metri e percorso) arrivano per merito di Alessia Battaggia  (esordienti B) e un'altra (30 ostacoli) per merito di  Stefania Bonin (ragazze).
Bravissime le piccole (esordienti B) Cecilia Fabiole, Marta Quinson e Veronica Costanzo e le più grandicelle (ragazze)
Alexandra e Martina Cagnino.
Con questa manifestazione si conclude la stagione invernale della nostra disciplina. Ora, dopo la breve pausa dedicata alle vacanze pasquali, l'attività passa alle competizioni su pista all'aperto che si aprirà ufficialmente il 9 aprile ad Ivrea con la prima edizione del Meeting De Witt.

autore: Hermes Perotto

indietro

28 mar
2005

Dominio Pont Donnas al Triathlon di Celle

il podio donneCelle Ligure 28 marzo. Trascorrere la Pasquetta sul campo sportivo di Celle Ligure è ormai diventata una tradizione per il nostro club e anche quest'anno una squadra ben assortita si è più che onorevolmente comportata.
La giornata è cominciata subito bene grazie alla comparsa di un bel sole caldo che ha facilitato e allietato sia le fasi della competizione che quelle del successivo - e direi superbo, grazie al mitico Gian Mario - banchetto con tutti i partecipanti al Triathlon.
Per i nostri colori si è trattato di un vero e proprio trionfo. Ci siamo aggiudicati sia la classifica femminile che quella maschile. Marina Fey ha vinto il triathlon donne grazie ad una costanza di rendimento in tutte le specialità: 8"3 sui 60, l'ottimo 5.30 nel lungo e 8.40 col peso da 3 kg.
Vittorioso in campo maschile Julien Pramotton (7"9 sui 60, 5.19 nel lungo e soprattutto un sorprendente 10.06 col peso da 5 kg). A completare il podio maschile ci ha poi pensato Federico Girodo giunto terzo assoluto (8"1, 5.30 e 7.57). Sesta piazza per Jean-Pierre Bovo e ottimo il 14 posto di Alessandro Servalli (cat. Ragazzi) che si è distinto in particolare nel peso con 6.11 e nel lungo con 3.72.
In campo femminile oltre a Marina abbiamo conquistato l'ottavo posto con Nicole Bonin  che fa registrare 9"1 sui 60, 4.10 nel lungo e 7.84 nel peso (3 kg). Nicole precede di un solo punto la sua allenatrice Cristina Ratto (9"4, 3.72 e 9.60). Bene anche Nicole Rat che con 10"4, 3.22 di lungo e 7.91 nel peso ha conquistato la 14ª posizione.
Bravissime poi per impegno e determinazione le giovani della foto di gruppo al marecategoria Ragazze. Questi i piazzamenti delle allieve di Marina Fey e Paolo Challancin che erano impegnate in gara: 16ª Alice Arvat (10"8, 3.32 e 4.83), 17ª Jessica Chenal (10"8, 3.16 e 4.81), 18ª Martina Cagnino (11"3, 3.00 e 3.35) e 19ª Alexandra Cagnino (10"6, 2.70 e 3.17).
Naturalmente non è mancato il gran finale con un bel 1000m per tutti!! Per i nostri colori il miglior tempo maschile lo hanno registrato Julien e Federico giunti insieme al traguardo col tempo di 3.38.8 mentre in campo femminile la migliore è stata Nicole Bonin con 4.32.1.

 

vedi le altre foto della giornata

autore: Cristina Ratto

indietro

9 apr
2005

Il meeting A. De Witt rovinato dalla pioggia

Ivrea. 9 marzo. Era cominciata con una pioggerella fastidiosa, tuttavia - se fosse continuato così - i numerosissimi presenti (erano oltre 600 gli iscritti!) sarebbero comunque scesi in campo per onorare l'impegno di questo 1° Meeting intitolato alla memoria di Alberto De Witt, forte velocista dell'Atl. Canavesana, prematuramente scomparso in giovane età.
Purtroppo le condizioni del tempo sono andate via via peggiorando e, assieme al forte e freddo vento che ha cominciato a spazzare l'impianto del capoluogo eporediese, una violenta pioggia si è abbattuta sulla pista, costringendo i giudici a sospendere e poi ad annullare definitivamente le prove ancora in programma.
Nelle poche prove che sono state portate a termine, l'unica nostra rappresentante che è riuscita a concludere la sua gara, è stata
Anna Covolo che si è ottimamente comportata, classificandosi al quarto posto fra le esordienti "A" con il tempo di 8.59 che costituisce il suo primato personale sulla distanza dei 50 metri.

autore: Hermes Perotto

indietro

17 apr
2005

Per Marco Betassa nuovo primato in maratona

Torino 17 aprile. Con il tempo di 2.35.51, nuovo limite personale, Marco Betassa ha concluso la sua seconda maratona stagionale migliorando di quasi 2 minuti il suo precedente primato. Di rilievo, oltre all'ottima prestazione cronometrica, anche il piazzamento che lo vede al 33° posto della classifica generale e al terzo posto della classifica di categoria (MM35). Complimenti da parte di tutto il club al nostro bravissimo atleta per questa brillante performance!

autore: Hermes Perotto

indietro

22 apr
2005

L'amico Giuseppe Fogu ci ha lasciati

Arnad 22 aprile. Domani mattina accompagneremo per l'ultimo viaggio l'amico Giuseppe Fogu. È molto difficile, in questo triste momento, trovare le parole per esprimere i nostri sentimenti. Una sola cosa ci potrebbe, in questo momento, consolare: saperti vicino al tuo prediletto Mauro per vederlo correre ancora e gioire con lui per le sue vittorie.
Addio Pino, ci mancherai molto.

autore: Hermes Perotto

indietro

26 apr
2005

Stage di Allenamento a Celle Ligure

alcuni atleti del gruppo velocitàIl nostro club ha organizzato, complice il ponte lungo del 25 aprile, uno stage di allenamento a Celle Ligure. Vi hanno preso parte una ventina di atleti tesserati per sodalizi valdostani e piemontesi.
L'accoglienza è stata ottima, come nella tradizione Cellese. Lo stadio G. Olmo ospita ormai da anni numerose delegazioni estere che scelgono la riviera ligure per i loro stages di alcuni atleti del gruppo velocitàpreparazione.
Si sono allenati a Celle alcuni dei nostri migliori atleti: Dalila Stevenin, Michelle Herbet, Monica Ugonino, Hervé e Christian Ferrat, Simone Lingeri e Veronica Bosonin accompagnati dai tecnici Nadia Gonippo Piatti e Cristina Ratto.

autore: Cristina Ratto

indietro

30 apr
2005

Ottime le nostre staffette

Le 2 formazioni della 4x100 RagazzeAosta 30 aprile. l'attività su pista regionale, dopo i rinvii causati dal maltempo delle scorse settimane, inizia con i campionati regionali di staffette e le nostre numerose formazioni si comportano in maniera eccellente. Sette i titoli conquistati dalle nostra squadre e resta il rammarico per aver "gettato alle ortiche" l'ottavo titolo (quello della 4x100 cadetti) a causa di un errore nel cambio.
la vittoriosa 2+4+6+8 CadettiLa prima vittoria arriva per merito della 4x50 esordienti A con Anna Covolo, Simone Bottan, Alessandra Ammoni e Nicole Nones. Sempre gli esordienti A (Francesca Milanesio, Ilaria Quilico, Roberto Ravo, Simone Bottan e Anna Covolo) ci regalano la vittoria anche nella 5x80. Salgono sul gradino più alto del podio la 4x100 ragazze (Mogaya Parusso, Roberta Rial , Babuska Zarlottin ed Elisa Caré) e la 3x800 ragazze (Alice ArvatAlexandra e  Martina Cagnino).
Medaglia d'oro per la 200+400+600+800 cadetti (Alessandro Pusceddu, Manuel Challancin, Federico Girodo e Julien Pramotton) che rimediano brillantemente al pasticcio combinato nella 4x100 e riescono, in questo modo, a farsi un po' perdonare.
4x100 Assoluta Donne (Fey, Ugonino, Bosonin, Pramotton)Senza problemi e senza particolari patemi d'animo le due scontatissime vittorie nella categoria assoluta. Viaggiando a ritmo di allenamento Marina Fey, Monica Ugonino, Veronica Bosonin e Valérie Pramotton si aggiudicano la 4x100Michelle Herbet, Valérie Pramotton, Oriana Cimalando e Monica Ugonino si impongono nella 4x400.
Brave le cadette che ottengono al medaglia d'argento sia nella 4x100 (Elisa Balagna, Myriam Bosonin, Dénise Nones e Nicole Bonin), sia nella 200+400+600+800 (Myriam BosoninDénise Nones, Michelle Vallomy e Alice Volpi) e complimenti alla 4x100 ragazze (Lucrezia Alessi, Martina Cagnino, Alice Arvat e Alexandra Cagnino) che ottiene la medaglia di bronzo.

** vedi tutte le immagini **

autore: Hermes Perotto

indietro

1 mag
2005

A Mondovì brillanti risultati per i nostri colori

** vedi tutte le foto **

foto di gruppoMondovì 1 maggio. Il Meeting di Primavera di Mondovì, tradizionale appuntamento che apre ufficialmente la stagione dell’atletica su pista, giunto alla sua sesta edizione, ha visto quest’anno la presenza di oltre 800 atleti provenienti da gran parte d’Italia in una giornata straordinariamente soleggiata e calda.
La nostra squadra si è presentata a questo evento con ben 27 atleti desiderosi di ben figurare e di vivere una giornata da protagonisti.
Al mattino sono scese in pista le categorie giovanili, iniziando con i 60 metri ragazze che hanno visto Martine Michieletto conquistare, con il tempo di 9.04, un posto nella finale pomeridiana. Alle sue spalle, con il tempo di 9.19 (primato personale), ha ottimamente impressionato la neo-tesserata Elisa Caré che ha ottenuto l’ottava posizione in classifica. Brave anche Babuska Zarlottin, Roberta Rial e Stefania Bonin che hanno saputo migliorare il proprio limite rispettivamente con i tempi di 9.79, 10.23 e 10.91.
Nella prova dei 60 ragazzi primato personale e nona posizione conclusiva per Davide Annovazzi con il tempo di 9.43. alle sue spalle Alessandro Servalli corre nel tempo di 10.28 e si ripete sui 600m in 2.12.69 ottenendo ben due primati personali.
podio di Nicole RatNella categoria cadette registriamo subito due brillanti risultati ad opera di Dénise Nones che conquista la seconda posizione nel salto in lungo con la misura di 4.66 e di Nicole Rat che si piazza al terzo posto nel getto del peso con il primato personale di 8.26.
Sui 300 cadette bella prova di Alice Volpi che ottiene l’undicesima posizione con il tempo di 47.18 (personale).
Pervengono al proprio limite personale anche Miriam Bosonin (salto in lungo con 3.66 e 80m in 12.17) e Michelle Vallomy (lungo con 3.63 e 80 in 12.94).
Fra i cadetti, ancora nel salto in lungo, si mette in bella luce Julien Pramotton che conquista la seconda posizione con il primato personale di 5.65. Limiti personali migliorati anche per Manuel Challancin (4.80) e Stefano Cresto (4.48). Negli 80 piani Julien Pramotton trova ancora la forza per conquistare l’ottava piazza con il tempo di 10.26 mentre Federico Girodo e Stefano Cresto registrano i propri nuovi limiti con 10.49 e 10.78.
Chiude la mattinata di gare Michel Bovo sui 1000 dove perviene al proprio limite con il tempo di 3.44.96.
Si riprende nel pomeriggio con le categorie assolute, juniores e allievi.
Fra le ragazze più grandi Michelle Herbet realizza il proprio limite sui 150m con il tempo di 18.95 piazzandosi al quarto posto assoluto. Ottima anche Dalila Stevenin che si classifica al sesto posto nel salto in lungo con la misura di 5.48, precedendo la compagna di squadra Serena Cimalando che ottiene 5.25 (nona classificata) che corre anche i 300m realizzando un buon 44.85 (primato personale).
Esordio sulla distanza dei 3000m per Elisa Blanc che chiude la sua prova nel tempo di 13.47.02.
Alessandro in azioneAlessandro Bellavia, unico rappresentante del “sesso forte”, scende in gara sia sugli 80 che sui 150 metri e ottiene i propri “personali” in entrambe le gare rispettivamente con 9.52 e 17.73.
Fra le juniores ottima prova di Monica Ugonino, capace di arrivare vicinissima al proprio primato sui 300 con il tempo di 40.96, classificandosi al secondo posto della categoria (8ª prestazione assoluta). Brava anche Veronica Bosonin che ottiene il proprio limite con 11.60 sugli 80 metri (6ª juniores).
Per la categoria allievi si cimentano nella prova dei 200 ad ostacoli Andrea Servalli e Jean Pierre Bovo ottenendo rispettivamente i tempi di 30.31 e di 32.84 piazzandosi al 3° e 4° posto della classifica.
Infine fra le allieve registriamo l’ottima prova di Nicole Navillod capace di correre i 150m nel tempo di 21.40 (limite personale).
Si conclude così una giornata ricca di ottimi risultati, significativa dell’ottimo lavoro portato avanti dai nostri tecnici e che apre le porte ad una stagione che si preannuncia (se questo è il prologo) foriera di belle soddisfazioni.

autore: Hermes Perotto

indietro

4 mag
2005

Grazie a tutti!

Pont-Saint-Martin 3 maggio. Un grazie di cuore a tutti i genitori, agli amici e ai tecnici che hanno preso parte alla serata promozionale indetta dalla Ditta Ipoh di Cortaccia (BZ) e che ci ha permesso di incamerare la somma di 520 euro che verranno destinati alla nostra attività sportiva e, in particolare, a pagare un paio di rate del nuovo pulmino che abbiamo acquistato. La crescita della nostra società passa anche attraverso l'aiuto e la collaborazione delle persone che ci sono vicine; il sentire che le nostre idee e le nostre iniziative trovano una risposta pronta ed efficace ci dà la certezza che la strada che stiamo percorrendo è quella giusta. Un grande grazie ancora a tutti.

autore: Hermes Perotto

indietro

7 mag
2005

Prima giornata del Trofeo promozionale

foto di gruppoAosta 7 maggio. Quattordici vittorie e ben ventidue primati personali sono il bottino che i nostri giovani portano a casa in questa prima giornata del Trofeo promozionale. Da evidenziare, in modo particolare, l'inattesa vittoria - fra i cadetti - del bravissimo Federico Girodo nel salto in alto dove ottiene la ragguardevole misura di 1.70 (personal best), dopo aver corso gli 80m col proprio nuovo limite personale di 10.1. Ottimo anche Julien Pramotton che si aggiudica, a suon di primato personale, i 300 ad ostacoli (44.4) dopo essersi aggiudicato gli 80m nel tempo di 10.0. Bella vittoria anche per Donatello Bevilacqua nel lancio del disco con il suo nuovo primato personale di 21.13. Bravi, infine, Manuel Challancin, che si migliora sia nella prova dei 300hs (45.2) sia nel lancio del disco (20.38) e Michel David Bovo che conclude i 2000m nel tempo di 7.50.4.
Fra le cadette Nicole Rat porta a casa vittoria e primato personale nel disco, con un lancio a 21.59. Due primati personali anche per Alice Volpi e per Nicole Bonin nei 300hs, mentre Dénise Nones ed Elisa Balagna si devono accontentare di buoni piazzamenti nelle competizioni a cui prendono parte (80 e alto).
Fra le ragazze, Babuska Zarlottin si impone nel salto in lungo e nei 60 ad ostacoli con relativi nuovi limiti personali e si aggiudica il triathlon femminile. En plein invece per il compagno di squadra Michael Grasselli che sale sul gradino più alto del podio in tutte e e tre le prove del triathlon (60hs-lungo-600) ottenendo il record personale nelle due prove di corsa. Per i giovanissimi Stefania Bonin e Alessandro Servalli due primati personali ciascuno (rispettivamente 60hs e 600 e 60hs e lungo) con un buon terzo posto finale per entrambi.
Nelle gare di contorno riservate alle categorie superiori, l'allievo Francesco Perrucchione si aggiudica il lancio del disco, avvicinando i 30m (29.04) e stabilendo il proprio nuovo limite. Vittoria e primato personale  anche per gli allievi Emile Rat negli 800 (2.32.3) e Jean Pierre Bovo sui 400hs (1.14.5).
Infine la junior Valérie Pramotton si aggiudica la gara dei 400hs nel tempo di 1.22.3.

autore: Hermes Perotto

indietro

10 mag
2005

È arrivato il nuovo pulmino!

Pont-Saint-Martin, 10 maggio. Ecco le prime immagini del nuovo pulmino il pulmino nuovoche, grazie ad alcuni aiuti "sostanziosi" da parte della Comunità Montana Monte Rosa, della Conad di Pont-Saint-Martin e Verrès, dell'Autosalone Fiat Cesaro di Pont-Saint-Martin e della Ditta Komarek di Caluso, senza dimenticare la "mano" dataci dai genitori degli atleti e i grandi sacrifici da parte della nostra "cassa", fa bella mostra di sé presso il campo Crestella di Donnas e, soprattutto, è pronto per percorrere migliaia di chilometri per portare i nostri ragazzi a gareggiare un po' ovunque in giro per il mondo.

** alcune immagini del nuovo pulmino **

autore: Hermes Perotto

indietro

15 mag
2005

Campionato di società assoluto. La leadership femminile è di nuovo nostra!

foto di squadraTorino 14 e 15 maggio. Sono trascorsi 6 anni da quando la nostra società affrontò per l’ultima volta la competizione di squadra femminile assoluta. Lasciammo il campionato nel 1999 con una squadra che aveva mietuto allori di altissimo livello (tre anni in serie A nel 1994, 1995 e 1996, rispettivamente con un nono, un quinto e un sesto posto in classifica nazionale) e che aveva raggiunto risultati mai conseguiti prima e mai uguagliati dopo da nessun’altra compagine valdostana di atletica leggera (e, probabilmente, in nessun altro sport a livello femminile). Avevamo lasciato perché erano venute meno le condizioni economiche per poter rimanere a quei livelli e, da allora, vuoi per una sorta di fenomeno di rigetto, vuoi per una scelta tecnica precisa, avevamo rinunciato deliberatamente a prendere parte al campionato di società assoluto.

Quest’anno, considerato che potevamo disporre di tutte le nostre atlete in discrete condizioni di salute e contando anche sul rientro di qualche atleta esperta e motivata ci abbiamo riprovato seppur con uno spirito completamente diverso da quello che ci animava in quegli anni “formidabili”. L’obiettivo è quello di ottenere il “pass” per la finale interregionale di serie B e questo sarebbe già un motivo di grande soddisfazione.

La fase regionale disputatasi sull’impianto sportivo “Primo Nebiolo” di Torino ha visto le nostre atlete comportarsi ottimamente.

Nella giornata di sabato le nostre ragazze hanno portato a casa 1 vittoria, 2 secondi posti, due terzi posti, un quarto e un sesto posto individuale. Marina Fey sale sul gradino più alto del podio nel salto triplo con il proprio limite personale di 11.38 e dà man forte alla staffetta 4x100 (con Monica Ugonino, Michelle Herbet e Veronica Bosonin) che ottiene l’argento con il tempo di 51.68 a soli 2 centesimi dalla compagine della Sisport Torino.

Cristina RattoArgento anche per Cristina Ratto nel lancio del martello con la misura di 32.59 che costituisce una delle migliori prestazioni italiane della categoria master35. Terzo gradino del podio per la sempre brillante Michelle Herbet sui 100m corsi nel tempo di 12.72 e per una determinata e grintosa Monica Ugonino sui 400 che “chiude” nel tempo di 58.66.

Quarto posto per Serena Cimalando nel salto in alto con la misura Stefania Paolonidi 1.45 e sesto posto ancora per Cristina Ratto nel getto del peso con m 8.85 che si piazza, di misura, davanti alla compagna di squadra Stefania Paoloni (settima con m 8.82), atleta tornata a vestire la gloriosa divisa rosso-azzurra dopo 15 anni di assenza dai campi (e due splendidi figli). Dodicesimo posto conclusivo per Elisa Blanc, mezzofondista “convertita” dal ciclismo all’atletica, in possesso di ottime potenzialità, ma ancora a corto di preparazione specifica che termina la prova dei 1500 in 6.00.65.


Angela ClementelliLa giornata di domenica si apre con una graditissima sorpresa:Angela al giavellotto scende in pista sui 400hs la “mitica” Angela Clementelli e riesce ancora a dare lezione di tecnica a tantissime giovani, cogliendo un inaspettato quanto importante secondo posto con il tempo di 1.09.24; successivamente ci offre ancora un piccolo saggio della sua intramontabile “grinta” nella gara di giavellotto che conclude al 5° posto con la misura di Oriana e Valérie 28.90. Sugli 800 assistiamo ad una lotta “casalinga” fra le nostre due atlete Oriana Cimalando e Valérie Pramotton. È Oriana ad avere la meglio con un ottimo “rush” finale che le consente di realizzare il tempo di 2.35.03 prestazione che le apre nuove prospettive agonistiche, soprattutto in considerazione della grande facilità di corsa che ha dimostrato. Per Valérie comunque il buon 2.40.71 finale e l’ottima condotta di gara sono un più che soddisfacente esito per questa prova. Serena Cimalando, nonostante un fastidioso vento contrario, ottiene la quinta posizione in classifica con un buon 5.22 nel salto in lungo. Per concludere degnamente la giornata ci pensa la staffetta 4x400 con Serena Cimalando, Monica Ugonino, Valérie Pramotton e Oriana Cimalando che conquistano una bella medaglia d’argento con il tempo di 4.22.78.

La Staffetta 4x400Il punteggio finale realizzato dalla squadra supera gli 8.000 punti e ci dà il diritto ad accedere alle fasi di recupero punteggi in programma nelle prossime settimane dove aspettiamo in gara le “grandi assenti” di questa prima fase: Dalila Stevenin che ci porterà preziosi punti nei 100 ostacoli e, soprattutto, nel salto con l’asta, Fiorella Vairos che tornerà sulla pedana del lancio del disco e Michelle Herbet, oggi in precauzionale riposo, nella “sua” gara dei 200m.

Obiettivo finale il superamento degli 11.000 punti che dovrebbero consentirci l’accesso quasi sicuro alla finale B in programma all’Arena Civica di Milano il 12 giugno prossimi.

A difendere i nostri colori in campo maschile è sceso in pista Hervé Ferrat che ha corso un 800 come utile test per quella che considera la sua gara: i 400. Per lui un crono finale di 2'04"72 non lontano dal suo primato personale.

autore: Hermes Perotto

indietro

15 mag
2005

Nicole Rat è la nuova primatista regionale cadette del lancio del martello

NicoleAlessandria 15 maggio. La prima tappa del Grand Prix nazionale giovanile si è disputata sul campo scuola di Alessandria e i nostri giovani atleti si sono comportati, ancora una volta, brillantemente. In grande evidenza, in modo particolare, la nostra lanciatrice Nicole Rat che, impegnata nel lancio del martello, ha scagliato l'attrezzo da 3 kg alla misura di 25.16 che, oltre a regalarle una splendida medaglia d'argento, le ha consentito di migliorare il record regionale della categoria cadette.
Ottima prestazione anche per Julien Pramotton sui 100 ad ostacoli dove migliora il Federico impegnato sui 300proprio limite personale portandolo a 15.50, mentre Federico Girodo stabilisce il proprio "personal best" sui 300m con il tempo di 41.67.
Ancora in campo femminile bella e gradita sorpresa da parte della neo-allieva Nicole Navillod che porta a termine il primo 200 della sua "carrriera atletica" con un buon 28.94. Positiva prova anche per Alice Volpi che corre gli 80m nel tempo di 11.86 e i 300m in 47.73 (molto vicini ai propri limiti personali).
Complimenti ai nostri giovani che hanno saputo onorare in modo esemplare questo importante impegno a livello nazionale.

autore: Hermes Perotto

indietro

21 mag
2005

Nuovo primato personale sui 400 per Monica Ugonino

Monica UgonimoPavia 21 maggio. Un risultato tanto atteso, desiderato, voluto ed infine ottenuto grazie ad una volontà ferrea, lottando contro quei maledetti problemi alla schiena che sembrano, ora, in via di risoluzione. Era dal settembre del 2003 che aspettavamo questo momento, dopo quel 58.16 che le permise di conquistare la medaglia d’argento ai campionati italiani allieve. Oggi, finalmente, in questa manifestazione interregionale svoltasi in terra lombarda, Monica Ugonino è riuscita a scendere al di sotto del “muro” dei 58 secondi realizzando uno splendido 57.60 che la proietta nuovamente fra le migliori specialiste nazionali della categoria juniores.
Dalila SteveninIn gara anche la bravissima Dalila Stevenin che, nell’ottica del recupero dei punteggi per i campionati di società, si “improvvisa” ostacolista e realizza un buon 17.01 che sarebbe potuto essere anche migliore se non avesse dovuto scavalcare, oltre ai regolamentari 10 ostacoli, il corpo di un’avversaria che, cadendo, era finita nella sua corsia.
Al di là dei risultati individuali vanno registrati i preziosi punti che le nostre due atlete hanno portato alla società nella speciale classifica del campionato a squadre, confermando la leadership in campo regionale e continuando la "scalata" verso quegli 11.000 punti che costituiscono il traguardo che ci auguriamo di raggiungere.

autore: Hermes Perotto

indietro

21 mag
2005

A Biella ottimi i nostri cadetti!

Nicole Rat sul podioBiella 21 maggio. Nicole Bonin sul podioManifestazione interregionale valida quale gara di rappresentativa per la categoria cadetti quella svoltasi oggi allo stadio Lamarmora di Biella. Bravissimi, per l’occasione, i nostri portacolori che hanno ottenuto una medaglia d’argento nel salto in alto con Federico Girodo che ha superato l’asticella a m 1.64, due medaglie di bronzo rispettivamente con Julien Pramotton nel salto in lungo con m 5.43 e con Nicole Rat nel getto del peso dove ha migliorato il proprio Manuel Challancin - podio 100hsrecord personale con m 8.58 e due sesti posti con Manuel Challancin nei 100 ad ostacoli (16.64 il suo tempo, non lontano dal proprio limite di 16.3) e con Nicole Bonin  nella gara degli 80 ad ostacoli dove ha brillantemente migliorato il proprio “personale” di oltre 1 secondo e mezzo portandolo a 15.37.
Ancora primati personali a iosa realizzati, nell’ordine, da Miriam Bosonin sugli 80m (11.99), da Michelle Vallomy nel salto in lungo (3.67), da Stefano Cresto sugli 80m (10.61) e da Michel David Bovo nei 1000m (3.36.01). Ottima prova, fra le nostre due “trecentiste”, di Alice Volpi che ottiene il proprio limite personale con 47.21, mentre Elisa Balagna ci va molto vicina con il tempo di 50.15.

** altre immagini **

autore: Hermes Perotto

indietro

22 mag
2005

Meeting Rencontre de Printemps disturbato dal maltempo

nutrito pubblico presente al meetingDonnas 22 maggio. Poteva essere una splendida giornata di sport: oltre 300 erano gli iscritti a questa edizione del Meeting “Rencontre de Printemps”, ma Giove Pluvio ci ha messo lo zampino e le attese per una manifestazione di alto livello sono, purtroppo, andate deluse.
Presenti sul campo i tre migliori lanciatori nazionali di disco, Cristiano Andrei, Diego Fortuna e Hannes Kirchler, dopo aver “saggiato” le condizioni della pedana inzuppata d’acqua, hanno deciso di riprendere la via di casa. podio Disco donnePiù coraggiose le discobole Giorgia Baratella e Giorgia Godino (fra le migliori specialiste nazionali della disciplina), grazie anche ad un lieve miglioramento delle condizioni atmosferiche, hanno dato prova di ottima perizia concludendo la loro prova con le misure di 50.70 e di 48.00 con l’atleta di “casa” Fiorella Vairos, al rientro in pedana dopo anni di assenza, ottima terza classificata con 29.28.
Nei 100 femminili, pioggia e vento contrario hanno accompagnato la prova delle atlete in gara. Michelle Herbet ha concluso la sua gara al secondo posto con 12.70, mentre l’allieva Nicole Navillod “chiude” all’ottavo posto (ma prima nella sua categoria) con 14.03.
Stesse condizioni atmosferiche per i 100 maschili dove, fra gli allievi, Christian Bordet è terzo con il tempo di in 12.71.
Le pessime condizioni climatiche non impediscono a Monica Ugonino di conquistare la medaglia d’oro sui 200 femminili con il tempo di 26.37; bene ancora Nicole Navillod che termina al terzo posto fra le allieve con il tempo di 29.05. Nei 200 maschili Hervé Ferrat conclude la sua prova col tempo di 24.85 mentre l’allievo Emile Rat si aggiudica la gara terminando in 26.81.
Nel lancio del peso femminile registriamo un’altra vittoria per i nostri colori: si tratta di Stefania Paoloni che si aggiudica la gara con la positiva misura di 8.85.
Dalila Stevenin in azioneDiscorso a parte merita Dalila Stevenin nel salto con l’asta: dopo aver brillantemente superato l’asticella posta a m 3.20 ed aver, in questo modo, conquistato la medaglia d’oro, fa porre l’asticella sulla misura di m 3.40. Purtroppo, a causa di un errore in fase di svincolo, ricade con la schiena sull’asticella stessa, procurandosi una forte contusione che le impedisce di proseguire la competizione.
Nel salto in lungo Christian Ferrat è secondo con la misura di 5.50, Andrea Servalli, febbricitante, riesce ad aggiudicarsi la gara di salto in alto allievi con 1.60, mentre nel lancio del disco allievi Francesco Perrucchione è medaglia d’argento con m 25.55.
Nelle gare giovanili in programma ancora ottime prove ancora per i nostri atleti: nella gara dei 50 metri Erika Nones è la vincitrice fra le esordienti B, seguita al terzo posto da Claire Challancin; tripletta per le nostre esordienti A con Anna Covolo (oro), Nicole Nones (argento) e Alessia Annovazzi (bronzo). Primo posto anche per Luca Cresto fra gli esordienti A e secondo e quarto posto rispettivamente per Roberto Ravo ed Enrico Bellardone fra i maschietti B
podio 60 RagazzeFra i ragazzi, impegnati sui 60m, Michael Grasselli si classifica al terzo posto nella gara maschile col tempo di 8.91 mentre Alessandro Servalli conclude al sesto posto in 10.29. Martine Michieletto (8.88) ed Elisa Caré (9.02) terminano rispettivamente al terzo e al quinto posto nella gara femminile con Babuska Zarlottin (9.55) e Roberta Rial (10.27) in settima ed ottava posizione.
Negli 80 cadette Nicole Bonin, Alice Volpi, Elisa Balagna e Nicole Rat si piazzano, nell’ordine, al quinto, sesto, settimo ed ottavo posto della classifica, rispettivamente con l tempi di 11.75, 11.98, 12.17 e 13.42. Fra i cadetti il migliore è Julien Pramotton che conquista la medaglia d’argento con il tempo di 10.19 seguito da Federico Girodo al quinto posto con 10.47, da Stefano Cresto ottavo con 10.83 e da Manuel Challancin decimo con 10.98.

autore: Hermes Perotto

indietro

28 mag
2005

Seconda prova del trofeo promozionale: pochi, ma buoni i nostri giovani

Aosta 28 maggio. A questa prova del Trofeo promozionale contiamo diverse assenze fra i nostri giovani, ma i presenti hanno - come sempre - dato il loro meglio e fatto una gran bella figura.
Desideriamo innanzitutto dedicare un spazio un po' speciale al ragazzo Michael Grasselli che si sta dimostrando veramente il più forte fra i valdostani della sua categoria. Oggi si è preso il lusso di aggiudicarsi il triathlon surclassando tutti gli avversari nei 60 (8.7) e nel vortex (44.95) e dando del filo da torcere a specialisti del mezzofondo arrivando a ridosso del primo anche sui 600 (1.53.1). Nella stessa categoria si è ben comportato anche Alessandro Servalli correndo i 60m in 10.5 e i 600m in 2.15, ma soprattutto si è saputo distinguere nel lancio del vortex con m 31.95. E ricordiamo che il "piccolo" Alessandro è solo al primo anno di categoria.
Fra le ragazze ha favorevolmente impressionato la brava Mogaya Parusso che si è messa in ottima luce nella gara dei 600m, vincendo la prova col tempo di 2.08.4; nel lancio del vortex si è piazzata al secondo posto con m 25.37, mentre sui 60m ha concluso con il tempo di 10.5. La brava Babuska Zarlottin ha invece corso molto bene i 60 m nel tempo di 9.5, si è ben difesa sui 600m con il tempo di 2.15.9, mentre ha pagato un po' d'inesperienza nel lancio del vortex, concludendo con m 22.31.
Nella categoria esordienti l'unica nostra rappresentante, Nicole Nones, ha dimostrato di possedere otttime doti per le prove multiple, aggiudicandosi il triathlon con m 1.18 di salto in alto, correndo i 50m in 8.3 e lanciando il vortex a m 27.41.
Fra i cadetti era presente soltanto Stefano Cresto che si è aggiudicato la prova dei 100 ad ostacoli con il tempo di 17.4 che costituisce il proprio primato personale, mentre nel salto in lungo, pur piazzandosi al secondo posto della classifica, non è andato oltre la misura di 3.85.
Per le nostre due cadette presenti registriamo il primato personale di Elisa Balagna nel salto in lungo con 3.85 (ma può fare sicuramente molto di più) e un "normale" 50.5 sui 300. Per Dénise Nones, ancora un poco debilitata dalla recente influenza che l'ha colpita, annotiamo una positiva vittoria nel salto in lungo con m 4.54 e una medaglia d'argento sui 100 ostacoli con un discreto 15.4.

autore: Hermes Perotto

indietro

29 mag
2005

Si conclude la fase regionale del CdS assoluto femminile con un ottimo risultato di squadra

Pinerolo 28 e 29 maggio. All'inizio i pronostici fatti a tavolino ci facevano sperare nel raggiungimento di circa 10.300 punti; poi, dopo la fase regionale del 14 e 15 maggio avevamo previsto di concludere con un punteggio vicino a quota 11.000. Adesso, dopo la conclusione di questa manifestazione e dopo aver ottenuto la bellezza di 11.108 punti ci rosicchiamo un pochino le unghie per non essere riusciti a fare ancora meglio, complice la maledetta sfortuna che - a volte - ci mette lo zampino.
Dovremmo iniziare naturalmente con i complimenti a tutte le ragazze che hanno saputo dare il meglio di sè, però desideriamo innanzitutto sottolineare che, senza gli infortuni patiti in gara da Marina Fey nel salto triplo e da Angela Clementelli nella 4x400 adesso potremmo contare su un punteggio superiore agli 11.200. Sostanzialmente non cambia assolutamente nulla, però resta il rammarico per aver dovuto buttar via due ghiotte occasioni di sottolineare ancora maggiormente lo strapotere delle nostre ragazze in campo regionale.
Monica e Michelle sui 200 mMa passiamo invece a raccontare le gare portate a termine in modo positivo: Dalila Stevenin nel salto con l'asta, nonostante la schiena ancora dolorante per l'incidente occorsole nell'ultima competizione ha dimostrato un'ottima determinazione superando l'asticella posta a m 3.30; Michelle Herbet, anche lei alle prese con una fastidiosa infiammazione alla gamba destra, corre un ottimo 200 nel tempo di 25.72. Nella stessa gara Monica Ugonino corre "fuori punteggio" con l'obiettivo di conquistare il "minimo" di partecipazione ai campionati italiani juniores e riesce splendidamente nell'impresa "chiudendo" in 25.91, suo nuovo limite personale.
Serena allo stacco nel lungoDiscorso a parte merita Serena Cimalando che ieri, dopo una gara sottotono nel salto in alto conclusa con un modesto 1.45, trova in sé le motivazioni e la giusta determinazione per ottenere il "minimo" per i campionati italiani under23 nella "sua" specialità del salto in lungo dove "atterra" a m 5.31.
L'ultimo tassello mancante alla nostra "costruzione" era rappresentato dalla prova di Fiorella Vairos che doveva assolutamente far meglio di 27.06 per ottenere i "fatidici" 500 punti minimi per la classifica. La nostra "mammina", seppure un po' emozionata e nervosa, riusciva bravamente a piazzare un lancio più che dignitoso a m 28.50.
Nel mezzofondo, dove ci siamo "inventati" delle specialiste dell'ultima ora, va sottolineato il notevole progresso di Elisa Blanc nei 1500m dove è riuscita nel giro di un mese di allenamento specifico a progredire di quasi 30 secondi dando l'impressione di possedere ancora ampi margini di miglioramento. Un bravo e un grazie a Sabrina Venanzio che ha cercato di fare l'impossibile in un 5000 corso nel caldo atroce di queste giornate.
Complimenti infine a Cristina Ratto che, pur non riuscendo a migliorarsi rispetto alla precedente fase, ha dimostrato uno standard qualitativo di rendimento di ottimo livello.
Sempre per restare in tema di sfortuna, contavamo anche sulla prestazione di Stefania Paoloni per "provare" a migliorare il risultato del getto del peso, ma una improvvisa indisposizione l'ha costretta al forfait.
Ora restiamo in attesa di conoscere i risultati delle altre compagini piemontesi, lombarde e liguri per sapere se abbiamo conquistato il diritto a prendere parte alla finale interregionale di serie B che si svolgerà a Milano il 12 giugno prossimi: noi ci speriamo tantissimo, soprattutto per coronare in maniera adeguata i bei successi che le nostre atlete hanno saputo regalarci.

autore: Hermes Perotto

indietro

30 mag
2005

Serena, Michelle, Dalila e Monica: quattro atlete per sei presenze ai Camp. Ital. junior e promesse

Serena, Monica, Michelle e DalilaPont-Saint-Martin 30 maggio. Saranno quattro le nostre atlete presenti a questa edizione 2005 dei Campionati italiani juniores e promesse che si svolgeranno a Grosseto nel prossimo fine settimana. Tre di loro appartengono alla categoria promesse (under23) e sono, nell’ordine, Serena Cimalando che ha ottenuto il “minimo” nella gara di salto in lungo; Michelle Herbet che ha conquistato il “pass” nei 200 metri e Dalila Stevenin che sarà presente sulla pedana del salto con l’asta (sua specialità preferita) e sulla pedana del salto in lungo. La quarta atleta, Monica Ugonino, è invece una juniores e anche per lei l’impegno sarà duplice, correrà infatti sia i 200 che i 400 metri.
Serena, atleta 22enne di Donnas allenata da Piero Cassius, studentessa al secondo anno del corso di laurea in terapia della riabilitazione, ha ottenuto il “minimo” proprio nell’ultima occasione utile dimostrando di essere fisicamente in crescita.
Michelle, 23enne di Challand Saint-Anselme, allenata da Cristina Ratto, studentessa al terzo anno del corso di laurea in psicologia, sempre alle prese con problemini fisici che non le permettono di esprimere al massimo il suo potenziale, si pone come obiettivo di migliorare la propria miglior prestazione stagionale cercando di superare i turni di qualificazione.
Dalila, 22enne di Gressoney Saint-Jean, allenata da Nadia Gonippo Piatti, attualmente in attesa di occupazione dopo un’interessante esperienza in qualità di ausiliario del traffico, sta crescendo tecnicamente in maniera evidente e potrebbe trovare i giusti stimoli per migliorare il già ottimo piazzamento che fece registrare quest’inverno nell’analoga competizione indoor, dove si piazzò al quarto posto della classifica conclusiva.
Monica, 19enne di Chambave, ormai ad un passo dal concludere il suo ciclo di studi superiori presso il Liceo Scientifico di Aosta, allenata ancora da Cristina Ratto, pare aver ormai superato i problemi fisici che l’hanno tormentata per tutto il 2004 e cercherà in ogni modo di conquistare un posto nella finale dei 400m, gara che la vede attualmente fra le migliori specialiste nazionali, proponendosi come obiettivo, un ulteriore miglioramento del proprio “personale”.
Sia per Monica che per Dalila l’impegno nell’altra specialità avrà come obiettivo “solamente” un miglioramento tecnico poiché la loro concentrazione sarà tutta puntata sulla loro specialità più consona.
Alle nostre atlete vanno ovviamente i complimenti di tutta la società per aver raggiunto questo importante obiettivo e il nostro più caloroso “in bocca al lupo”!

autore: Hermes Perotto

indietro

3 giu
2005

Campionato di società assoluto: la squadra femminile è in serie B

Pont-Saint-Martin, 3 giugno. Obiettivo raggiunto: la Fidal ha diramato questa sera l'elenco delle squadre finaliste al campionato di società assoluto di serie B e la nostra ipotesi di qualificazione è stata confermata. Con gli 11.108 punti conquistati dopo la fase regionale la nostra squadra femminile si colloca all'ottavo posto nella graduatoria delle finaliste del raggruppamento che annovera i club della Lombardia, del Piemonte, della Liguria e della Valle d'Aosta. Grande soddisfazione da parte di atlete, tecnici e dirigenti per questo brillante risultato. Ricordiamo che l'ultima "apparizione" della nostra società in questo tipo di competizione risale al 1999 (finaliste della serie A1) dove concludemmo un grande ciclo di successi. Poi per due anni (2000 e 2001) fummo finalisti nel campionato di società di serie B allieve proprio con gran parte delle atlete che ora costituiscono il nucleo di questa squadra. La finale del campionato si disputerà nella "mitica" Arena di Milano domenica 12 giugno.

autore: Hermes Perotto

indietro

3 giu
2005

1ª giornata Camp. Ital. Junior e Promesse: Monica Ugonino centra la finale dei 400

Monica nella batteria dei 400Grosseto 3 giugno. Monica Ugonino è la prima delle nostre atlete a scendere in pista in questa edizione dei Campionati italiani juniores e promesse. La nostra bravissima atleta non ha certamente tradito le aspettative e, con il tempo di 57.96 (sua seconda miglior prestazione di sempre) ha conquistato l'accesso alla finale che correrà domani (sabato 4 giugno). Complimenti per questo primo importante obiettivo e un grande "in bocca al lupo" per la finale.

autore: Hermes Perotto

indietro

4 giu
2005

Monica Ugonino, nella finale dei 400, conclude la prova con un ottimo sesto posto

Monica (con Michelle) dopo la premiazioneGrosseto 4 giugno. Monica Ugonino non tradisce le aspettative e, con un ottimo 57.73 coglie un brillante sesto posto nella finale dei campionati italiani juniores dei 400 metri. Probabilmente se avesse distribuito un po' meglio le forze, con passaggi più regolari, forse adesso potremmo raccontare di un risultato migliore, ma le inutili dissertazioni sui "se" e sui "ma" lasciano il tempo che trovano, mentre dobbiamo riconoscere che la nostra atleta ha ancora una volta messo tutta sé stessa in questa competizione, dimostrando quella determinazione, quella voglia di far bene, quella grinta che sono la sua caratteristica principale e che ha saputo dimostrare soprattutto nella lunga attesa che quel mal di schiena Serena in gara nel lungoche l'ha tormentata per tutta la scorsa stagione, piano piano scomparisse. Brava Monica per questo bellissimo risultato che costituisce sicuramente un altro passo avanti verso una carriera di importanti soddisfazioni.
Per Dalila Stevenin e Serena Cimalando, impegnate nella gara di salto in lungo, il risultato non ha nulla di eccezionale, ma rientra in un ambito più che dignitoso: 14° posto per Dalila e 15° per Serena, rispettivamente con 5.30 e 5.19. Dalila avrà modo si mettere in mostra le proprie doti domani nel salto con l'asta, mentre per Serena le occasioni di miglioramento arriveranno sicuramente nel prosieguo di stagione.

autore: Hermes Perotto

indietro

4 giu
2005

ancora primati personali per i nostri giovani

Aosta 4 giugno. Continuano a migliorare i nostri giovani atleti che hanno preso parte a questa prova regionale del trofeo promozionale. Nicole Rat porta a casa un altro primato personale nel lancio del disco, raggiungendo la misura di 21.79. L'allievo Andrea Servalli si dedica invece alla velocità e ottiene il proprio nuovo limite con il tempo di 25.9.
Sempre brillanti i nostri portacolori della categoria ragazzi con Babuska Zarlottin che si migliora nel salto in lungo (3.66) e nel getto del peso (6.32), Michael Grasselli che progredisce nel getto del peso (10.08) e Alessandro Servalli che "cresce" nel salto in lungo (3.75).
Per Federico Girodo, Alice Volpi e Nicole Bonin, pur non registrando progressi, i risultati sono in linea con le loro migliori performance stagionali.

autore: Hermes Perotto

indietro

5 giu
2005

all'insegna della sfortuna la giornata conclusiva dei campionati italiani

Grosseto 5 giugno. Non poteva certamente andare peggio di così! Dalila Stevenin si infortuna in riscaldamento (distorsione alla caviglia) e compromette ogni possibilità di risultato. Michelle Herbet e Monica Ugonino si trovano di fronte ad un muro di vento contrario nelle rispettive batterie dei 200 e devono accontentarsi di risultati modesti (rispettivamente 25.91 e 26.52).
Ci sarebbe da inveire contro la sorte nefasta, però facciamo buon viso a cattivo gioco e archiviamo questa edizione dei campionati italiani junior e promesse (che ci regala comunque l'ottimo risultato di Monica sui 400) con un bilancio che non è certamente esaltante, ma che comunque possiamo considerare positivo sotto molti aspetti: un sesto posto in classifica, quattro atlete che hanno conseguito il minimo in sei diverse specialità e un'utile esperienza sotto l'aspetto tecnico.

autore: Hermes Perotto

indietro

5 giu
2005

ottime prestazioni nel meeting giovanile di Bra

Bra 5 giugno. Un gruppetto dei nostri giovani ha preso parte oggi a Bra ad una manifestazione giovanile con risultati di buona levatura. Fra le cadette Dénise Nones si aggiudica la gara del salto in lungo uguagliando il proprio "personale" di 4.76 ed Elisa Balagna si migliora nettamente, portando il proprio limite al di sopra dei 4 metri (4.14). Entrambe corrono poi i 300m realizzando rispettivamente 47.4 e 50.3. Fra i cadetti Michel Bovo si impone nella prova dei 2000 metri con il tempo di 8.06.9. Per la categoria ragazzi netto miglioramento per Davide Annovazzi che si aggiudica il salto in alto con 1.37, correndo poi i 1000m nel tempo di 3.50.8.

autore: Hermes Perotto

indietro

9 giu
2005

Camp. Reg.li Individuali a Donnas

** la galleria fotografica **

Alessandro Bellavia sui 400Donnas 07 giugno. Poteva essere una giornata ricca di risultati interessanti, ma eolo ci ha messo lo zampino e un forte vento con raffiche oltre i 4 metri contrarie ai salti e alla velocità ha compromesso le prestazioni dei nostri atleti.
Hanno vinto il titolo assoluto Michelle Herbet sui 100 con 12.88 (v-2.8), Serena Cimalando nel lungo con 5.11 (v-3.5) e Christian Ferrat in netta ripresa con un discreto 5.66 nel lungo (v-1.7).
Titolo di campione valdostano promesse a Serena sui 400 corsi vicino al proprio limite personale (1.01.78), a Dalila Stevenin che improvvisatasi lanciatrice (da ferma) è stata capace di una lancio a 25.62 nel giavellotto e a Christian Ferrat sempre nel giavellotto con 32.12.
Titolo juniores sui 400 per una Valérie Pramotton in netto progresso, per lei tempo finale di 1.05.36.
Tra gli allievi vincono il titolo Jean-Pierre Bovo sui 1500 (5.32.10) e la promettente velocista Nicole Navillod che ha corso i 100 in 14.11 (v-2.8).
Infine titolo master35 sui 5000 metri per Pierangelo Garda che ha chiuso la sua fatica in 21.18.66.
podio dei 50 esordientiSi segnalano poi alcuni primati personali ottenuti dai nostri atleti della fascia giovanile, primati che assumono valore doppio se si considera che sono stati ottenuti nelle gare di velocità notevolmente penalizzate dal vento. Babuska Zarlottin si migliora nella gara dei 60 con 9.68, gara vinta da Martine Michieletto in 9.06 (vento -1.6). Anche Jessica Chenal si migliora sui 60 con 11.03 (v-2.2). Tra i ragazzi prova di forza per Michael Grasselli che con 1.4 di vento negativo corre i 60 in 8.90.
Tra i cadetti, nella gara vinta da Julien Pramotton in 10.68, migliora il suo primato Donatello Bevilacqua col tempo di 14.11 (v -2.6).
 

autore: Cristina Ratto

indietro

10 giu
2005

Camp. Regionali: Monica Ugonino si migliora ancora

Aosta 09 giugno. Una piccola ma qualificata pattuglia ha partecipato alla seconda giornata dei Campionati Regionali. Su tutti spicca il risultato di Monica Ugonino che vince il titolo sui 200 abbassando di 39 centesimi il suo fresco primato personale portandolo così a 25.52 (v+0.1), per lei una gara impeccabile con una bella progressione nel rettilineo finale.
Titolo assoluto anche per Oriana Cimalando che si migliora sugli 800 metri col tempo di 2.34.70 e per Valérie Pramotton che si impone sui 400hs in 1.23.19.
Andrea Servalli si laurea campione valdostano allievi nel salto in alto con la misura di 1.65 che eguaglia il suo primato personale per poi ottenere il terzo posto nel salto triplo con 10.91. Sfortunata prova sui 400hs allievi per Jean-Pierre Bovo che incoccia proprio nell'ultimo ostacolo cadendo, per lui un secondo posto col tempo di 1.21.39.

autore: Cristina Ratto

indietro

12 giu
2005

finale dei CdS di serie B, ottime le nostre ragazze!

** galleria fotografica **

Arrivo dei 100 DonneMilano 12 giugno. Il nono posto conclusivo ( o, se volete, il decimo a pari punti con la nona società) non è certamente peggiorativo rispetto all'ottava posizione che occupavamo dopo la fase regionale. Certamente si sono fatte sentire le assenze di Angela Clementelli e di Marina Fey e le non buone condizioni fisiche di Dalila Stevenin, ma le nostre ragazze si sono comportate in modo veramente encomiabile dando tutte sè stesse per ottenere un buon risultato di squadra.
Valérie sui 400hsLa prima a scendere in campo è stata Cristina Ratto che, con un lancio a 33.66, incrementava la sua miglior prestazione stagionale andando a cogliere un ottimo quinto posto. Poi Dalila Stevenin si cimentava ancora una volta sui 100 ostacoli e, complice un vento contrario di quasi 3 metri al secondo e una caviglia ancora dolorante, non riusciva a far meglio di 18.03, ma soprattutto vedeva svanire la possibilità di un buon piazzamento (stava rimontando verso la vittoria della propria serie) a causa di un contatto in corsa con un'avversaria che la costringeva ad accontentarsi di un nono posto finale.
Ottima prova invece per Michelle Herbet, miglior classificata delle "nostre", che conquistava la medaglia di bronzo dei 100 metri con un valido 12.53 (miglior prestazione stagionale). Bravissima anche Monica Ugonino sui 200 metri dove terminava al quinto posto con il tempo di 25.71 nonostante un vento contrario di 2 metri al secondo.
Duplice impegno per Serena Cimalando, prima nel salto in alto, dove, con la misura di 1.45, coglieva il settimo posto e successivamente nel salto triplo dove si classificava al quarto posto con 11.21: bravissima!
Oriana impegnata sulgi 800Sempre più interessante la prova di Oriana Cimalando che correva gli 800 metri dando veramente prova di grandi potenzialità da tenere in debita considerazione stabilendo il suo nuovo primato personale con il tempo di 2.29.52.
Ottima gara anche per Valérie Pramotton, chiamata a sostituire la grande assente Angela Clementelli sui 400 ad ostacoli, non si perdeva d'animo e, generosamente, dava tutta sè stessa migliorandosi nettamente con il tempo di 1.15.43.
Nel getto del peso Stefania Paoloni "scatenava" tutte le proprie energie e si migliorava fino a superare quei 9 metri che costituiscono la sua miglior prestazione stagionale.
Ancora un miglioramento di oltre 8 secondi (5.38.12) era il risultato della bravissima Elisa Blanc che, in ogni gara, acquisisce sempre maggior consapevolezza e determinazione.
le 4 staffettisteGagliarda, infine, la gara della staffetta svedese 100+200+300+400 con Veronica Bosonin, Michelle Herbet, Oriana Cimalando e Monica Ugonino che concludevano al sesto posto della classifica con un valido 2.23.37.
A questo punto possiamo archiviare questo ritorno della nostra squadra femminile in un campionato di società: è stata un'esperienza indubbiamente positiva, le ragazze hanno saputo dare il meglio di sè onorando l'impegno in modo egregio e, soprattutto, evitando le figuracce che - a volte - si evidenziano in questo tipo di competizioni. In cinque gare abbiamo saputo concludere fra le prime sei della classifica, nessuna di loro è stata il "fanalino di coda", tre di loro hanno realizzato il limite personale e altre cinque hanno "fissato" il proprio personale stagionale: più di così cosa potevamo chiedere?

autore: Hermes Perotto

indietro

12 giu
2005

Meeting EAP a Ginevra: Michelle Herbet migliora 100 e 200

** galleria fotografica **

Ginevra 11 giugno. Meeting Internazionale EAP di Ginevra: tra il fior fiore di campioni presenti sulla pista svizzera spuntano anche alcuni nostri atleti in cerca di conferme Michelle sui 200e di condizioni di gara ottimali. A meno di 24 ore dalla finale dei CdS di Milano Michelle Herbet centra la sua miglior prestazione stagionale sia sui 100 con 12.58 che sui 200 con 25.64 dimostrando di essere in netta ripresa dopo vari acciacchi che l'hanno colpita ultimamente.
Monica Ugonino, dopo l'exploit sui 200 ai campionati regionali ha corso un 400 in tutta scioltezza alla ricerca di una migliore distribuzione dello sforzo; il risultato (58"56) non è esaltante a causa di un passaggio a metà gara questa volta troppo lento, non mancheranno altre occasioni per cercare la gara "perfetta".
In gara anche Cristina Ratto che con un lancio a 31.34 nel martello si piazza al sesto posto finale in una gara dove erano presenti avversarie davvero molto qualificate.Andrea Servalli
Dalila Stevenin, al rientro dopo l'infortunio patito a Grosseto non è riuscita a fare meglio di 3.05 nell'asta, fallendo di pochissimo 3.25.
Presenti in gara, per fare esperienza e per assaporare il clima delle competizioni internazionali, due allievi. si tratta di Nicole Navillod e di Andrea Servalli che hanno corso nelle serie minori dei 100 metri.

autore: Cristina Ratto

indietro

13 giu
2005

Meeting giovanile di Castelcovati: brillanti i nostri atleti.

Castelcovati 12 giugno. In questa tappa del Grand Prix giovanile un bel gruppetto di nostri atleti ha preso parte alle competizioni in programma ottenendo buone prestazioni e piazzamenti.
Fra i cadetti Julien Pramotton si è distinto nel salto in lungo dove si è classificato al quarto posto con la misura di 5.41; Manuel Challancin, impegnato nella prova dei 300 ostacoli, si è piazzato al sesto posto con il tempo di 46.02; nella gara degli 80 piani, bravi Federico Girodo e Stefano Cresto che hanno corso rispettivamente in 10.23 e 10.66.
Fra le cadette Dénise Nones ha ottenuto due settimi posti nelle prove a cui ha preso parte: nel salto in lungo ha ottenuto la misura di 4.66, mentre nei 300 ostacoli ha corso in 54.37 (primato personale). Primati personali anche per Alice Volpi ed Elisa Balagna, ancora sui 300 ostacoli, rispettivamente con 56.53 e 61.83. Nicole Bonin ha corso invece gli 80 metri nel tempo di 11.64.
Complimenti infine all'allievo Andrea Servalli che è riuscito "finalmente" ad ottenere il tanto atteso primato personale di 1.70 nel salto in alto.

autore: Hermes Perotto

indietro

17 giu
2005

Meeting internazionale Arcobaleno a Celle Ligure

Celle Ligure 16 giugno. Appuntamento di elevato livello tecnico per questo meeting internazionale EAP giunto alla sua diciassettesima edizione. Per noi che ormai siamo di casa in questa amena località ligure è impensabile non essere presenti sia per dare una mano all'ormai consolidata organizzazione e all'amico Giorgio Ferrando, sia per far gareggiare i nostri atleti sempre desiderosi di esprimere al meglio il proprio potenziale.
Una delle nostre numerose "puntine di diamante", Michelle Herbet, entra per la prima volta a far parte dell'élite internazionale e corre nelle serie delle migliori atlete. Buona la sua prova sui 100 metri dove ottiene il tempo di 12.55, con un decimo posto conclusivo che la piazza a ridosso delle grandi stelle del meeting.
Alessandro Bellavia, un po' a corto di preparazione a causa degli impegni di studio che lo hanno visto conseguire la laurea in ingegneria, si "destreggia" sui 100 e sui 400 metri dove ottiene rispettivamente i tempi di 11.92 e di 54.90 (personal best).
I nostri giovani, impegnati nelle gare di contorno pomeridiane, entrano nello spirito giusto del meeting ottenendo eccellenti risultati. Sui 200 metri l'allieva Nicole Navillod realizza il "personale" sui 200 metri con il tempo di 28.74. Julien Pramotton sale sul  gradino più alto del podio nella gara del salto in lungo cadetti con la misura di 5.52 e si classifica al terzo posto nel getto del peso con il "personale" di 11.60. Bravo anche Federico Girodo che è quarto nel salto in lungo con m 5.20.
Sesto posto fra le cadette per Nicole Bonin nel salto in lungo con il proprio nuovo limite personale di 4.09.
Fra le ragazze buona prova di Martine Michieletto che sale sul podio dei 60 piani con un ottimo terzo posto ottenuto con il tempo di 8.94.

autore: Hermes Perotto

indietro

20 giu
2005

Via col... Vento: un grande Meeting!

** galleria foto nostri atleti ** galleria immagini meeting **

i 200 uominiDonnas 19 giugno. È stato un grande meeting, uno spettacolo di atletica che ha sicuramente soddisfatto i numerosissimi appassionati che hanno gremito le tribune dello Stadio Crestella e che ha ripagato noi organizzatori della gran mole di lavoro che, per oltre cinque mesi, ci ha visto profondere energie ed impegno affinché tutto si svolgesse nel miglior modo possibile.
Moltissimi atleti presenti, tanti risultati eccellenti, una giornata splendida, il solito "buon" vento favorevole, tre nuovi record dello stadio, un mare di primati personali realizzati dai nostri atleti, un sacco di complimenti ricevuti per la perfetta organizzazione, vecchie amicizie consolidate e nuove conoscenze avviate. Questa è in sintesi la cronaca di una giornata vissuta ad un ritmo vertiginoso, iniziata alle 10 del mattino e conclusasi alle 19 della sera.
gruppo volontari e giudiciE, come minimo, dobbiamo ringraziare le tante persone che hanno collaborato con noi, ognuna delle quali ha dato il massimo dell'impegno perché questa splendida giornata rimanesse impressa nella memoria per almeno un anno intero (certamente fino alla prossima edizione).
Sul sito del meeting troverete i risultati completi, le foto, le notizie aggiornate, ma in questa sezione dedicata alla nostra società lo spazio va riservato ai nostri atleti e alle loro "imprese", ai nostri tecnici e ai nostri collaboratori che vogliamo provare ad elencare senza alcun ordine, sperando solo di non dimenticare nessuno: Nadia, Piero, Siria, Paolo, Piero, Gigi, Luciano, Luigi, Loredana, Bruno, Gesuino, Tiziana, Franco, Giampiero, Carmen, Giorgio, Angelo, Anna, Lucille, Natalina, Cleta, Leonardo, Maurizio, Angela, Elena, Laura, Battista, Mauro, Christian, Marzio, Claudio, Giorgio, Claudia, Gilles, Riccardo e poi ancora un grazie particolare a Cristina, Francesco ed Elena, senza i quali "Via col... Vento" non esisterebbe.
Ma ora diamo spazio ai nostri atleti, ai 26 (diconsi ventisei) primati personali migliorati su un totale di 29 atleti presenti.
Michelle alla partenza dei 100mE cominciamo da Michelle Herbet che si guadagna il "minimo" di partecipazione ai campionati italiani assoluti (traguardo che, per molti atleti, costituisce il coronamento di una carriera). La nostra atleta corre un grande 100 e ottiene il record personale di 12.12, migliorandosi di 8 centesimi di secondo. Da sottolineare poi anche la sua prestazione sui 200m dove, con il tempo di 25.21, abbassa il suo limite di 17 centesimi di secondo.
Dalila in azioneE che dire di Dalila Stevenin, Serena Cimalando e di Monica Ugonino? Dalila si migliora superbamente, superando l'asticella a 3m50 e sfiorando poi il "minimo" dei campionati italiani assoluti a 3.55; Serena, nonostante le difficoltà di allenamento per motivi di studio, trova la giusta carica per realizzare il personale nel salto in lungo e con la misura di 5.56 ottiene anche un ottimo primo posto nella categoria promesse; Monica invece si supera sia sui 100 che sui 200 metri ottenendo i propri nuovi primati personali con 12.45 e 25.38.
Grandi, veramente grandi risultati che sottolineano la determinazione e la grinta delle nostre ragazze e la competenza dei loro tecnici.
Brava anche la junior Veronica Bosonin che riesce a migliorarsi sui 100m realizzando il tempo di 13.51.
E adesso veniamo ai giovani che hanno vissuto una giornata da protagonisti nel "Via col... vento giovani".
Sui 60 piani ragazze migliorano tutte le nostre atlete in gara ad iniziare da Martine Michieletto ottima quarta con il tempo di 8.76 davanti ad una sempre più convincente Elisa Caré (quinta con 8.87). E poi brave Babuska Zarlottin (9.50), Mogaja Parusso (9.95), Alice Arvat (10.43), Stefania Bonin e Jessica Chenal (10.71).
Stesso discorso per i 60 ragazzi dove i nostri due rappresentanti, Davide Annovazzi e Alessandro Servalli, si migliorano rispettivamente con 8.79 e con 9.87.
Fra i cadetti, impegnati nella prova di velocità degli 80m, en plein di "personali" ad iniziare dall'ottimo Julien Pramotton che sale sul gradino più alto del podio con il tempo di 9.87 per proseguire con Federico Girodo, terzo classificato con 10.07, con Stefano Cresto, quarto in 10.37 e per concludere con Manuel Challancin che ottiene il tempo di 10.52.
Corsa veloce di 80 metri anche per le cadette dove troviamo i nuovi record personali di Dénise Nones, quarta con 11.07 e di Alice Volpi, sesta con 11.47. "Personal best" anche per Elisa Balagna (11.67), mentre Nicole Bonin si deve accontentare di "eguagliare" la prestazione dell'amica e compagna di scuola (11.67).
Nicole Rat invece si prende il lusso di vincere la gara di disco riservata alle allieve con la misura di 20.32.
Servalli AndreaE concludiamo questo piccolo resoconto con gli allievi dove troviamo i record personali di Nicole Navillod sui 100m (quarta con 13.71) e di Andrea Servalli sui 100m (12.51), ma è più significativa la sua vittoria nel salto in alto con il personale uguagliato a 1.70 e con un tentativo mancato di pochissimo a 1.83. Bravo Francesco Perrucchione nel disco dove si classifica al quarto posto con 28.43 e progressi stagionali (dopo l'infortunio alla caviglia) anche per Christian Bordet sui 200.
Abbiamo detto tutto? Non lo sappiamo. Di sicuro abbiamo detto molto, ma non riusciremo mai ad esprimere tutta la soddisfazione per una giornata che rimarrà nel nostro cuore per tanto tempo ancora.

autore: Hermes Perotto

indietro

22 giu
2005

Meeting Mare e Monti a Vado Ligure

** galleria fotografica **

Vado Ligure 21 giugno. Non si è ancora placato l'entusiasmo per il successo del meeting internazionale "Via col... Vento" che l'attività in calendario già propone altri interessanti appuntamenti. Il meeting "mare e monti" è sicuramente uno di questi, relax in spiaggiaanche per l'attrattiva "marina" della località ligure. Una trasferta abbastanza veloce, una giornata in spiaggia, qualche tuffo refrigerante e, poi, la competizione sportiva: questo è l'allettante programma al quale rispondono entusiasticamente soprattutto i nostri atleti più giovani. La giornata di sole e di mare lascia però qualche "traccia" e, alla fine, ci ritroviamo in pista qualche atleta un po' troppo "abbrustolito" e con qualche energia in meno.
Nicole Rat sul podioIl discorso non vale ovviamente per tutti, infatti la cadetta Nicole Rat riesce a conservare ancora le forze per migliorarsi, questa volta nel lancio del disco, allungando la gittata dell'attrezzo a 22.39, salendo così sul gradino più alto del podio.
Primato personale anche per l'allieva Nicole Navillod nella gara dei 200m dove realizza il tempo di 28.36, dopo aver già corso i 100m nel tempo di 13.82.
In gara anche Michelle Herbet sui 200m. Discreta la sua prova dove si piazza al quarto posto complessivo con il tempo di 25.48.
Per il "resto della truppa" risultati tecnici non esaltanti, ma piazzamenti abbastanza soddisfacenticon il terzo posto di Julien Pramotton nel salto in lungo e con il quarto di Federico Girodo nella stessa prova; il sesto posto di Andrea Servalli nel salto in lungo e l'undicesimo di Alice Volpi sugli 80m.

autore: Hermes Perotto

indietro

24 giu
2005

Michelle Herbet ai campionati italiani assoluti.

MichelleBressanone 24 giugno. Fresca del suo nuovo primato personale di 12.12, Michelle Herbet parteciperà domattina alle batterie dei 100m ai campionati italiani assoluti di Bressanone.
Erano diversi anni che nessun nostro portacolori riusciva nell'intento di realizzare il "minimo" per questa competizione che costituisce - per molti atleti - un obiettivo difficilmente raggiungibile. Nelle gare di velocità poi, dove la partecipazione è piuttosto elevata e dove i minimi sono, conseguentemente, di difficile realizzazione, l'essere riuscita nell'intento rappresenta per la nostra atleta un traguardo estremamente importante.
Non si aspettiamo sicuramente che Michelle riesca a superare il turno di qualificazione, ma siamo sicuri che saprà senz'altro dare il meglio di sé soprattutto se le condizioni fisiche la sosterranno. Da parte di tutti noi un grande "in bocca al lupo!"

autore: Hermes Perotto

indietro

25 giu
2005

per Michelle Herbet: una buona prova agli assoluti

Michelle in azione ai C.I. AssolutiBressanone 25 giugno. Con il tempo di 12.45 Michelle Herbet conclude la sua prima avventura ai campionati italiani assoluti piazzandosi al diciassettesimo posto della classifica generale. Per la nostra atleta si è trattata sicuramente di una positiva esperienza che, al di là del piazzamento (già ampiamente previsto), denota una crescita tecnica sicuramente di valore in quanto la prestazione costituisce una delle sue migliori performance di sempre.

autore: Hermes Perotto

indietro

30 giu
2005

Ad Alessandria ottimi i nostri giovani

Alessandria 29 giugno. La giornata iniziata con il caldo torrido si è conclusa con un violento nubifragio con pioggia e grandine. Nel mezzo di questi due contrastanti eventi atmosferici, il nostri atleti delle categorie giovanili hanno avuto modo di mettersi in particolare evidenza, nonostante un fastidioso vento contrario nelle gare di corsa. Un'ottima Dénise Nones migliora sensibilmente il suo primato personale sugli 80 ostacoli portandolo a 14.23, conquistando una bella medaglia d'argento; poi si dedica al lancio del giavellotto dove realizza la misura di 19.36 (primato personale) classificandosi al 5° posto. Molto brava anche Elisa Balagna, molto vicina al suo personale sugli 80 ostacoli, che ottiene il tempo di 16.48; poi, nel giavellotto, stabilisce il proprio limite con m 12.73. Nei 100 ostacoli della categoria cadetti vediamo impegnati Manuel Challancin che ottiene il tempo di 17.40 e assistiamo con piacere al ritorno alle competizioni di Mattia Glesaz che realizza il tempo di 20.77. Entrambi poi si cimentano nel lancio del giavellotto ottenendo i primati personali, rispettivamente con 19.57 e 12.34.
Per la categoria ragazzi, in campo femminile troviamo la simpaticissima Babuska Zarlottin che si migliora sia sui 60 ostacoli con 11.15, sia nel lancio del vortex con 31.60 (che le vale anche la medaglia d'argento). In campo maschile bravissimi Davide Annovazzi che è quarto nei 60 ostacoli con il "personale" di 10.55 e Alessandro Servalli che è quinto nel lancio del vortex con il suo nuovo limite di 38.56. Per entrambi buone prove anche negli ostacoli (Alessandro 12.47) e nel vortex (Davide 34.12).
Grazie a questi risultati la nostra squadra giovanile conquista il primo posto e si porta a casa l'ambìto premio messo in palio dagli organizzatori! Bravi!

autore: Hermes Perotto

indietro

7 lug
2005

quarto posto per Cristina Ratto al meeting internazionale di Albertville

Albertville 6 luglio. Questa edizione del meeting internazionale EAP di Albertville, "accompagnata" da un clima piuttosto freddo (15°-16°) ha visto presenti in gara alcune fra le nostre migliori atlete. Cristina Ratto, grazie alla sua ormai collaudata esperienza internazionale, ha ottenuto, nel lancio del martello, un ottimo quarto posto con la misura di 35.74 che costituisce la sua miglior "performance" stagionale. Buono il sesto posto conquistato da Dalila Stevenin nel salto con l'asta con la misura di 3.27 (che strane progressioni hanno in Francia!) con la successiva misura di 3.47 fallita di pochissimo.
Sui 200 metri Monica Ugonino, che in mattinata aveva sostenuto la prova orale della "maturità", conclude la sua prova nel tempo di 25.85 complice una prima parte di gara non espressa al meglio. Per Michelle Herbet, invece, la sua gara si conclude a 30 metri dall'arrivo dove deve vistosamente rallentare a causa di un risentimento muscolare.
Simpatica la serata finale (con la cena offerta dagli organizzatori) trascorsa in armonia con la delegazione dei nostri grandi amici di Celle Ligure; un po' meno simpatica la chilometrica coda di TIR al Tunnel del Monte Bianco che ci ha costretti ad un rientro a notte fonda.

autore: Hermes Perotto

indietro

9 lug
2005

ad Alessandria risultati condizionati dalla pioggia

** galleria fotografica **

Martine sul podioAlessandria 9 luglio. L'estate che sembrava esplosa una decina di giorni fa è tornata a nascondersi rapidamente e la manifestazione odierna è stata disturbata da una pioggia costante che non ha permesso di ottenere risultati tecnici di rilievo.
Registriamo comunque alcuni ottimi piazzamenti: Martine Michieletto ha conquistato una bella vittoria nella gara dei 60m ragazze con il tempo di 8.89 e Monica Ugonino si è aggiudicata la medaglia di bronzo sui 400m femminili con il tempo di 58.18. Medaglia di bronzo anche per Federico Girodo nel salto in alto con m 1.50 e, sempre per lui, un quinto posto sui 300m con il tempo di 42.47. Quinta posizione in classifica anche per Alice Volpi sui 300m con 48.26 e settima piazza per Cristina Ratto nel lancio del disco con 19.25.
L'allieva Nicole Navillod sui 100m realizza il tempo di 13.94, mentre la junior Veronica Bosonin, nella stessa gara, non riesce a far meglio di 14.15.
Torna ad affrontare una gara di 400m Hervé Ferrat che conclude con un discreto 54.64, ma lo aspettiamo in condizioni climatiche migliori per una verifica più attendibile.
Andrea Servalli corre i 100m in 12.80 e i 400m in 60.75 (migliorando il proprio personale). Infine Oriana Cimalando corre i 400m nel tempo di 64.30.

autore: Hermes Perotto

indietro

11 lug
2005

meeting Calvesi ad Aosta: in bella evidenza molti nostri giovani

Nicole RatAosta 10 luglio. Il meeting "Sandro Calvesi", giunto alla sua seconda edizione, ha ottenuto un notevole successo di partecipazione. L'evento, ottimamente organizzato, ha richiamato nel capoluogo della nostra regione tante giovani speranze della nostra disciplina. In questo contesto di elevato livello tecnico i nostri giovani hanno ben figurato, ottenendo ottimi piazzamenti e soddisfacenti prestazioni.
Il miglior risultato è arrivato per merito di Monica Ugonino che ha conquistato una bella medaglia d'argento sui 200m con il tempo di 25.81.
Due buoni piazzamenti sono arrivati dalla pedana del getto del peso dove Nicole Rat fra le cadette ha ottenuto il quarto posto con 8.11 e Julien Pramotton il quinto posto fra i cadetti con 11.53. Julien Pramotton si esprime poi in una buona prova sui 300hs dove ottiene il settimo posto in classifica con il suo nuovo "personale" di 44.45.
Dénise NonesSempre sui 300 ad ostacoli registriamo altri tre primati personali ad opera delle cadette Dénise Nones (52.65) e Alice Volpi (55.14) e del cadetto Stefano Cresto (47.32).
Sempre in tema di primati personali, va segnalato il risultato di Michel Bovo che si migliora nettamente sui 2000m cadetti, portando il proprio limite a 7.28.48 grazie ad una condotta di gara molto determinata e grintosa.
Buono il 10.24 con il quale Federico Girodo corre gli 80 metri così come il 46.16 di Manuel Challancin sui 300hs e l'11.90 di Elisa Balagna sugli 80m.
Fra gli allievi Andrea Servalli affronta per la prima volta i 400 ostacoli e realizza il tempo di 1.06.89, mentre Christian Bordet, ormai pressoché ristabilitosi dopo l'infortunio di quest'inverno, corre i 200 nel tempo di 26.12, non lontano dal suo "personale".
Infine bella prova per l'allievo Patrick Ugonino, in forza all'Atl. Monterosa che, avvicinatosi di recende alle gare di velocità, stabilisce il personale sui 200 col tempo di 24"63. 

autore: Hermes Perotto

indietro

14 lug
2005

Meeting Estate Atletica: Monica Ugonino vince i 400

Donnas 13 luglio. Questa volta si gioca in casa ed i risultati non deludono le aspettative! Monica Ugonino vince la gara dei 400 dopo una corsa solitaria e ben condotta col tempo di 58"10 che è da considerarsi ottimo se si pensa che la nostra atleta sta affrontando un periodo di carico dopo il break per la maturità. Stesso discorso per Valérie Pramotton che chiude in 64"63 al 5° posto dietro a Oriana Cimalando, quarta in 64"06. Per restare in ambito assoluto, registriamo il rientro alle Aarrivo dei 100mgare dopo una lunga pausa per il neo ingegnere Alessandro Bellavia che prima corre i 100 in 11"86 e poi doppia sui 200 finendo un po' affaticato in 24"69. Sempre sui 100 si migliora l'allievo Christian Bordet che porta il personale a 12"50. Gara 2 per Hervé Ferrat che prova una diversa distribuzione dello sforzo sui 400 con un passaggio decisamente più lento che porta i suoi frutti: tempo finale 54"17, SB non troppo distante dal suo primato di 53"5 datato 1999. Nel lungo donne sesto posto per Serena Cimalando che con vento nullo atterra a 5.26. Nel disco allievi sesta piazza per Francesco Perrucchione che lancia l'attrezzo a 28.51. Infine sui 1500 discreta prova di Elisa Blanc che chiude al quinto posto con un crono di 5'47"64.
Passando al settore giovanile, si registrano alcune belle prestazioni a cominciare dal terzo posto di Dénise Nones sugli 80 con un buon 11"17 davanti ad Elisa Balagna (11"76), Alice Volpi (11"83), Nicole Rat (13"19 con record personale) e Jessica Colliard (13"71). Nella gara maschile rivincita per Federico Girodo che con 10"16 conquista il terzo posto assoluto davanti a un Julien Pramotton ben lontano dai suoi livelli migliori (4° con un 10"42); rispettivamente sesto e settimo i due compagni di allenamento Manuel Challancin (10"73) e Stefano Cresto (10"84). Infine ottengono il primato personale Mattia Glesaz (11"84) e Michel Bovo (12"30).  Nei concorsi assoluti presente la cadetta Nicole Rat che nel disco ha lanciato a 21.30.
Tra i Ragazzi, terzo posto con tanto di primato personale per Michael Grasselli sui 60 corsi in 8"67; bronzo anche per Martine Michieletto ormai assestatasi su tempi sotto i 9 secondi (8"80), mentre va al personale Jessica Chenal con 10"38 davanti alle compagne di allenamento Alice Arvat (10"76) e Stefania Bonin (10"84).
podio esordientiLa categoria esordienti si è cimentata nel salto in lungo da dove sono venute alcune belle conferme: vittoria per Anna Covolo (3.86), terzo posto per Nicole Nones (3.62) e quarto per Alessia Annovazzi (3.40). Per concludere, Erika Nones (3.25), Luca Cresto (3.23) e Roberto Ravo (2.98) hanno vinto sempre nel lungo nelle rispettive categorie.

autore: Cristina Ratto

indietro

14 lug
2005

Successo della 1ª giornata dell'Estate Atletica

Lena AruhnDonnas 13 luglio. Buon successo di partecipazione alla 1ª giornata del Meeting Estate Atletica dove non sono certo mancati risultati di ottimo livello. Tra i 335 atleti iscritti era presente anche  la quattrocentista svedese Lena Aruhn, tesserata in Italia per l'Atl. Arcobaleno di Celle Ligure che parteciperà ai prossimi mondiali di Helsinki. Per lei grande soddisfazione e primato personale nella gara dei 200 metri vinti col tempo di 23.47 (vento regolare +0.2).
Cristiano AndreiAltra gara di elevato spessore tecnico è stata quella del disco: la gara maschile ha visto primeggiare il finanziere Cristiano Andrei, ormai di casa al Crestella, con un lancio a 60.85; dietro si sono piazzati Stefano Lomater (Fiamme Oro) con 59.17 e Tommaso Mattei (Fiamme Gialle) con 54.20. Ottimo anche il lancio dello junior Ferdinando Nicotra (Sisport Fiat) che con l'attrezzo da 1kg750 ha ottenuto 50.17. La gara femminile è stata appannaggio di Giorgia Baratella (Fiamme Oro) con 52.38 incalzata dalla compagna di squadra Giorgia Godino fermatasi a 51.16; terzo posto per la cussina Mojca Crnigoj con 46.08. la stessa atleta si è poi imposta nel getto del peso con l'ottima misura di 15.41.
Nell'asta uomini vittoria per Francesco Villa (Cus 2000 Milano) con un salto a 4.60 davanti al compagno di club Andrea Calandrina (3.60).
Il siciliano Salvatore Morello (Cus Palermo) si è invece aggiudicato la gara del triplo con 15.62 (vento +1.1) davanti al promettente allievo del GS Chivassesi Raul Marcu (13.58 v+ 2.1) e ad Enrico Chesi del Cus Torino (13.10 v+2.2).
Nel lungo donne la migliore è stata Chiara Mancino (Cus To) con un salto a 5.67 (v +0.8); piazza d'onore per Daniela Broda (Atl. Fanfulla) con 5.42 e terzo posto per l'allieva del Team Atletico Mercurio Laura Curione (5.35 v+0.7).
Nel settore corse doppietta per Emanuele Abate (Cus Genova) che si impone prima sui 110hs con l'ottimo tempo di 14"12 (v +0.9) e poi sui 100 in 10"78 (v +1.2); sempre sui 100, piazza d'onore per Marco Cipollone (CS Esercito) col tempo di 10"91 (v+1.1).
podio 100 donneIn campo femminile si è messa in bella evidenza la talentuosa junior Giulia Alberti (Foce S. Remo) che abbandonato temporaneamente il giro di pista si è imposta sui 100 con 12"33 davanti all'allieva del Cus Genova Nancy Tagbajumi (12"41) (v +1.5). Per la Alberti seconda piazza anche sui 200 dietro alla svedese Aruhn con il tempo di 25"12.
I 200 uomini sono stati vinti dallo junior Paolo Pistono (Sisport) con 22"07 ed un vento leggermente contrario di -0.5.
Sui 400 donne la vittoria è andata alla valdostana Monica Ugonino, juniores dell'Atl. Pont Donnas, col tempo di 58"10; la gara maschile è stata appannaggio di Stefano Martinetto (Sisport TO) con 50"25.
Sui 1500 metri doppietta valdostana per Samia Soltane (Cus 2000 MI) e Alberto Boldrini (CCS Cogne) che si impongono rispettivamente col tempo di 4'44"41 e 4'06"00.
Appuntamento a mercoledì 20 luglio per la seconda giornata dell'Estate Atletica.

autore: Cristina Ratto

indietro

16 lug
2005

Ancora miglioramenti per i nostri giovani ad Alessandria

Alessandria 16 luglio. Ennesimo appuntamento agonistico sul campo scuola di Alessandria e ancora miglioramenti per i nostri giovani impegnati in gara. Nella categoria Ragazze Martine Michieletto ottiene due ottimi risultati: prima nel salto in lungo con la misura di 4.19 e seconda nel getto del peso con 8.29, migliorando in entrambe le prove i suoi primati personali.
Fra le Cadette sempre in bella evidenza Nicole Rat che realizza il proprio primato personale nel getto del peso con la misura di 8.88, conquistando una bella medaglia d'argento; nella stessa gara troviamo al sesto posto Alice Volpi con la misura di 7.16 (primato personale).
Fra i Cadetti bravo Federico Girodo che ottiene la medaglia d'argento nel getto del peso con il nuovo limite personale di 9.86.
Federico e Alice corrono poi anche gli 80m, ma il forte vento contrario (-2.6) non permette loro di realizzare prestazioni di rilievo; resta però la soddisfazione per entrambi per il buon piazzamento: 5° posto.
Nelle gare serali riservate alle categorie assolute troviamo in gara nel martello Cristina Ratto che ottiene un buon settimo posto con la misura di 34.05.

autore: Hermes Perotto

indietro

17 lug
2005

la cadetta Dénise Nones in grande evidenza a Clusone

Clusone 17 luglio. Altra tappa del Grand Prix giovanile in terra bergamasca dove registriamo l'ottima prestazione della nostra cadetta Dénise Nones che, nel salto in lungo, sfiora i 5 metri (4.96) piazzandosi al 3° posto della classifica. Il risultato di Dénise costituisce ovviamente il suo nuovo primato personale e possiamo ritenere che, continuando con la determinazione che sta dimostrando attualmente, potrebbe seriamente tentare di avvicinare e magari anche superare il record regionale di categoria fissato nel lontano 1984 da Cristina Ratto con 5.27.
Sempre nel salto in lungo Elisa Balagna realizza la misura di 3.95, mentre Jessica Colliard riesce a migliorare il proprio personale portandolo a 3.35.
Negli 80 metri Stefano Cresto realizza 10.74, seguito da Manuel Challancin con 10.90 e da Mattia Glesaz con 11.88 (primato personale). Infine Federico Girodo si ripropone quale saltatore in alto ottenendo un buon quinto posto in classifica con 1.60.

autore: Hermes Perotto

indietro

22 lug
2005

Estate Atletica: chiude alla grande il mezzofondo

Donnas 20 luglio. Seconda giornata del Meeting Estate Atletica caratterizzata dal solito vento favorevole che in serata è andato attenuandosi consentendo l'ottimale riuscita anche delle gare dei 400 e degli 800. Proprio da quest'ultima gara in programma sono usciti risultati degni di nota. Nella gara femminile ben due atlete le vincitrici degli 800 donnesono giunte al traguardo sotto la barriera dei 2'10": si tratta di Valentina Costanza, promettente juniores primo anno tesserata per il Cus Bologna che col tempo di 2'09"95 si è piazzata alle spalle della compagna di squadra Elena Romagnolo, campionessa italiana sui 3000 siepi, che si è imposta con l'ottimo riscontro di 2'07"15. Combattuta fino all'ultimo metro anche la gara maschile che ha visto imporsi l'atleta junior del Trionfo Ligure Rachid Amor Alaya con un ottimo 1'52"59 su Daniele Capezio (Atl. Arcobaleno) giunto al traguardo in 1'53"56, terzo per l'Universale Alba Docilia Abdoulai Zouhaier con 1'54"60.
Nelle gare di velocità pura ottima prestazione per l'allieva dello Sportlife Carispe Alice Mirabella che con un vento favorevole, ma entro la norma (+1.7) si è imposta con 12"25 davanti alle compagne di squadra Martina Rosati (12"31) e Nicole Rizzoli (12"70). Sui 200, in assenza di vento (+0.0), podio invertito con la Rosati che si impone con l'ottimo tempo di 24"90 davanti alla Mirabella (26"01).
arrivo 20 uominiIn campo maschile doppietta del polizziotto Federico Dell'Aquila che ferma i crono a 10"85 (vento regolare +1.4) sui 100 e chiude i 200 in 21"46 (vento nullo). Piazze d'onore sui 100 per Paolo Pistono (Sisport) con 10"91 (+1.4) e Matteo Mannella (100 Torri PV)10"92 (+1.4). Sui 200 Mannella col tempo di 21"82 si prende la rivincita precedendo Pistono che chiude al terzo posto con 22"00.
Nella gara dei 100 ostacoli allieve con un vento di +2.6, ottimo tempo di 14"62 per Nicole Rizzoli (Sportlife Carispe); nella gara assoluta si è imposta l'atlteta della Sisport Torino Rachele Bondesan in 15"25 (v +2.6).
Sul giro di pista Monica Ugonino (Atl. Pont Donnas) bissa la vittoria della prima giornata col tempo di 58"19, mentre nella gara maschile a vincere è Simone Svevi (AAA Genova) col tempo di 50"67.
Nella gara di asta femminile è incappata in una giornata no la campionessa italiana Sara Bruzzese che termina la gara con tre nulli alla misura di entrata di 3.80; la vittoria è andata così a Elisa Pierini (Trinofo Ligure) con un salto a 3.60 davanti a Dalila Stevenin (Pont Donnas) con 3.25.
Nel triplo donne vittoria per la promessa Elena Salvetti (Gallaratese) con un buon salto a 12.57 (vento -0.6) davanti a Laura Broggini (NA Varese) con 12.21 (vento nullo) e alla junior Alessandra Lucchesi (Darra Atl. Vigevano) con 11.37 (+0.6).
Nel giavellotto si è imposta l'eptathleta Annalisa Maggiorotto (Alfieri Asti) con un giavellottolancio a 33.25. Nella stessa gara, in campo maschile, bella prova di Gabriele Aprile (UG Biella) che vince con la misura di 55.76 davanti all''atleta del Cus Pavia Giuseppe Buremi (55.12). Nella categoria Allievi ad imporsi è stato Alessandro Casarotto (Atl. Cairatese) con 40.58.
Nella gara del lungo uomini la vittoria è andata all'atleta dell'Assindustria Padova Paolo Ravicchio con un salto a 7.14 con vento +2.8  (salto regolare a 7.11 con vento +1.6), secondo posto per lo junior Stefano Bottelli (Cus Laghi Varese) con un salto a 7.01 (v +1.5), terzo Stefano Tugnolo (Cento Torri PV) con 6.96 (v +1.7).
Due soli atleti iscritti nell'alto uomini dove ad imporsi è stato l'atleta della Sisport Fiat Luca Fizzotti con 1.98 davanti all'allievo Alessio Tarantini (Sportlife Carispe) con 1.79.
podio peso uominiInfine nella gara di getto del peso vittoria per il martellista Elven Prato (Atl. Arcobaleno) con 12.14 davanti a Gabriele Aprile, già vittorioso nel giavellotto, con 11.78.

Nelle gare di contorno giovanili, nella categoria Cadetti/e, vittorie per Matteo De Lucis (Cus Genova)  sui 300 con 38"35, per Chiara Cagnano (Atl. Murialdo) sui 300 con 44"94, per Fabio Gradi (Pod. Pont-St-Martin) sui 1000 in 2.53"13, per Fatima Et Tabaa (Sisport) sui 1000 in 3.01"70.
Tra i Ragazzi le vittorie sono andate a Sara Lucisano (Sisport) sui 60 in 8"62, a Michael Grasselli (Pont Donnas) sui 60 in 8"62, a Claudia Bonora (Cento Torri PV) sui 1000 in 3.34"04.

autore: Cristina Ratto

indietro

22 lug
2005

Estate Atletica: torna Christian Ferrat

Christian al saltoDonnas 20 luglio. Quando si gioca in casa le sorprese arrivano sempre, questa volta il protagonista è stato Christian Ferrat che dopo vicissitudini ed infortuni che ne hanno condizionato le prestazioni è finalmente tornato a far parlare di sè. Per Christian nuovo primato personale nel salto in lungo con la misura di 6.26, prestazione che sicuramente potrà ancora migliorare aggiustando alcune pecche tecniche.
Ma di primati personali ne sono arrivati anche altri: Serena Cimalando sui 200 è scesa a 27"71 mentre Elisa Blanc sugli 800 ha ottenuto un buon 2.40.43 dietro ad Oriana Cimalando sesta con 2.3160.
DalilaNel settore assoluto buone prestazioni per Monica Ugonino che vince i 400 donne col tempo di 58"19 e per Dalila Stevenin ottima seconda nel salto con l'asta con 3.25, ma con qualche problema di troppo ad un piede. Bene anche Valérie Pramotton che corre 100 e 200 rispettivamente in 14"04 e 28.48.
Sempre nella velocità breve Serena dimostra di essere in netto miglioramento chiudendo la sua prova in 13.62, mentre qualche problema in più ha avuto l'allieva Nicole Navillod che a causa di una leggera contrattura non è riescita a fare meglio di 14"04.
Alla ricerca della forma migliore sono apparsi Christian Bordet (12.63) e Veronica Bosonin (14.10) reduci il primo da un infortunio e la seconda da impegni di studio e lavoro.
Tra i cadetti impegnati nella gara dei 300 metri si registrano numerosi primati personali: Julien Pramotton si piazza terzo assoluto col tempo di 39.91, Federico Girodo (41.74) non si migliora, ma giunge ottimo quarto;  Manuel Challancin si piazza quinto col suo nuovo PB di 42.88 così come Mattia Glesaz ottavo col tempo di 48.34.
partenza 300 cadetteTra le cadette dimostra di essere in gran forma Dénise Nones che fa felice il suo coach Simone con un bel secondo posto ed il primato personale di 45.52. Quarta Alice Volpi (47.81), 6ª Elisa Balagna (51.88) e 7ª Federica Gaudioso che fa il suo esordio assoluto alle gare col tempo di 61.84.
Tra i Ragazzi bella vittoria per Michael Grasselli sui 60 metri in 8.62 davanti a Davide Annovazzi (8.64): nuovo primato personale per entrambi gli atleti.podio esordienti
Nella categoria Ragazze 5° posto per Jessica Chenal (10.47), 6° per Alice Arvat (10.52) e 7° per Stefania Bonin (10.92).
Nella gara dei 50 metri, tutti bravissimi gli esordienti che si migliorano in massa: Nicole Nones 2ª con 8.38, Alessandra Ammoni 3ª con 8.41, Alessia Annovazzi 4ª con 8.68, Luca Cresto 1° con 8.99, Claire Challancin 1ª con 8.66, Erika Nones 2ª con 8.68 e Roberto Ravo 1° con 8.68.

autore: Cristina Ratto

indietro

22 lug
2005

5000 in pista: Luca Giussani si migliora

Aosta 21 luglio. Bella serata di mezzofondo quella organizzata dalla Pol. Saint-Christophe con la collaborazione tecnica della nostra società. Sono state ben 6 le batterie dei 5000 metri che hanno preso il via nel tardo pomeriggio sul campo scuola di Aosta. Tra  concorrenti erano presenti anche i nostri due maratoneti Luca Giussani e Pierangelo Garda in cerca di prestazione cronometriche confortanti.
Per Luca bella soddisfazione per il terzo posto nella categoria Amatori con il nuovo primato personale di 19'07"3 che migliora di ben 16 secondi il precedente fatto registrare in occasione dei campionati regionali. Anche Pierangelo dimostra di essere in netta ripresa piazzandosi al 16° posto nella categoria Master 35 col tempo di 21'31"9.

autore: Cristina Ratto

indietro

24 lug
2005

Meeting Mare e Monti al Sestriere

** galleria fotografica **

Sestriere 24 luglio. Un'organizzazione un po' raffazzonata e le condizioni atmosferiche certamente non favorevoli, con un vento contrario sul rettilineo d'arrivo e una temperatura piuttosto fredda, non hanno certamente pemesso di ottenere risultati tecnici di rilievo. Nonostante ciò, molti dei nostri atleti hanno saputo mettersi in bella evidenza ottenendo brillanti piazzamenti. Nella categoria MartineRagazze Martine Michieletto è salita sul gradino più alto del podio nella gara dei 60 metri con il tempo di 8.95 ed ha conquistato la medaglia d'argento nel salto in lungo con la misura di 4 metri esatti. Nella categoria Cadette registriamo due belle medaglie d'argento ottenute da Dénise Nones nel salto in lungo con m 4.67 e nel getto del peso con un valido 8.21 (primato personale). Elisa Balagna si è ben difesa nel salto in lungo ottenendo il sesto posto con m 4.11 e la quarta posizione nel getto del peso con m 5.64. Ancora nel salto in lungo registriamo l'ottavo posto di Alice Volpi (m 3.91) e il suo decimo posto negli 80 m con 11.98. Esordisce sulla distanza degli 80 metri anche Federica Gaudioso Federicorealizzando il tempo di 14.15. Nella categoria Cadetti troviamo un Federico Girodo in ottima condizione che riesce a realizzare il proprio limite personale nel salto in lungo, nonostante un vento contrario di 2,7 m/s, con la misura di 5.41. Manuel Challancin, staccando abbondantemente fuori pedana (vento contrario di 3,7 m/s) ottiene invece la misura di 4.74, non lontano dal suo personale di 4.80. ManuelEntrambi corrono poi gli 80 metri ottenendo rispettivamente i tempi di 10.52 e di 11.05. Nella categoria Assoluta scende in pista Monica Ugonino che "lascia da parte" i 400 per dedicarsi alle prove più brevi. Il vento non risparmia neppure lei e la nostra pur bravissima atleta si deve accontentare di un quinto posto sui 100m con il tempo di 13.11 e di un quarto posto sui 200 con il tempo di 26.10. Torna in pedana anche Christian Ferrat nel salto in lungo e, purtroppo per lui, la collezione di troppi nulli non gli permettono di andare oltre la misura di 5.94. Infine spazio per la giovanissima Nicole Nones (categoria esordienti) che, con il tempo di 8.83, si piazza al quarto posto nei 50 metri e, con la misura di 3.45, sale sul secondo gradino del podio nel salto in lungo.

autore: Hermes Perotto

indietro

30 lug
2005

Nella 1ª edizione dell'Alp Meeting bene Federico Girodo

** galleria foto **

FedericoOvronnaz (Svizzera) 30 luglio. Questa amena località, non lontana da Martigny e raggiungibile con poco più di due ore di viaggio, posta a 1400 metri sul livello del mare, ha ospitato la prima edizione dell'Alp Meeting, manifestazione di atletica leggera su pista per tutte le categorie. L'impianto sportivo, dotato di quattro corsie per l'atletica, comprende anche una serie di interessanti strutture che lo rendono particolarmente interessante quale sede di raduni estivi essendo dotato anche di un impianto coperto, di una sala di muscolazione, di percorsi per mezzofondisti e specialisti di corsa in montagna, di campi per la pratica di vari giochi, di tre piscine coperte e di una bella e funzionale foresteria.
La nostra partecipazione al meeting è stata dettata più dalla curiosità per scoprire questo nuova località che da un'esigenza tecnica vera e propria. Assenti tutti gli atleti delle categorie maggiori, vuoi per vacanza, vuoi per impegni vari, ci siamo presentati sul campo con alcuni giovani volonterosi che hanno comunque avuto la possibilità di ben comportarsi.
Il cadetto Federico Girodo ha dimostrato di essere in ottime condizioni di forma e, nel salto in lungo, ha ottenuto il proprio limite personale con la misura di 5.66, conquistando la leadership regionale stagionale di categoria della specialità. In apertura di riunione ha anche affrontato per la prima volta i 100m, realizzando un discreto 12.38.
In gara sempre sui 100m troviamo la junior Veronica Bosonin che ottiene il tempo di 13.98.
Andrea Servalli, nel salto in alto, non riesce ad andare oltre la misura di 1.65, ma va detto anche che rientrava dopo una quindicina di giorni di vacanza gruppoe lamentava ovviamente alcune carenze tecniche.
La cadetta Alice Volpi si cimentava invece sui 600m e otteneva il riscontro cronometrico di 2.00.51.
Un pochino di rabbia invece per Cristina Ratto che, nel getto del peso, mancava il terzo gradino del podio per soli due centimetri. La sua misura conclusiva, 8.74, le regalavano comunque il miglior piazzamento per i nostri colori.

autore: Hermes Perotto

indietro

5 ago
2005

Partecipazione record al 5° Miglio di Pont-Saint-Martin

** video del servizio RAI3 Valle d'Aosta (3Mb) **

Pont-Saint-Martin 5 agosto. E’ mancata l’attesa ‘bella’ fra Alberto Boldrini e Roberto Serafin, entrambi assenti. Fino ad ora si erano equamente spartiti le vittorie del ‘Miglio’ e poteva essere una grande sfida. Pertanto era giocoforza attendere il nome nuovo che si sarebbe inserito nell’albo d’oro della manifestazione. Ed eccolo, risponde a Nassim Haddoumi, marocchino della biellese ‘Zegna’, impostosi con uno splendido 4.47.2; se si pensa che il record di Boldrini era 4.44.1, ma su un percorso leggermente diverso, con un pizzico di discesa in più, ecco che la prestazione dell’atleta nordafricano prende ancora maggiore luminosità. Con 166 atleti in gara fra giovani ed adulti (99 provenienti da fuori Valle, un bene per il nostro podismo), la bella gara serale di Pont-Saint-Martin ha confermato la sua crescita costante. Si tratta infatti del nuovo record di presenze. Grande spettacolo, grazie anche al fascino del suggestivo percorso, ancor più accattivante al calare delle ombre serali. Tanta gente lungo il tracciato, ad applaudire ed incitare. Soddisfatti gli organizzatori, Pont Donnas e collaboratori, Comune (presente il Sindaco Alberto Cretaz) e C.V.A (Compagnia Valdostana delle Acque) entrata alla grande nel progetto. Dopo i 400 m. esordienti, partono due batterie di giovani che aprono il percorso del ‘miglio’, la classica misura inglese di 1609,35 metri). Vince l’Allievo biellese Alessandro Mosca, qualcosa di più di una promessa, con un bel 5.08.0 che lo piazzerebbe quinto fra gli adulti. E si passa alle serie adulti con la prima che raggruppa le donne. Dopo un giro Samia Soltane, confermando i favori del pronostico, allunga e fa il vuoto, vincendo indisturbata in 5.51.7. La canavesana Rosanna Matté è seconda, poi la lombarda Mimma Califano e la giovane Jessica Jacquemod dello Zerbion autrice di una prestazione davvero encomiabile. Ora le sei serie maschili, iniziando con i presunti meno veloci. Nella prima si impone Osvaldo Baudin, nella seconda Ugo Perucca. Nella terza c’é la prima sorpresa: parte a razzo lo Juniores Cristian Donegà, biellese del 1986, che scava un baratro sugli avversari chiude con un fantastico 5.02.8 che lo farà salire sul terzo gradino del podio assoluto. Nella quarta serie si torna alla normalità e vince Maurizio Raccio; nella quinta, correndo in un’autentica ‘standing ovation’, domina Piero Cassius, il ‘professore’ e Vicesindaco ‘issognein’. Si chiude con la serie élite. Vincerà come detto all’inizio Nassim Haddoumi nel gran tempo di 4.47.2, davanti ad un superlativo Andrea Dufour ed a Christian Joux ancora una volta bravissimo, anche se sarà scalzato dal podio assoluto dal sorprendente Juniores Cristian Donegà dominatore della terza serie. Le gare giovanili erano valide per il campionato ‘Avmap’: ecco i podi. Es.m.: 1) Andrea Della Rosa (Monterosa); 2) Matteo Vicario (P.S.Martin); 3) Etienne Vierin (FF.GG.). Es.f.: 1) Debora Ascenzi (FF.GG.); 2)Anna Covolo (P.Donnas); 3) Martina Carazzato (Strambino). Rag.m.: 1) Davide Dolfi (Canavese 6.08.2); 2) Davide Cheraz (S.Orso 6.08.5); 3) Stefano Daguin (P.S.Martin 6.18.6). Rag.f.: 1) Silvia Monte (Calvesi 7.06.1); 2) Alexandra Cagnino (9.00.7 P.Donnas); 3) Martina Cagnino (id. 9.09.9). Cad.m.: 1) Alex Ascenzi (FF.GG. 5.18.5); 2) Matteo Moro (U.G.B. 5.28.7); 3) Michel Bovo (P.Donnas 6.42.4). Cad.f.: 1) Martine Chuc (P.S.Martin 6.17.0); 2) Emilie Milliery (Calvesi 6.32.3); 3) Sabrina Neggia (U.G.B. 6.37.7). All.m: 1) Alessandro Mosca (U.G.B. 5.08.0); 2) Emanuele Bonetti (P.S.Martin 5.15.2); 3) Luca Grometto (U.G.B. 5.16.2). All.f.: 1) Elisabeth Garda (U.G.B. 6.12.0); 2) Valentina Perucca (P.Donnas 7.09.1); 3) Debora Dolfi (Canavese 8.00.1). Società (erano 26): Canavese, P.S.Martin, L.Forno, S.Orso, Zerbion.

(A cura di L. Perosino per “La Vallée Notizie”)

autore: Hermes Perotto

indietro

5 ago
2005

Miglio di Pont-Saint-Martin: bel risultato di squadra

*** alcune immagini ***

Pont-Saint-Martin 4 agosto. Gareggiare in casa è sempre un privilegio ed un onore, a maggior ragione se poi si corre in un contesto ricco di storia e fascino come quello del Miglio del Centro Storico di Pont-Saint-Martin. Il risultato più prestigioso è venuto proprio dal collettivo giovanile che si è aggiudicato la classifica a squadre vincendo il trofeo messo in palio per il Challenge Energia Storia e Natura patrocinato dalla CVA Spa.
Numerosa ed agguerrita la pattuglia degli Esordienti e Ragazzi guidata dal tecnico Paolo Challancin: due secondi posti conquistati da Anna Covolo (400 esordienti) e da Alexandra Cagnino che chiude il miglio ragazze col tempo finale di 9.00.7 davanti alla sorella gemella Martina , bronzo in 9.09.9. Sesto posto finale per l'esordiente Simone Bottan e ottavo per Roberto Ravo. In campo femminile, detto dell'argento di Anna Covolo, hanno portato a termine i 400 metri che uniscono le 2 piazze principali del paese anche Claire Challancin, Erika Nones e Alessandra Ammoni, rispettivamente al 9°,10° e 11° posto.
Nella categoria cadette, esordio spumeggiante per la neo tesserata Stefania Perucca che col tempo di  7.07.1 giunge ai piedi del podio, in 4ª posizione seguita da Alice Volpi, 5ª in 7.41.9. Buoni piazzamenti anche per Elisa Balagna (7ª in 10.18.2) e Nicole Bonin (8ª in 10.18.3).
Michel BovoTra i Cadetti ottima impressione ha destato Michel David Bovo che ha conquistato il terzo posto con l'ottimo tempo di 6.42.4. Settimo col tempo di 8.44.5,  Donatello Bevilacqua al rientro dalle vacanze.
Nella categoria allieve grande soddisfazione per il secondo posto conquistato da Valentina Perucca alla sua prima gara da neo tesserata con un tempo finale di 7.09.1.
Nella gara clou della serata, il miglio uomini, ottimo 14° posto finale per Piero Cassius che col tempo di 5.24.8 conquista anche la Piero sul podioseconda piazza assoluta tra gli MM35; sempre nella stessa categoria, 14° posto per Pierangelo Garda in 6.36.1.
Nella categoria MM45, 4° posto (32° assoluto) per il neo-tesserato Ugo Perucca (papà di Valentina e Stefania) con l'ottimo tempo di 5.55.9. Infine nella categoria amatori (TM)  5° posto per Luca Giussani che festeggia così il suo compleanno col tempo finale di 6.01.2.

autore: Cristina Ratto

indietro

11 ago
2005

Al Triathlon di Celle la migliore è Dénise Nones

** alcune immagini **

gruppo al TriathlonCelle Ligure 8 agosto. Ben 13 atleti hanno preso parte alla ormai tradizionale gara promozionale organizzata dagli amici del C.A. Celle Ligure ed in particolare da quel vulcano di idee che è Giorgio Ferrando. Sotto le stelle del cielo ligure hanno brillato in particolare le ragazze che con Dénise Nones e Monica Ugonino hanno occupato i due terzi del podio. Ottima la prestazione di Dénise che va al secondo posto con un acuto nel lungo (5.07); costante invece Monica terza e capace di correre il 1000 in 3.27.6. Buona ottava Nicole Bonin che ha preceduto Alice Volpi (12ª), Babuska Zarlottin (13ª), Cristina Ratto (15ª), Elisa Balagna (16ª) e Nicole Rat (19ª).
In campo maschile il migliore è stato il nostro tecnico Simone Lingeri giunto ai piedi del podio con qualche rammarico a causa del riacutizzarsi del solito dolore ai tendini. Buon ottavo posto per Christian Ferrat che ha corso i 60 col freno a mano tirato per il timore di incappare in qualche acciacco muscolare. A metà classifica troviamo la coppia Andrea Servalli e Julien Pramotton apparsi un po' affaticati dalla mattinata trascorsa in spiaggia. Bene Michel Bovo 25° assoluto e capace di precedere sui 1000 il proprio allenatore Simone. Per il più giovane della spedizione, Alessandro Servalli è giunto un 40° posto finale. Presente alla trasferta-vacanza al mareanche Manuel Challancin che ha fatto da spettatore tifoso in quanto fermo per precauzione a causa di un acciacco al ginocchio.
Naturalmente la parte migliore (la più divertente) è cominciata solo dopo le gare grazie al solito ed indimenticabile banchetto organizzato dagli amici di Celle ed al pernotto in tenda allietato per tutta la notte dai racconti di Alessandro!! Il giorno dopo tutti in spiaggia a smaltire le fatiche del Triathlon!

I risultati completi dei nostri atleti

autore: Cristina Ratto

indietro

23 ago
2005

Campionati del mondo - Helsinki - Appunti di viaggio by Riccardo Caldara

La statua del mitico fondista finlandese Paavo Nurmi posta davanti allo Stadio Olimpico di HelsinkiLunedì 8 agosto. Adesso piove. Di quella pioggia sottile e continua che cade da un cielo grigio compatto che non lascia intravedere miglioramenti. Devo rassegnarmi ad una giornata così? Fortuna che sono andato a correre presto e non pioveva ancora. Freschino, però! Qui capisci perché la Finlandia è la patria del mezzofondo. O meglio lo è stata prima dell'avvento degli africani. Non c'è luogo da cui tu non possa infilare in un parco o un lungocanale o lungomare, un percorso diviso a metà tra le bici e i pedoni. E qui corrono (o vanno in bici) praticamente tutti. Sono uscito baldanzoso alle 7 (le 6 in Italia) e ho preso il primo viale a destra dell'albergo. Ieri avevo impiegato la giornata per girare a piedi complice il sole che continuamente faceva capolino tra quelle enormi nuvole bianche tipiche del nord, quei cumuli bassi che ti sembra di poter toccare. Qui giri benissimo a piedi e in 15-30 minuti raggiungi ogni destinazione. Sarà perché Helsinki ha solo mezzo milione di abitanti (5 milioni l'intera Finlandia su una superficie di poco superiore all'Italia). Bene, come mio solito, mi basta essere solo, con una pianta della città in mano, un po' di concentrazione e non mi ferma più nessuno. Dopo mezza giornata mi sembra di orientarmi a Helsinki come se ci fossi nato.

Dicevo della corsa. Mentre uscivo dall'albergo ho visto transitare una biondina che correva di buona lena. "Ora l'agguanto" mi son detto. Dopo qualche centinaio di metri il distacco aumentava e ho dovuto mollare, avevo la lingua di fuori e stavo per andare in asfissia. Questo per dire che non bisogna mai sottovalutare l'avversario (né sopravvalutare se stessi!). "Sarà stata un'atleta" mi sono giustificato. Il mio giro è proseguito lungo il lago nei pressi dello stadio, nel parco accanto ai grandi alberghi con ritorno lungo il viale che costeggia la stazione. 45 minuti di sana attività fisica. Adesso che ci penso ho dimenticato lo stretching. Sarà per domani. Perché qui ci sono i presupposti per una sana vacanza e cura di me stesso. Quindi corsa e sauna tutti i giorni, cura del fegato (nel senso che non voglio prendermi incazzature), qualche divagazione gastronomica finlandese (aringhe e salmone, renna coi mirtilli?), vivere un po' l'elettrizzante atmosfera del mondiale (niente di meglio che in
Finlandia dove l'atletica è un'autentica religione) al di là di quelle 4-5 incombenze lavorative (incontri, inaugurazioni, conferenze stampa) per le quali non dimentico di essere venuto qui.
Arrivando ieri dall'aeroporto intorno alle 13 (a proposito, che bello quello di Monaco dove ho fatto scalo: lindo, lucido, efficiente, silenzioso che non ti riesce di parlare se non sottovoce) giusto con il sole che giocava a nascondino tra le nuvole, mi pareva di arrivare in una città disabitata. Questa sensazione è però svanita uscendo dall' hotel e avviandomi alla stazione. Come in molte città del mondo i giovani si danno  appuntamento vicino alla stazione: e allora uno sfolgorio di piercing, tatuaggi, creste colorate mi ha accolto. Niente di nuovo, insomma. Mi hanno maggiormente impressionato i molti barboni (o presunti tali) che stazionano nei giardini. Proprio
come in certi film di Kaurismaki. E' incredibile come l'idea che ti fai di una città è quella filtrata dai molti film che hai visto.
Di fianco alla stazione, nel piazzale di destra, è stata allestita una tenso-struttura che ospita CasaItalia. Il risultato è un po' triste: ci sono gli stand di comuni o province come Chieti, Rieti, il Molise, l'ICE, due stand che promuovono altrettante maratone. In tanta tristezza spicca il colorato allestimento di Torino Città, ricco di video, depliant, gadget. Il luogo un po' defilato e lontano dallo stadio, dai quartier generali degli addetti ai lavori, fa sì che sia frequentato solo da qualche viaggiatore di passaggio. Altrimenti la gente ce la devi portare organizzando cose stuzzicanti. Ieri ad esempio un pasta(fredda) party alle ore 16. Un po' di gente è venuta. Ma la vera Casaitalia (quella dove se magna) è allestita al Crowne Plaza. L'intero primo piano dell' hotel, con tanto di salone delle feste è il quartier generale dell'atletica italiana. Ogni sera alle 22, al termine delle gare, c'è una cena a tema (ieri sera laziale, però con vini emiliani e toscani, chissà perché) che da stasera cercherò di rifuggire.
La mostra su Torino 2006 (ha già girato mezzo mondo) è allestita al Wintergarten accanto allo Stadio. E' all'interno di un roseto e accanto ad una serra con bellissime piante tropicali (alcune di specie rare, pare). Però è un posto ancora più defilato. Proprio lo devi andare a cercare. Ieri c'è stata un’ anteprima per la stampa finnica, oggi alle 12 si inaugura ufficialmente con Castellani, ambasciatore, autorità varie.
Ah, le gare. Stendiamo un pietoso velo sulla spedizione italiana, per iDalla finestra della mia camera all’ Hotel Hilton Strandl momento. Certo che se questo è il nuovo corso.....'aridatece Gola. Naturalmente mi hanno impressionato la Kluft, Gatlin e quel gigante di Virgiljus Alekna. Certo ci vogliono due attributi così per tirare fuori una misura simile all'ultimo lancio!
Toh, spiove! Chissà mai che non riesca a fare un salto al Museo d'arte contemporanea. Pare sia bello, d'altra parte Finlandia è anche sinonimo di design e architettura.
 

Martedì 9 agosto. Oggi per gli standard finlandesi è una splendida giornata. Il sole è tiepido ma tanto basta per far affollare dagli abitanti tutti i caffè all'aperto. La giornata è comunque ventosa e qualche nuvola gira, ma la temperatura resta intorno ai 22 gradi. Non come ieri che è stata una giornata tremenda con l'acqua che veniva giù a catinelle. Ad un certo punto durante l'inaugurazione della mostra su Torino 2006 hanno cominciato ad allagarsi i padiglioni e si è temuto che anche il tendone della tenso-struttura che ospitava il buffet stesse per crollare tanta era la violenza dell'acqua. Più o meno tutta la giornata è trascorsa sotto l'acqua. Ha cessato di piovere solo alle 18.45, quando sono iniziate le gare, per riprendere alle 21.15 poco prima della finale dei 100 metri femminili.
Stadio sempre pieno naturalmente. Clima infuocato se in pista ci sono atleti finlandesi, ma grande entusiasmo anche per gli svedesi, come nel corso della gara di alto femminile. Le prove multiple qui sono una religione e il pubblico dispensa incoraggiamenti e applausi a tutti. Non parliamo poi della gara di giavellotto, chissà perché tradizionalmente appannaggio dei paesi nordici, Finlandia in particolare.
Questa volta non ho un pass vip. Anzi, non ho neppure un pass. E sono contento così. Usufruisco di biglietti singoli che sono quelli che la federazione ha comprato per le aziende (nel nostro caso il Comune) che sponsorizzano Casa Italia. La corsa al pass è davvero comica. Tutti vogliono un pass di livello superiore agli altri. C’è il pass per la famiglia IAAF, quello per i vip, quello che dà accesso all’area sponsor e via discorrendo. Come accade a Torino per la ZTL automobilistica dove il pass più che una necessità è diventato uno status symbol. "Il mio pass è più “upgradato” del tuo, tiè!"
Dicevo di ieri. Con il mio bravo biglietto (149 euro per un posto nei distinti, al coperto sì, nel rettilineo opposto più o meno all'altezza della partenza dei 1500, buono se mai per vedere discretamente il salto in alto) mi sono messo in coda come i comuni mortali. Ho fatto 45 minuti di paziente attesa sotto la pioggia per passare i controlli (tipo aeroporto) e accedere allo stadio. Nessuno brontola, nessuno protesta né alza la voce né tenta di fare il furbo passando davanti ad altri. Già mi immagino in Italia.....
Mentre scrivo queste note sono allo stadio (più o meno nello stesso punto di ieri) circondato da bambini che si ingozzano di popcorn e cocacola o si sollazzano con megagelati. La differenza rispetto a ieri è che sta diluviando e le gare sono state sospese. Inoltre piove di stravento........ e ci si bagna anche sotto la tribuna.
Lo spiritosone di turno alla colonna sonora dello stadio ha messo una vecchia canzone dei Creedence Clearwater Revival credo, se non ricordo male, "Who stopped the rain" a cui seguono altri brani che evocano la pioggia. "It's rainin' again" dei Supertramp, ad esempio.
Gare sospese ma l'atmosfera è divertente. Eh, sì l'atletica è sempre una bella festa.
Le gare. Entusiasmante ieri il duello nell'alto femminile. Splendide le due svedesi Bergqvist e Green (da innamorarsi di questa biondina ventunenne!), ottima l'americana Howard. Noto che le saltatrici in alto sono degli autentici fenicotteri. Ma dove sono le fenicottere rosa italiane? Si sono date ad altri sport o sono tutte nello stagno di Cabras? Le notazioni tecniche non si fermano qui. C'è da sottolineare la pochezza (al momento) della spedizione italiana. Ieri nessun italiano in gara, mentre ad esempio la Spagna mandava tre atleti in finale nei 1500. Ma perché un bielorusso lancia il martello più lontano di un italiano? E che ci azzeccano le giamaicane con i 3000 siepi? Dove sono finite le gare della tradizione italiana? Non dico di essere competitivi sui 100 dove dominano gli americani o sui 10000 sempre più africani, ma almeno nei concorsi, nei 400 hs!
Ora le speranze di medaglia restano riposte in due gare ad alto rischio: l'asta con Gibilisco e la maratona con Baldini. Con l'aggravante del maltempo. Il nubifragio di stasera inoltre ha terremotato il programma. Molte prove saranno recuperate nei prossimi giorni. L’asta femminile addirittura a venerdì pomeriggio, quando sarò già partito. Pazienza, mi perderò quel fenomeno della Isimbayeva!

Elisa. Qui il gestore della telefonia mobile, almeno quello che di default si è impossessato dell'anima del mio telefonino, si chiama Elisa. Sì, proprio Elisa. Come se in Italia Wind si chiamasse Francesca e Vodafone Annamaria. Ora sul display del mio Nokia compare fissa la scritta "Elisa". Non so neppure se è un acronimo oppure il riferimento è ad una persona reale, che so una testimonial della compagnia telefonica. La cosa mi turba alquanto. Con nessuna donna di nome Elisa sono o sono stato in rapporti tali da scrivere e tenere fisso il suo nome sul mio cellulare.

CasaItalia "magna magna". Il progetto CasaItalia gestito direttamente dalla Federazione all' hotel Crowne Plaza fornisce pasti a getto continuo a tutta la spedizione italiota: atleti, dirigenti, giornalisti, tecnici, imbucati e invitati di ogni genere. Come dicevo ieri, ogni sera dopo le gare c’è una cena a tema proposta da uno degli enti sponsor: domenica  il Lazio, ieri la Campania, stasera il comune di Rimini, presente il sindaco Ravaioli. Noi di Torino, nonostante le forti pressioni della Fidal, abbiamo rinunciato. La cena avrebbe comportato costi aggiuntivi, tanto lavoro in più per dare da mangiare ai soliti noti, senza fornire alcun valore aggiunto alla presenza della Città già prevista. Tutte le sere non manca mai l'ambasciatore italiano a Helsinki (Ugo de Mohr, quello chiamato a rapporto due mesi fa dal governo finlandese dopo le dichiarazioni pecorecce di Berlusconi sulla presidentessa finnica) tra l'altro ex-atleta degli anni cinquanta. Con lui i funzionarietti dell'ambasciata. Ho modo di notare come i giovani virgulti della nuova generazione diplomatico-berlusconiana siano fatti con lo stampino. Con un giornalista, malalingua come me, abbiamo puntato un giovane tanto elegante quanto inespressivo, sempre presente a queste cene. "Ha la faccia  da Toroc" ha detto lui, fuorviato dalla cravatta con 'glizeneve' che indossava. "Se tanto mi dà tanto" ho detto io "deve essere un diplomatico come ne ho già visti alle ambasciate di Mosca e di Tokyo". Avevo visto giusto.

Stasera mi hanno chiamato da Torino. "Fate smettere Bellino di parlare in tv" hanno detto. Che ci posso fare io? Si è infilato anche alla Rai e fa dei commenti alle gare di una banalità sconcertante, da fare cambiare canale qualunque appassionato. Dei 2 amici che mi hanno telefonato da Torino (2 telefonate distinte nel giro di pochi minuti!) infatti uno segue ora i Mondiali su Eurosport, l'altro continua con la Rai. Ma per ridere.

P.S. A scrivere al volo queste note mi aiuta il mio prezioso Nokia Communicator. Chiedo venia per qualche errore di battitura.

 Lo stadio di Helsinki è strapieno in ogni ordine di posti anche di mattina
Giobia 11 agosto, mattino. Tifo Gay. Il nuovo che avanza. 23 anni e classe da vendere. Lo osservo tutte le mattine  fare colazione nel mio albergo, l'Hilton Strand. Con lui una signora e due bambini, non credo sia la moglie, magari una sorella o una manager. Tyson Gay dall'inizio della settimana ha lasciato il villaggio atleti e si è trasferito qui con Wallace Spearmon (21 anni). Gli sono andate di traverso le "pratiche" di iniziazione dei senatori della squadra USA. In pratica, il nonnismo c'è anche nell'atletica americana. Gay e Spearmon non hanno accettato. Spiega John Capel (27 anni) altro finalista dei 200 stasera con Justin Gatlin (23 anni come Gay) già vincitore dei 100, tutti insieme hanno i migliori 4 tempi e la finale si prospetta incerta per l’ordine d’arrivo ma tutta di marca statunitense: "The older guys pick on the little guys. The same thing goes on in every other sport" (da International Herald Tribune di oggi). Per questa sua piccola ribellione Tyson Gay mi è diventato ancora più simpatico. Ha atteggiamenti un po' sopra le righe. Un po' serio e un po' spaccone. L'altra mattina facendo colazione ha piantato due sonori e disinvolti rutti in mezzo alla sala. Credo che tenga molto a vincere il titolo dei 200 e a dimostrare qualcosa. Ieri in semifinale è stato proprio bello, una splendida curva, 20"27 con 'sta pioggia e 'sto freddo! Il fisico è sottile. Un po' mi ricorda John Drummond, quello della sceneggiata ad Atene lo scorso anno cacciato per la falsa partenza sui 100. Stamattina Gay si toccava insistentemente la coscia destra. Speriamo bene. Il mio amico Massimo Sereno (sarebbe ancora un grande allenatore in questo mondo di "nani"), con il quale ogni sera commento telefonicamente in diretta le gare, scherzava quando gli parlavo di Tyson Gay: "Ma che, Mike Tyson è diventato gay?". Scherzi a parte ci piace questa nuova generazione di atleti americani "puliti" o così pare. I tecnici hanno saputo fare un lavoro di ricambio eccezionale. Prendiamo Tianna Madison (20 anni) che ieri ha vinto il lungo migliorando il personale sotto una pioggia infame. E' una ragazzina minuta, elastica, veloce ed esplosiva, ma lontana da quegli stereotipi di masse muscolari a cui l'atletica yankee ci aveva abituati. Grandi USA, almeno nell'atletica. E non è finita qui.
Madison ha distrutto la russa Kotova. La francese Eunice Barber ha preso il bronzo. Applausi e tenerezza per l'indiana Anju Bobby George (quinta), non so se per il cognome improbabile o per l'aspetto da ragazzina. Nel lungo ho malinconicamente rivisto dopo anni l'ungherese Tunde Vaszi, in passato una delle mie atlete preferite, non certo per le qualità tecniche. Gli anni passano (sono 33 ormai) e il suo fondoschiena non è più da copertina come una volta. Che tristezza!

Ancora sulle gare. Altro nome bellissimo è Tonique Williams-Darling (Bahamas). Mi ricorda l’acqua tonica, ma anche una muscolatura tonica. E difatti ha vinto i 400 dove si è persa la favorita Ana Guevara. La messicana ha fatto una prima parte di gara scriteriata per lentezza e a nulla è servita la rimonta finale se non ad agguantare il terzo posto.
Delusione Finlandia nel giavellotto. Tutto lo stadio a tifare per te, caro Pitkamaki, e tu non sei stato in grado di prenderti neanche il bronzo. Te la sei fatta sotto. Questo ragazzone aveva la miglior prestazione dell'anno e la sesta di tutti i tempi. Significativo ricordare l'equazione "giavellotto=paesi del nord". Tra i 12 finalisti c'erano un cubano e un tedesco. Poi due finnici, un norvegese (secondo), due russi (terzo), un estone (primo), due lettoni, un lituano, un canadese.
Che dire del decathlon? Laurea campione Brian Clay, 25enne americano dai tratti orientali (è mezzo giapponese). Il bello è la festa finale dei 1500, l'ultima prova delle 10. Il pubblico caldo ed entusiasta incita tutti. Standing ovation al giro d’onore per tutti quanti..
La finale dei 1500 (ricordo tre spagnoli in gara anche se non da medaglia e nessun italiano neppure nelle qualificazioni) era aperta a tutte le soluzioni. Ha vinto Rashid Ramzi ma la gara non è stata entusiasmante.
Nelle batterie dei 5000 f si è rivista Tirunesh Dibaba, ventenne etiope che ha già vinto i 10000 e dovrebbe vincere anche questa gara. Per una medaglia in chiave europea punto Joanna Pavey, diafana britannica di 32 anni. L' ho seguita bene in gara. E' stata nelle retrovie, una prova attenta la sua, ricuciva subito con il gruppo di testa se qualcuna davanti a lei si staccava. Ha preso l'iniziativa a due giri dalla fine ma credo che abbia risparmiato energie per la finale. Tra l'altro ha concluso solo 10 secondi sopra il suo personale.
E gli italiani? Pietoso velo per Andrew Howe, uscito mestamente nel quarto di finale dei 200. Avrebbe qualità da vendere ma è troppo responsabilizzato ed è seguito dalla mamma...... Dovrebbe tagliare il cordone ombelicale e andare ad allenarsi in America, coi velocisti veri. Lasciando la mamma a Rieti  possibilmente.
Lui è il grande Edwin Moses, io sono….ioCoraggiosa qualificazione alle semifinali dei 400hs per Benedetta Ceccarelli e Monika Niederstatter, la Claretti è in finale nel martello.
Stasera tocca a Gibilisco nell'asta, speriamo bene.
Ieri sera a CasaItalia presenze illustri: Edwin Moses, Alberto Juantorena, Hicham El Guerrouj. Con Moses, mito dei 400hs, oggi cinquantenne, mi sono fatto fotografare.

Giobia 11 agosto, pomeriggio.Le missioni. La prima era creare i presupposti per portare a Torino i Campionati Mondiali di Atletica Indoor del 2008. Come è noto Torino si sta candidando a tutto ciò che si muove al mondo per prolungare il più possibile gli effetti positivi delle Olimpiadi. C'è poi il discorso degli impianti che vanno utilizzati il più possibile affinché non diventino delle cattedrali nel deserto. Uno di questi è proprio il palaghiaccio progettato in maniera polifunzionale da Isozaki. Nell'allestimento per l'atletica indoor può ospitare 8000 spettatori, sufficienti per un mondiale. Nel marzo del 2004 l’assessore allo sport Renato Montabone e io eravamo ai mondiali indoor di Budapest, proprio come qui a Helsinki. Allora per studiare la pratica, oggi per istruirla. Il mondiale a Torino nel 2008 si può fare. La città è l'unica candidata, la decisione verrà presa dal Council Iaaf riunito a Mosca il 12 e 13 novembre. Il problema è un altro. Ancora abituata alla grandeur dell'epoca Nebiolo la Iaaf chiede un "fee" di 5 milioni di euro per assegnare la sede. Troppo per una manifestazione di soli tre giorni e per le misere casse degli enti locali, che chissà come usciranno dall'esperienza olimpica. Inoltre la Iaaf ha bloccato alcune categorie merceologiche per i propri tradizionali sponsor: Tdk, Epson, Seiko, Mizuno, Toyota. Già le auto, nella città della Fiat circolerebbero auto di servizio Toyota. E non basta. Anche per cercare sponsor locali il comitato organizzatore dovrebbe pagare il 50% degli introiti alla Dentsu, l'agenzia che ha il contratto con la IAAF. Situazione complicata, dunque. La missione di Helsinki è questa: ammorbidire le pretese della Iaaf, ridurre il "fee", liberare qualche categoria di sponsor, non sottostare al taglieggiamento della Dentsu. Difficile vero? Ma non impossibile. Se a novembre la Iaaf non avrà altre candidature dovrà scendere a patti con noi. La Città c'è, la federazione italiana ci apppoggia. Siamo pronti per andare avanti. E l'incontro con Lamine Diack, il presidente senegalese che ha raccolto l'eredità di Primo Nebiolo è stato positivo. Ci siamo presentati Arese, Montabone, io, altri dirigenti federali. Diack (che vive in una megasuite con la dignità di un satrapo e tanto di coorte) è ancora sensibile alla memoria di Nebiolo. Noi abbiamo messo sul piatto della bilancia il fascino di una città olimpica, un impianto eccellente, la possibilità di utilizzare una parte del villaggio olimpico per ospitare gli atleti. Il dado è tratto. Ora dobbiamo lasciare maturare la nostra proposta.
La seconda missione era promuovere tra i giornalisti presenti ai Mondiali Torino e le Olimpiadi. Fatto, con la conferenza stampa di stamattina. Circa 50 giornalisti presenti, parole e musica di Barra e Castellani, tutto si è risolto in 20 minuti, senza domande troppo complicate. La Città si è inserita con la distribuzione delle proprie cartelline. C'e' da dire che l'80% dei giornalisti di atletica, sport principalmente estivo, d'inverno segue gli sport invernali. Quindi sono tutti sufficientemente informati. Ma si sa, un po' di sana promozione negli ambienti giusti è sempre utile, come insegnano nei piani alti dei palazzi della comunicazione degli enti locali. Comunque la pioggia e la già descritta posizione seminascosta del Wintergarten hanno impedito che ci fossero giornalisti in maggior numero.
La terza missione è quella che ci ha impegnato di più. Salvare il Torino. Mission impossible. Ad Helsinki c'è Franco Arese, patron del Cuneo Calcio (C2), proprietario dell'Asics Italia, nonché presidente della Federazione. Italiana di Atletica Leggera. Il nome di Arese è stato associato alla possibilità di salvare il Torino attraverso una cordata ecc. Beh, non mi dilungo perché i fatti sono alquanto noti: Tar, Consiglio di Stato, Lodo Petrucci e quant'altro. Io ho mantenuto i collegamenti tra il sindaco e Arese, tra le redazione dei giornali a Torino e Arese, emissari della cordata Rodda-Marengo. Nello sconforto di vedere precipitare tristemente il Toro nel baratro, questa vicenda ha costellato le mie giornate ad Helsinki anche più dell'atletica. Tuttosport ha associato il mio nome e quello di Montabone a questa sorta di mission impossible: convincere Arese a cacciare il grano e prendere in mano la situation.

CasaItalia. L'atmosfera continua ad essere mestissima  per la mancanza di medaglie ma anche solo di piazzamenti dei nostri atleti. I pranzi e le cene si susseguono: pranzo offerto dalla prov. di Ragusa, cena molisana. Il cibo però è sempre lo stesso: medesima pasta al pomodoro, grigliata di verdure, formaggi. Mai carne, mai frutta, qualche dolcino ogni tanto. I vini lasciati all'improvvisazione non ci azzeccano mai con l'ente che offre. Il duo chitarra-pianoforte fa del suo meglio per allietare il convivio (meglio se non cantano e si limitano a suonare). Ogni tanto un ragazzo o una ragazza (in genere figli di qualche vip) improvvisano un pezzo al microfono. Disastro totale, vabbè l'esuberanza giovanile ma bisogna aver coscienza dei propri limiti e non abusare delle orecchie altrui. Fatta così CasaItalia non ha nessun senso. Serve ad ingrassare qualcuno. La giustificazione di far mangiare gli atleti come a casa non regge. Meglio la mensa del villaggio atleti. Quanto agli ospiti, torturarli con la pasta tutti i giorni con la scusa che in Italia si mangia meglio che in ogni altra Elisa, ti ho trovata!parte del mondo non ha senso. Quando uno è all'estero deve potersi calare nella realtà locale anche e soprattutto per quanto riguarda il cibo.

Elisa mi perseguita, occhieggia dal mio cellulare. Mi sono informato, ho guardato i cellulari di altri italiani. Ho chiesto. Come gestore locale sul telefonino hanno Radiolinja o Sonera. Possibile che Elisa sia solo mia? Per rendermi conto ho fatto un giro in una galleria commerciale. Ho trovato un punto Elisa e l'ho pure fotografato. Ho smesso di inquietarmi. Tornerò a Torino più tranquillo.

Venerdì 12 agosto. Helsinki mi regala finalmente una mattinata di sole (inframmezzata ancora da qualche goccia) proprio nel giorno del rientro a Torino. Il tempo di una passeggiata lungo il mare, dentro il parco-isola Tervasaari, al mercato lungo il porto. E' pieno di bancarelle dove vendono prodotti di artigianato, piccoli gioielli, souvenir. Spettacolari i banchetti di frutti di bosco (tante qualità di mirtilli) e quelli di pesce (salmone e aringhe in genere già conciati per essere pronti da cucinare). Ho visitato il piccolo mercato coperto, sempre sul porto, e fatto i miei piccoli acquisti: stufato di renna, paté di alce, salmone e aringhe in scatola, confetture di mirtilli. Non ho avuto il coraggio di comprare scatolette con carne di orso. 

Città pulita e ordinata, impronta architettonica sovietica ancora piuttosto sensibile, negozi da città ricca (moltissimi negozi di design e oggettistica in genere), gente triste come in tutti i paesi nordici. Ragazze diafane e sottili, ragazzi spessotti.....ecco perché i giavellottisti. L'impressione che mi resta è che Helsinki dà il meglio nel suo rapporto con la natura. Mi dispiace non averlo approfondito a causa del maltempo. In particolare devono essere spettacolari le escursioni nelle centinaia di isole che ci sono qui attorno. Mi resta però il ricordo delle splendide galoppate che mi sono fatto nelle mie 3 sedute di corsa nei parchi attorno all'albergo.

Ho trovato un negozio di musica incredibile. Come non ne avevo mai visti in Italia. Musiikki si chiama. Un intero piano è dedicato solo agli spartiti. C'è proprio di tutto. Ricordavo di aver sentito una fisarmonicista finlandese una volta. Forse in qualche film. Naturalmente me l' hanno trovata. Si chiama Maria Kalaniemi, suona brani di sua composizione. Ho trovato due cd, li ho ascoltati in cuffia con una certa emozione e li ho comprati. C'è una tradizione in Finlandia nella fisarmonica. Argomento da approfondire.
Nel negozio di musica sentivo un forte odore di pesce. "Che strano" pensavo. Poi ho scoperto che erano i miei sacchetti con le scatole di salmone e aringhe acquistate al mercato. Che figura!

Ieri sera finalmente sono riuscito a mangiare in un posto tipico. E' lo Zetor, ispirato al film "Leningrad Cowboy" di Kaurismaki. Locale incredibile. Si beve, si mangia, si canta, si balla. Arredamento che è un mix tra i locali della tundra siberiana e del far-west. Me lo aveva segnalato Ludovico che ci era stato l'anno scorso. Il menu è stampato in diverse lingue su un giornale, formato minitabloid. I piatti sono raccontati come la trama di un film. Ho mangiato un piatto di aringhe fritte con contorno di barbabietole rosse fatte in puree. Poi ho voluto provare lo stufato di renna. Naturalmente è una carne che sa un po' di selvatico. Due birre hanno innaffiato il tutto. Cibo pesante, notte insonne.

Quattro saune ho fatto in albergo. Sempre alle quattro del pomeriggio, alla riapertura pomeridiana del centro fitness all'ottavo piano dell'Hilton. Ogni volta mezzora di relax solo con i miei pensieri, libero anche dall'ossessione del telefono, e una breve nuotata nella piscinetta. Proprio mentre leggo un racconto minore della mia giallista proferita, Alicia Gimenez-Bartlett, che parla di uno arrostito dentro una sauna. Comunque dall'ottavo piano dell'Hilton si gode un discreto panorama sulla città sotto la pioggia. La virago di guardia al centro ogni volta mi ha chiesto il numero di camera. Ho temuto che volesse infilarsi dentro......

Da Torino mi segnalano di continuo delle perle elargite in diretta tv da Paolo Bellino che collabora con la Rai. Roba che farebbe arrossire Catalano e le sue massime. Cose tipo "E' brutto sbagliare il primo ostacolo", "Le gare di corsa finiscono sempre al traguardo", "Il vento l'ha fatta da padrone". Ci mancava solo "meglio arrivare primo che ultimo". Distilla una saggezza infinita! Forse lo pagano anche. Ho chiesto di tenere le registrazioni per riascoltarlo. 

Tyson Gay mi ha tradito. La sua gara ieri sera è stata insulsa. Se l'è fatta sotto! È arrivato quarto sui 200, dopo Justin Gatlin (chapeau - anzi  Capel - per la doppietta), Wallace Spearmon e anche John Capel che era battibile. Un curva pessima e un rettilineo da dimenticare. E io che sono stato a prendere freddo allo stadio fino alle 22 per vedere la finale! Stamattina a colazione non era allegro come gli altri giorni. Prima era uscito di gara anche Gibilisco nell'asta, penultima speranza italiana di una medaglia. Veramente modesta la sua prova, chissà cosa gli passa per la testa. Non avrà più voglia. Da quel momento mi sono disinteressato alle gare e non ho seguito con attenzione le batterie degli 800, né le finali del triplo uomini e del disco donne. Un po' di emozione avevo avuto poco Il mercatino sul porto, dove ho fatto gli ultimi acquistiprima con i 100hs e la volitiva prova dell'americana Perry.

Stamattina ho passato qualche momento allo stand del Comune vicino alla stazione. Si regalano pin e cappellini di Torino 2006 come se piovesse. Poi ho preso la strada dell'aeroporto. Si torna a casa. Tra qualche ora anche Elisa scomparirà dal mio cellulare. Peccato!

 

autore: Riccardo Caldara

indietro

26 ago
2005

raduni tecnici interregionali per alcuni nostri giovani

Pont-Saint-Martin 26 agosto. Sono iniziati oggi a Mondovì (velocisti e lanciatori) e ad Alessandria (saltatori e ostacolisti) i raduni tecnici organizzati dalla Fidal Piemonte e ai quali partecipano anche atleti valdostani. Per il nostro sodalizio sono presenti ad Alessandria Dénise NonesFederico Girodo ed Elisa Balagna,  accompagnati dai tecnici Simone Lingeri e Nadia Gonippo Piatti; a Mondovì sono invece impegnate Nicole Rat e Alice Volpi, accompagnate dal coach Cristina Ratto.
Auguri di un proficuo lavoro a tutti!

autore: Hermes Perotto

indietro

4 set
2005

Meeting Verdatletica ad Ivrea

** galleria fotografica **

podio alto cadettiIvrea 4 settembre. La prima gara di settembre come ormai è consuetudine non porta quasi mai grandi prestazioni, vuoi per le vacanze appena concluse, vuoi per il notevole lavoro che alcuni atleti  che hanno partecipato ai raduni o che semplicemente hanno lavorato sodo il mese di agosto, hanno ancora nelle gambe. Nonostante il risultato tecnico non eccellente, spicca la vittoria di Federico Girodo nel salto in alto cadetti che con un salto a 1.58 si lascia alle spalle il compagno di avventure Julien Pramotton (terzo con 1.56). entrambi si sono poi cimentati nello sprint breve dove Federico, terzo con 10.49, ancora una volta ha preceduto Julien, quinto con 10.75. Sono saliti sul podio conquistando la terza piazza anche Alice Volpi nei 300 cadette col tempo di 47"79 , Nicole Rat nel disco con 18.72 e Christian Bordet sui 400 allievi con un tempo (63.43) appesantito da una distribuzione errata dello sforzo. Sempre Christian conquista poi un quarto posto sui 100 in 12.87 con leggero vento contrario. Tra i ragazzi, bene Alessandro Servalli che lima di ben 5 secondi il primato personale sui 600 col tempo di 2.07.55 piazzandosi 5° dopo aver corso i 60 in 10.20 (7° posto). Bravo Edoardo Alliod che fa il suo esordio alle gare con un 6° posto sui 600 (2.10.61) ed un ottavo sui 60 (10.29).
Valentina PeruccaOttimo l'esordio in pista per l'allieva Valentina Perucca che alla sua prima gara sul giro di pista dimostra di avere ampi margini di miglioramento; per lei un 67.16  in tutta scioltezza e senza troppo faticare.
Due gli Allievi in gara. Nel salto in alto sesto posto per Andrea Servalli che, passato sotto la guida tecnica di Nadia Gonippo, non è purtroppo riuscito a raccogliere i frutti del duro lavoro svolto nel mese di agosto nonostante sia apparso più sicuro e determinato nella rincorsa; per lui la misura di 1.65. Sui 1500 conquista il nono posto Jean-Pierre Bovo col tempo finale di 5.46.16.
Tornando ai cadetti, due seste piazze per Manuel Challancin con 11.14 sugli 80 e 44.00 sui 300; due noni posti per Stefano Cresto (11.23 sugli 80 e 45.95 sui 300); nono posto infine per Michel Bovo sui 1000 dove stabilisce anche il suo primato personale ufficiale (3.37.37).

autore: Cristina Ratto

indietro

12 set
2005

Finale Grand Prix IAAF a Montecarlo - appunti di viaggio

lo stadio di MontecarloVenerdì 9 settembre. La trasferta non è cominciata nel migliore dei modi a causa del brutto tempo e della pioggia a catinelle che ha convinto Andrea a presentarsi alla partenza addirittura con gli scarponcini da montagna!! Giunti nei pressi della frontiera ecco affacciarsi un timido raggio di sole che, raggiunta Montecarlo si è trasformato in una bella e calda giornata. Ed ecco che subito gli scarponcini lasciano il posto alle infradito! Grande Andrea, equipaggiato per ogni evenienza!
La destinazione finale è Nizza dove dobbiamo bloccare i posti in albergo visto che il rientro è previsto in tarda serata. Espletate le formalità del check-in ecco che ci gettiamo nel caratteristico centro storico di Nizza alla ricerca di un locale per rifocillarci: anche qui entra in azione Super Andrea che ci guida al Café de Turin, tipico ristorante locale dove si servono solo ostriche, gamberi, aragoste, muscoli (per info www.cafe-de-turin.com). Devo dire che tutti quanti abbiamo gustato con soddisfazione i piatti scelti, in particolare Elven e Andrea, non sazi, hanno bissato (foto di gruppo nella galleria fotografica).
Su Nizza il cielo è nuvoloso e così decidiamo di avvicinarci a Montecarlo che, come ci informa Elven, paga una tassa per avere sempre bel tempo. Il panorama è davvero affascinante e ci fermiamo per scattare qualche fotografia.
Giunti a Montecarlo, poiché le gare non iniziano prima delle 18.30, abbiamo l'occasione di fare un piccolo tour per ammirare gli yacht stra-lusso ormeggiati al porto turistico e per fare un po' di shopping al Decathlon. Qui Elven è a caccia di materiale Adidas. Usciti più leggeri dallo store ecco che urge fare la spesa per la cena che consumeremo sulle tribune dello stadio ed allora andiamo di baguette!!
Finalmente pronti ad assistere alla prima giornata della finale mondiale del Grand Prix IAAF. Siamo proprio davanti alla pedana del lungo dove si sfidano le migliori; grazie anche al binocolo posso osservare da vicino queste atlete davvero notevoli. Tatyana Lebedeva (prima a sinistra)Impressionante per grinta e muscolatura la Barber, simpatica e capace di grande concentrazione la Lebedeva che abbiamo ormai soprannominato "Million Dollar Baby" per via della vittoria del Jackpot.
L'asta uomini ha visto il nostro Gibi, dato in ottima forma, naufragare alla quota di 5.78 che era tranquillamente alla sua portata. Peccato. Nel disco uomini Elven non ha occhi che per Virgilijus Alekna che domina la gara. I 200 li vince Tyson Gay che il nostro presidente Caldara dava per favorito ad Helsinki. Devo dire che ha corso davvero alla grande con un 19.96 che a fine stagione dice tutto! Avvincente la gara di triplo maschile con tre atleti a rincorrersi per la vittoria finale. Nell'alto donne una splendida Kajsa Berqvist supera i 2 metri. Nel giavellotto domina la Veronica CampbellMenendez e la nostra Zahra Bani non va oltre l'ottavo posto. Sui 100 donne attesa per la sfida tra Veronica Campbell e la Arron. Vince la giamaicana che si dimostra anche molto simpatica concedendomi una foto all'uscita dello stadio!!!
Il mezzofondo propone le star del momento con un Bekele un po' appannato e la bi-campionessa del mondo Dibaba "solo" seconda sui 5000m.
Come anticipato, all'uscita dello stadio ci dirigiamo verso le navette atleti per catturare qualche immagine e qualche emozione: ecco la Kotova, poi la Campbell ed ancora la Gaevert.
Ci fa sorridere un tizio sulla quarantina, alquanto eccitato che corre avanti e indietro con un quadernone con tutte le foto degli atleti: appena arriva qualcuno si mette a sfogliarlo per identificarlo e poi fargli firmare l'autografo sotto la foto.
Il rientro verso Nizza, grazie al suggerimento di Andrea per evitare il traffico, lo affrontiamo sulla strada "bord de mer" che in breve ci porta a destinazione verso un meritato sonno ristoratore.
Sabato 10 settembre. Dopo un'abbondante colazione a base di uova, prosciutto, pain au chocolat e biscotti che sembrano burro pressato ma che al Doc piacciono particolarmente, ci avviamo nuovamente verso Montecarlo con l'idea di visitare la fiera del fitness (chi ha il biglietto per lo stadio entra gratis). Tutti a pensare che fosse un'enorme esposizione su chissà quanti mq magari con tanto di ragazze tutte sudate che fanno aerobica (questo il sogno di Elven) ed invece una piccola delusione: il giro degli stand ci porta via la massimo 10 minuti (sob!). Andrea allora fa il tentativo di coinvolgerci nell'ennesima ascensione della rocca per assistere al cambio della guardia, ma le forze non ci sostengono e così puntiamo verso l'eliporto che è collegato all'altro porticciolo dove troviamo ormeggiata la Lady Christina (qui la foto è d'obbligo!). Rientrando verso lo stadio nuova puntata al Decathlon dove Elven lascia l'altra metà dello stipendio in materiale Adidas per poi darsi alle attrezzature fotografiche dove è costretto a firmare dei pagherò ;-))).
Ma eccoci allo stadio dove ritroviamo il resto del gruppo di Celle guidato come sempre da Giorgio con aggregati atleti, allenatori ed amici pronti per assistere alla gara di asta donne che promette fuochi d'artificio. Naturalmente la stella è Yelena Isimbayeva che in ogni suo gesto cattura l'attenzione del pubblico e dei numerosi fotografi presenti sul campo. Ad osservarla dalla curva c'è anche il Sergey Bubkamitico Sergey Bubka col quale io e Andrea ci facciamo fotografare. A pochi metri di distanza ecco l'allenatore della Isimbayeva anche lui ormai volto noto grazie anche alle telecamere che sovente lo inquadrano mentre dà suggerimenti alla sua pupilla. Yelena non ci delude e tenta i 5.02 con convinzione anche perché se riuscisse nell'impresa, oltre ai 30.000 dollari della vittoria intascherebbe un ulteriore e corposo bonus!!!!
Purtroppo non ce la fa, ma in ogni caso ci ha regalato delle belle emozioni.
Altra gara che mi ha impressionato è stata quella dei 200 donne dove vince una Felix Allyson che vista dal vivo sembra una bambina, per niente muscolata ma con dei piedi che esplosivi è dire poco!
Gara di livello anche quella del lungo uomini con 6 atleti su 8 oltre gli otto metri.
Anche il peso ci ha regalato una bella misura con l'americano Nelson che fa lo showman in pedana e fuori. Simpatica la maglietta con una scritta in inglese che io ed Elven traduciamo in un "spazio libero da affittare" (a sponsor).
Torna a dominare nel giavellotto il finlandese Tero Pitkamaki che lancia sopra i 90 metri, poverino non oso immaginare quale delusione per aver fallito il mondiale proprio a casa sua!!!
Sui 400hs presente anche Gianni Carabelli che si difende bene ed ancora una volta corre sotto i 50". Nel triplo donne in gara nuovamente la Lebedeva che nonostante un ottimo quarto salto non riesce a scalzare dal primo posto la sorprendente greca Devetzi; non brillante Magdeline Martinez che ci è parsa alquanto lenta in fase di rincorsa.
Gare di mezzofondo senza particolari acuti, ma con qualche record del meeting migliorato.
Il programma si chiude con i 100 uomini. Gli atleti fanno il loro ingresso sulle note del Sirtaki che ci fanno tornare con la memoria all'estate scorsa. Ormai le altre competizioni si sono concluse e tutto il pubblico attende solo di assistere alla sfida degli uomini jet. A sorpresa vince Marc Burns sbucato dall'ottava corsia per infilare Aziz Zakari; solo quinto l'idolo di casa Pognon.
Eccoci allora a recuperare l'auto e a metterci in coda per uscire dai parcheggi, ci consegna autografo con dedicaattende il viaggio di ritorno che ci riporta alla realtà di tutti i giorni e tanto per cambiare all'ingresso in Italia si riaffacciano minacciose e cariche di pioggia le nuvole che avevamo lasciato il giorno prima.
Giunge poi lunedì la notizia che la Isimbayeva ha rilasciato per Elven un autografo (non si sa se con dedica o no) che consentirà al nostro di "blagare" davvero!!!!

autore: Cristina Ratto

indietro

17 set
2005

Nove titoli nella 1ª giornata dei Campionati Regionali Ragazzi e Cadetti

** galleria fotografica **

Juline P.Aosta 17 settembre. La prima giornata dei campionati regionali riservati alle categorie Cadetti/e e Ragazzi/e è stata ricca di soddisfazioni e di successi. Ben nove titoli sono stati conquistati dai nostri atleti che hanno anche stabilito 16 nuovi primati personali dimostrando così di essere pronti per affrontare al meglio l'impegno dei Campionati Italiani Cadetti.
A contorno delle gare di campionato vi erano anche alcune prove riservate agli esordienti che si sono comportati ottimamente. Vittorie per Anna Covolo (600), Simone Bottan (doppietta sui 40h e nel lungo), Claire Challancin (lungo), Erika Nones (vortex) e Nicole Nones (vortex). Piazzamenti a podio o subito a ridosso per  Alessandra Ammoni (2ª nel vortex), Roberto Ravo (2° sia nel vortex che nel lungo) e per Alessia Annovazzi (3ª sui 600).
Per tornare al campionato regionale, questi i nuovi campioni valdostani: nella categoria Ragazzi, Martine Michieletto vince i 60h in 10.3 (nuovo p.b.) per poi migliorarsi anche nell'alto con 1.25 (3ª classificata), Davide Annovazzi fa doppietta imponendosi sia sui 60h in 10"2 che nel salto in alto con 1.37 e Babuska Zarlottin vince il vortex con 28.72. Tornano a casa senza titolo ma con il primato personale Michael Grasselli (2° sia nel salto in alto con 1.34, sia nel vortex con 50.12), Edoardo Alliod (4° sui 60h con 13.3 e 6° nel vortex con 25.31), Stefania Bonin (4ª sui 60h con 13.1) e Alessandro Servalli (4° nell'alto con 1.25).
Tra i Cadetti si possono fregiare del titolo Julien Pramotton che fa doppietta con 100h (16.0) e triplo (10.95), Federico Girodo che vince l'alto con 1.64 e poi stabilisce il suo primato sui 300 in 40"9 (2° posto), Alice Volpi che nel giavellotto stabilisce anche il suo nuovo primato (20.82) così come Stefano Cresto che sempre nel giavellotto si impone con 26.48 per poi giungere 4°sui 300 col suo nuovo primato di 44.4.
Niente titolo, per ora, ma migliorano il proprio record Manuel Challancin (alto: 1.45 - 4° posto), Nicole Rat (giavellotto: 20.48 - 2° posto), Elisa Balagna (giavellotto: 14.17 - 3° posto). Infine secondo posto con primato personale solo sfiorato per Nicole Bonin sui 80hs con 15"2
Nel complesso i nostri tecnici si dichiarano soddisfatti dei risultati ottenuti soprattutto grazie al lavoro costante e puntuale che gli atleti impegnati nelle gare hanno potuto svolgere nel periodo estivo e durante i recenti raduni tecnici che si sono svolti nel vicino Piemonte. Unico neo è stata l'assenza per infortunio della cadetta Dénise Nones che sta però cercando di recuperare la forma migliore e la salute in vista dell'impegno di Bisceglie.
Ulteriori conferme si attendono dalla seconda giornata in programma domenica a Donnas.

autore: Cristina Ratto

indietro

18 set
2005

Seconda giornata dei regionali: ragazzi e cadetti protagonisti eccellenti

** galleria fotografica **

Nicole RatDonnas 18 settembre. Pioggia di titoli, pioggia di primati personali e pioggia nel vero senso della parola nella seconda giornata dei campionati regionali Ragazzi e Cadetti. Miglior risultato non ci si poteva certo aspettare con altri 12 titoli conquistati, un primato regionale migliorato nel martello cadette, un nuovo primato sociale nell'asta cadetti e ben 15 nuovi primati personali.
Tra le cadette tripletta per Nicole Rat che prima ottiene titolo e primato regionale nel martello (gara programmata nella prima giornata e recuperata oggi) con un ottimo 26.55, poi bissa nel lancio del disco con il primato personale di 24.55 ed infine si accontenta della sola vittoria nel getto del peso con un buon 8.75. Sempre tra le cadette vanno a podio Alice Volpi, argento sia nel lungo con il suo p.b. (4.06), sia sui 300h col tempo finale di 55.5 e Elisa Balagna, bronzo nella velocità (80: 12.3) e nel lungo con 4.04.
Maunel e JulienTra i cadetti a fare doppietta ci ha pensato questa volta Manuel Challancin che si aggiudica prima i 300h in 46.3 e poi ingaggia un bel duello con Julien Pramotton nel salto con l'asta dal quale scaturisce, in comproprietà, il nuovo primato sociale di 2.40. Julien si deve così accontentare del titolo nel lungo con la misura di 5.48. Federico Girodo dopo l'argento sui 300 di ieri, questa volta si aggiudica il titolo nella velocità breve vincendo gli 80 metri con l'ottimo tempo di 9.8 (nuovo p.b.) per poi conquistare l'argento nel lungo con 5.41 e qualche problema di troppo nella rincorsa. Il quinto titolo tra i cadetti se lo Michel Bovoaggiudica Michel David Bovo che vince in solitaria la gara di 4 km di marcia col personale di 25.15.03. Due medaglie di bronzo per Stefano Cresto prima nel lungo con 4.44  e poi sugli 80 col tempo di 10.8.
Nella categoria Ragazze bella doppietta per Martine Michieletto vittoriosa prima sui 60 in 8.7 e poi nel lungo con 4.15. Sempre nella gara di lungo vanno al primato personale Babuska Zarlottin seconda con la misura di 3.68, Alice Arvat terza con 3.31 e Jessica Chenal quinta con 3.09. Le stesse tre atlete hanno corso anche i 60 metri impiegando 9.4 Babuska e 10.5 Alice e Jessica.
L'omologo di Martine nella categoria Ragazzi è stato Michael Grasselli vittorioso sia sui 60 con 8.3 che nel lungo con 4.60, prestazioni che costituiscono anche i suoi nuovi primati personali. Argento e record personale per Edoardo Alliod sui 60 col tempo di 9.4 e nel lungo con 3.37 (6° posto). Quarta piazza infine per Alessandro Servalli nel lungo dove è atterrato a 3.69.
Tra gli esordienti sono giunte due vittorie per merito di Nicole Nones nel salto in alto con 1.18 e di Anna Covolo nella marcia km 1 (7.38.05); sempre Anna è salita sul secondo gradino del podio nella gara di velocità sui 50m con 7.9. Altro argento nella gara di marcia è giunto poi da Erika Nones col tempo di 7.57.09; sempre Erika ha chiuso la gara dei 50 al quinto posto con un crono di 8.8.
Riepilogando i numeri di queste due giornate di gara, la nostra società si è aggiudicata complessivamente 21 titoli di campione regionale, sono stati migliorati 1 primato regionale, uno sociale e sono stati stabiliti ben 31 nuovi primati personali. Complimenti quinti a tutti gli atleti ed ai loro  tecnici.

autore: Cristina Ratto

indietro

24 set
2005

Impegno a Strona e ad Aosta per i nostri atleti: continua la serie positiva

Strona 24 settembre.  La nostra spedizione guidata dal tecnico Nadia Gonippo torna a casa con tre vittorie, un terzo posto e quattro primati personali migliorati. Ancora una volta in evidenza Nicole Rat che fa doppietta nel martello con 25.47 e nel disco con 23.45 confermando così il suo ottimo stato di forma. Un pizzico di rimpianto per Andrea Servalli che nel salto in alto ha dovuto accorciare la sua rincorsa a causa della pedana troppo corta, inconveniente che non gli ha però impedito di aggiudicarsi la gara con la misura di 1.66.
Nelle specialità di corsa Babuska Zarlottin vince il bronzo sui 60 ostacoli col tempo finale di 11.4 per poi migliorare il suo primato personale nel salto in lungo con la misura di 3.92.
Si migliora anche Mogaya Parusso che al rientro dalla pausa estiva si è cimentata nel salto in lungo ottenendo 3.28 e poi nel getto del peso con 5.62. Infine bella soddisfazione anche per Alessandro Servalli che va al suo primato nel peso con 8.12 (6° posto) e si piazza al quinto posto nel lungo con 3.42

Aosta 24 settembre. Gara di recupero del trofeo giovanile ed ultime verifiche prima del Trofeo delle Regioni di Bisceglie. Tra i cadetti buona impressione nel salto in lungo per Julien Pramotton che si aggiudica la gara con la misura di 5.42 per poi correre in scioltezza gli 80 in 10.3 con il pensiero già rivolto alla finale nazionale dei Giochi Sportivi Studenteschi che lo vedranno impegnato  sui 110h. Meno brillante del compagno, Federico Girodo secondo nel lungo con un modesto 4.92 ma alle prese con un fastidio muscolare che l'ha costretto a rinunciare poi alla gara dei 300. Tra le cadette, Alice Volpi era alla ricerca sui 300 di un crono finalmente sotto i 47, il tempo finale di 47.3 la lascia con un po' di amaro in bocca, così come la gara di salto in lungo dove con 4.06 conquista il 2° posto ma non migliora il suo primato nonostante in allenamento avesse dimostrato di valere delle misure ben superiori.
Nella velocità breve Nicole Bonin, col pensiero già rivolto alla trasferta studentesca, agguanta un modesto 12.1 sugli 80 e un 3.76 nel salto in lungo, risultati che risentono in parte della lunga pausa estiva che Nicole si è presa per le sue vacanze.
Sempre tra le cadette seconda gara in assoluto per Federica Gaudioso che dimostra grande determinazione e voglia di far bene.
Unica atleta della categoria Ragazze, Martine Michieletto si conferma ai vertici regionali vincendo sia 60 col tempo di 8.8, sia il getto del peso con il primato personale di 7.95.
Nelle gare di contorno riservate alla categoria Allievi e Promesse bella prova sui 400 per Christian Bordet che con una distribuzione più attenta dello sforzo sfonda il muro del minuto e stabilisce il suo personale in 58"8 e si aggiudica la gara.
Più sfortunato Christian Ferrat, unico concorrente nel salto in lungo dove infila 5 nulli di seguito per poi piazzare il sesto salto a 5.65.

autore: Cristina Ratto

indietro

26 set
2005

CdS Junior/Promesse ad Alessandria

Alessandria 25 settembre. Il periodo poco favorevole, e qualche acciacco di troppo hanno limitato la nostra partecipazione alla fase regionale del CdS Junior e Promesse svoltosi ad Alessandria. Solamente tre atlete hanno preso parte alla seconda giornata di gare. Vittoria nell'asta per la rientrante Dalila Stevenin con un salto a 3.20, misura ormai ampiamente collaudata per la gressonara. Secondo posto nel salto in lungo per Serena Cimalando con la misura di 5.10, per lei si tratta di una tappa di avvicinamento ai Campionati Italiani di Prove Multiple, i suo impegno più importante di questa fine stagione. Infine tra le juniores Valérie Pramotton si aggiudica il terzo gradino del podio sui 200 corsi in 28.91 

autore: Cristina Ratto

indietro

2 ott
2005

Grasselli, Parusso e Zarlottin si migliorano ancora.

Alessandria 1 ottobre. La stagione si avvia ormai verso la conclusione, però registriamo ancora miglioramenti significativi da parte dei nostri giovani. Michael Grasselli conquista un ottimo secondo posto nel Triathlon (60-lungo-peso) e porta a casa due nuovi primati personali nelle prove di salto in lungo con 4.75 e di getto del peso con 10.61, correndo poi i 60m in 8.5. Due primati personali anche per Mogaya Parusso sempre nel salto in lungo (3.30) e nel getto del peso (6.14) oltre al tempo di 9.8 sui 60m che le garantiscono il nono posto della classifica complessiva. Babuska Zarlottin riesce nell'intento di migliorarsi "solo" nel getto del peso (6.89), ma con la misura di 3.75 nel salto in lungo e con il tempo di 9.9 sui 60m riesce a ottenere il sesto posto della classifica del triathlon. Alessandro Servalli invece, si classifica all'ottavo posto con le prestazioni di 10.0 sui 60m, di m 3.37 nel lungo e di m 7.88 nel peso.
Medaglia d'argento infine per Andrea Servalli nel salto in alto con la misura di 1.65.

autore: Hermes Perotto

indietro

7 ott
2005

Bisceglie I - Camp. Ital. cadetti, si migliorano Julien Pramotton e Nicole Bonin

foto di gruppoBisceglie 7 ottobre. Sono ben 10 gli atleti della nostra società che prendono parte a questa edizione dei campionati italiani cadetti in programma in Puglia.
Oggi, nella prima giornata, sono scesi in pista i nostri primi quattro portacolori.
Nicole Bonin, negli 80 ostacoli, è riuscita nell'intento di migliorarsi scendendo per la prima volta sotto i 15 secondi, ottenendo il tempo di 14.95, nonostante una leggera bava di vento contraria.
Miglioramento cronometrico anche per Julien Pramotton nei 100 ostacoli. Con una condotta di gara decisa e grintosa, il nostro atleta ha realizzato il tempo di 15.27.
Buona prova anche per Stefano Cresto che, negli 80 piani, ottiene il tempo di 10.53 che costituisce la sua terza miglior prestazione di sempre e, soprattutto, la sua miglior performance in assenza di vento.
Poca fortuna invece per Elisa Balagna che, schierata nel salto in alto - specialità a lei poco congeniale - non riesce a classificarsi.
A conti fatti questa prima giornata si è rivelata molto positiva e restiamo in attesa di conoscere gli sviluppi della situazione nei prossimi giorni dove saranno di scena gli altri nostri cadetti: Dénise Nones (lungo), Nicole Rat (martello), Alice Volpi (giavellotto), Federico Girodo (lungo), Manuel Challancin (300 ostacoli) e Michel Bovo (marcia).

** galleria fotografica **

autore: Hermes Perotto

indietro

8 ott
2005

Bisceglie II - Camp. Ital. cadetti, Nicole Rat e Alice Volpi migliorano il proprio record

Nicole RatBisceglie 8 ottobre. La seconda giornata inizia al mattino con due concorsi, il lancio del martello cadette e il salto in lungo cadetti. Nella gara di martello era attesa la prova di Nicole Rat che, negli ultimi test d'allenamento, aveva dimostrato di essere in buone condizioni di forma. Nonostante l'emozione e il nervosismo che hanno caratterizzato la sua competizione, Nicole ha saputo trovare la necessaria giusta concentrazione per effettuare un ottimo lancio a m 33.13 che migliora di 6m58 il suo precedente limite e che rappresenta la nuova miglior prestazione regionale della categoria.
Nella pedana del salto in lungo era impegnato invece Federico Girodo. Qui il discorso era completamente diverso in quanto il nostro atleta non era in condizioni di forma eccellenti a causa anche di un fastidioso dolore al piede. Federico, però, ha trovato in sé le motivazioni per esprimere il meglio del proprio potenziale ed è riuscito a realizzare la misura di 5.61 che costituisce il suo secondo miglior risultato di sempre.

Manuel ChallancinLa bella mattinata di sole ha lasciato il posto ad un pomeriggio carico di nuvole. Scendono in pista e in pedana altri tre nostri atleti: Dénise Nones nel salto in lungo, Manuel Challancin nei 300 ostacoli e Alice Volpi nel giavellotto.
Dénise, da poco rimessasi dall'infortunio alla caviglia, si trova anche a doversela vedere con un vento bizzarro che cambia continuamente direzione, creandole problemi di rincorsa, e conclude la sua prova con la misura di 4.76 che rappresenta tuttavia la sua seconda miglior performance di sempre (particolare curioso: è la terza volta che Dénise salta questa identica misura).
Manuel corre con la consueta buona tecnica, ma non riesce a trovare la giusta ritmica di gara per esprimersi meglio di 46.73.
Nonostante la pioggia battente, "personal best" per Alice con la misura di 21.72 che migliora il suo precedente limite di 90cm. Insieme a Nicole Bonin e ad altre due compagne inzuppate e infreddolite prende poi parte alla staffetta 4x100 che realizza il tempo di 55.53.

** galleria fotografica **

autore: Hermes Perotto

indietro

9 ott
2005

Bisceglie III - Camp. Ital cadetti: si migliora Michel Bovo

Michel BovoBisceglie 9 ottobre. Terza e conclusiva giornata dei campionati italiani cadetti con un unico nostro rappresentante a livello individuale, Michel Bovo che ha dato il meglio di sé nella faticosa prova di marcia di km 4, migliorando in maniera nettissima (di oltre 2 minuti) il proprio limite personale e chiudendo con il tempo di 23.14.75.
Tornano invece in pista Stefano Cresto, Julien Pramotton e Dénise Nones per le staffette svedesi che realizzano rispettivamente i tempi di 6.03.13 (cadette) e di 5.35.83 (cadetti).
Il bilancio della trasferta in terra pugliese è - a conti fatti - estremamente positivo. Con cinque nuovi primati personali (Rat, Bonin, Volpi, Pramotton, Bovo) e con prestazioni di buon livello tecnico (Girodo, Nones, Cresto) abbiamo contributo in maniera determinante al discreto piazzamento (18°) della rappresentativa valdostana in campo femminile (34 dei 67 punti individuali sono stati ottenuti dalle nostre atlete), mentre, in campo maschile, abbiamo cercato di dare il nostro apporto ad una rappresentativa purtroppo estremamente incompleta (30 dei 41 punti totalizzati individualmente  sono stati realizzati dai nostri portacolori).

** galleria fotografica **

autore: Hermes Perotto

indietro

13 ott
2005

Il nostro sito si è rifatto il look!

Pont-Saint-Martin 13 ottobre. È stata messa in linea oggi la nuova veste grafica del sito, opera della nostra "stilista" Cristina alla quale vanno ovviamente i complimenti per il lusinghiero lavoro svolto a tempo di record (ma è normale parlare di record quando si tratta di atletica leggera).
I contenuti restano sostanzialmente invariati rispetto alla precedente edizione, ma i miglioramenti sono evidenti sotto l'aspetto "visivo", sulla base di schemi moderni e, al tempo stesso, estremamente semplici per il navigatore.
Il menu è stato leggermente modificato e aggiornato ed è ora più facile reperire le informazioni che servono.
Ora aspettiamo i commenti dei nostri visitatori, attraverso le pagine del "forum" oppure tramite la posta elettronica (normalmente detta e-mail).
Intanto continuate a visitarci con regolarità, perché ormai siamo vicini alla soglia delle centomila visite.
Buona "navigazione" a tutti!

autore: Hermes Perotto

indietro

16 ott
2005

Julien Pramotton campione regionale di Pentathlon

** foto 15/10  ** foto 16/10  **

Julien in azioneAosta 16 ottobre. Con la due giorni dei campionati regionali di prove multiple si chiude la stagione della pista anche se ricordiamo che in programma c'è ancora l'ormai famoso meeting di Halloween (gara promozionale). Questi i verdetti pervenuti dal campo. Julien Pramotton si laurea campione valdostano cadetti di Pentathlon grazie a ben 4 primati personali su cinque gare. Il punteggio finale di 2803 che costituisce anche il primato sociale è scaturito da un ottimo 15.0 sui 100h, 1.64 nel salto in alto, 28.57 nel giavellotto, 5.33 di lungo e 3.10.4 sui 1000 metri finali. Medaglia di bronzo per Manuel Challancin con 2194 punti frutto di un 15.7 sui 100hs (nuovo primato personale), 1.50 di alto (p.b.), 26.02 nel giavellotto (p.b.),  4.25 nel lungo e 3.14.3 sui 1000. Federico Girodo si deve accontentare del quarto posto scontando qualche errore di troppo nel salto in alto. Chiude con 2146 punti (16.7 p.b. - 1.60 - 24.26 p.b. - 5.40 - 3.38.4). Alle sue spalle si conferma in crescita anche Stefano Cresto che migliora i suoi primati sugli ostacoli, nell'alto e nel lungo e sui 1000 chiudendo la sua fatica a 1949 punti (16.0 - 1.50 - 22.97 - 4.81 - 3.38.4).
DéniseNella categoria cadette terzo posto finale, ma argento valdostano per Dénise Nones con 2391 punti che lasciano un leggero amaro in bocca al su tecnico Simone Lingeri alla luce delle grandi potenzialità dell'atleta che si scontrano ancora con qualche piccola incertezza e mancanza di fiducia nei propri mezzi (15.5 - 1.35 - 18.50 - 4.77 - 2.11.6). Quarto posto (3° regionale) per Alice Volpi con 2233 punti che potrà  sicuramente migliorare il prossimo anno in quanto Alice è al suo primo anno di categoria; per lei primato personale sugli 80h e nell'alto (16.6 - 1.30 - 20.46 - 3.99 - 1.59.5). Quinta Nicole Bonin con 1773 punti (15.1 - 1.20 - 14.14 - 3.82 - 2.17.0) che presentatasi con l'obiettivo di migliorare il suo fresco primato sugli 80hs ha dovuto desistere a causa di una forte contusione al ginocchio. Infine sesto posto per Elisa Balagna con 783 punti, un bottino compromesso da tre errori alla misura di entrata nel salto in alto. 

autore: Cristina Ratto

indietro

27 ott
2005

Meeting di Halloween

L'attività su pista è ufficialmente chiusa, ma, per salutare degnamente una stagione ricca di soddisfazioni e di risultati, la nostra società di atletica leggera, unitamente alle società Canavesane (Atletica Canavesana e Atletica Ivrea) nell'ambito del Progetto Atletica Dora Baltea, ha dato appuntamento per domenica 30 ottobre a tutti gli amici (atleti, tecnici, genitori, sostenitori e appassionati) per il Meeting di Halloween, manifestazione superpromozionale su pista all'insegna dell'amicizia e del divertimento.
È stato approntato un programma per tutte le età, suddividendo i partecipanti in categorie "a tema": folletti (6-8 anni), spiriti (9-11 anni), maghi e streghe (12-15 anni), fantasmi e fantasme (16-19 anni), vampiri e vamp... ire (20-39 anni), zombies e fate (over 40 anni). I concorrenti si sfideranno scegliendo fra diversi duathlon (di corsa breve, di corsa lunga, di salto o di lancio) oppure optando per un triathlon (una corsa, un salto e un lancio).
Al termine della manifestazione, merenda per tutti e premi alle maschere più simpatiche. Le classifiche delle gare saranno disponibili sul nostro sito Internet.
La manifestazione si svolgerà presso lo Stadio Crestella di Donnas con inizio alle ore 13.30.
Maggiori dettagli sono reperibili a questo link.

autore: Hermes Perotto

indietro

31 ott
2005

Meeting di Halloween: un grande successo!

** tutte le immagini **

Donnas 30 ottobre. Amicizia e divertimento erano le premesse di questa seconda edizione del Meeting di Halloween e questi presupposti si sono stupendamente realizzati. Oltre 400 partecipanti hanno dato vita ad un pomeriggio di gare divertenti allietate anche da un clima gradevole.
Da segnalare, in modo particolare, le numerose presenze mascherate; molte in perfetta sintonia con l'evento (streghe, maghi, zombies, mummie e altri personaggi inquietanti), molti in costumi che davano libero sfogo alle più svariate fantasie carnevalesche (i gemelli dell'892, le 7 nane, il podista a fine carriera, le pippi calzelunghe e, in particolare, la vecchietta e lo spaventapasseri con un bellissimo costume opera delle abili mani della loro mamma).
892Il tutto è andato in scena grazie all'ormai consolidata esperienza organizzativa della nostra società, aiutata da un presentatore (speaker?) perfettamente a suo agio in questo tipo di ambiente e supportata da uno starter che ha sopperito all'inesperienza con grandi doti di simpatia.
starterNell'ombra (ma estremamente utili a far sì che l'enorme quantità di dolci, dolcetti, biscotti e altre leccornie non sparisse nelle voraci fauci di qualche zombie, lasciando a bocca asciutta qualche folletto distratto) hanno brillantemente operato Lory e Naty, coadiuvate da qualche mamma volonterosa.
Un po' in crisi i "giudici" d'arrivo nelle prove di corsa lunga della categoria "spiriti", ma non si può certamente pretendere l'impossibile in certi momenti di grande concitazione (alcune mamme e molti babbi sono veramente troppo apprensivi...); tutto bene comunque, anche perché le gare non hanno grande significato tecnico.
Belle le scene d'arrivo mano nella mano di piccole e grandi atlete a significare che l'amicizia è forte e, dopo una stagione intera passata rivaleggiando in varie competizioni, l'affetto e la concordia devono rappresentare il naturale epilogo.
Un grazie di cuore a tutti i protagonisti di questa bella manifestazione: agli amici dell'Atletica Arcobaleno giunti fin dalla Liguria per vivere con noi una giornata di atletica "casual" (ma ormai è nota la nostra sintonia di intenti), agli amici delle società piemontesi, a tutti gli amici delle società canavesane (che sempre Piemonte è) che dividono con noi l'impegno organizzativo del Progetto Atletica Dora Baltea, a tutte le mamme (e i papà) che hanno contribuito ad arricchire il tavolo della "merenda" conclusiva, ai giudici di gara (rigorosamente senza divisa) e a tutti i nostri collaboratori per il buon lavoro svolto. Viva l'atletica!

autore: Hermes Perotto

indietro

3 nov
2005

Via col... Vento 2006 ai nastri di partenza

La Delegazione della nostra società parteciperà sabato 5 e domenica 6 novembre a Lugano al 15° Congresso dell'Europe Athlétisme Promotion (E.A.P.) dove verrà ufficializzato il calendario del 2006 e dove verrà sottoposto all'approvazione della Commissione Internazionale il programma tecnico della manifestazione che non prevede variazioni rispetto a quello della passata edizione. Il Meeting "Via col... Vento" giunge così alla sua undicesima edizione e per la terza volta sarà di livello internazionale. Nel salone delle conferenze dell'Hotel Delfino verranno proiettate immagini e brevi filmati e verranno sintetizzati dati e cifre dell'edizione 2005. Il "ranking" del 2005 (calcolato sulle migliori 36 performance realizzate dagli atleti partecipanti) ci vede al decimo posto fra le quindici località sedi di altrettanti meeting E.A.P. che, ricordiamo, sono le svizzere Fribourg, Genève e Lugano; l'inglese Loughborough; le spagnole Bilbao, Gavà e Palafrugell; le belghe Courtrai/Kortrijk, Namur e Nivelles, le francesi Argentan, Albertville e L'Aigle e le italiane Celle Ligure e Donnas. Verranno inoltre esaminate le nuove candidature presentate dalle città di Valbonne e di Pavia che - se accettate - porteranno il circuito E.A.P. in diciassette diverse località d'Europa. Con questo appuntamento va ai nastri di partenza il Meeting internazionale "Via col... Vento 2006" che vedrà l'Atletica Pont Donnas, con il supporto delle altre realtà aderenti al Progetto Atletica Dora Baltea, profondere il proprio impegno per cercare di ripetere il successo delle precedenti edizioni 2004 e 2005.

autore: Hermes Perotto

indietro

6 nov
2005

Conferma EAP per il meeting Via col... Vento

i lavori del convegnoIl Congresso dell'E.A.P.(Europe Athétisme Promotion) ha confermato l'inserimento del nostro meeting internazionale "Via col... Vento" nel circuito europeo inserendolo nel calendario delle manifestazioni nella data del 18 giugno.
Fra le novità di questo week-end di intenso lavoro troviamo l'inserimento nel circuito 2006 di due nuovi eventi: il primo a Pavia (Meeting Graziano della Valle) e il secondo a Valbonne in Costa Azzurra "Meeting Sophia Antipolis", mentre Biella curerà l'organizzazione della prima manifestazione del nuovo circuito denominato "Green EAP" interamente dedicato agli "under 17".
Escono dal circuito per carenze organizzative e tecniche i meeting di Genova (indoor), di Argentan (Fra) e di Courtrai (Bel).
Il calendario 2006 del circuito EAP sarà il seguente:
- Valladolid (Spa) - 4 febbraio - meeting indoor
- Dour (Bel) - 11 febbraio - meeting indoor

- Pavia (Ita) - 7 maggio - meeting G. Della Valle - outdoor
- Palafrugell (Spa) - 27 maggio - meeting Costa Brava - outdoor
- Celle Ligure (Ita) - 8 giugno - meeting Arcobaleno - outdoor
- Lugano (Svi) - 9 giguno - meeting città di Lugano - outdoor
- Gavà (Spa) - 10 giugno - meeting Villa de Gavà - outdoor
- Ginevra (Svi) - 11 giugno - meeting Ville de Genève - outdoor
- DONNAS (Ita) - 18 giugno - meeting Via col... Vento - outdoor
- Nivelles (Bel) - 24 giugno - meeting Ville de Nivelles - outdoor
- Namur (Bel) - 29 giugno - meeting Ville de Namur - outdoor
- Valbonne (Fra) - 30 giugno - Meeting Sopia Antipolis - outdoor
- Biella (Ita) - 7 luglio - meeting Il Gomitolo di Lana - outdoor under 17
- Loughborough (Ing) - 26 luglio - Loughborough meeting - outdoor
- Albertville (Fra) - 12 luglio - meeting de Savoie - outdoor
- Bilbao (Spa) - 22 luglio - meeting Villa de Bilbao - outdoor
- Friburgo (Svi) - 5 agosto - meeting Ville de Fribourg - outdoor

Sono state anche definite le sedi che ospiteranno le prossime edizioni del congresso annuale che saranno:
Loughborough (2006), Bilbao (2007), Albertville (2008) e... Donnas (!) nel 2009.
Grande soddisfazione per i dirigenti della nostra società per questo riconoscimento, segno che la nostra buona capacità organizzativa sta ottenendo ottimi consensi e ampia approvazione nell'ambito dell'atletica europea.

autore: Hermes Perotto

indietro

23 nov
2005

Festa dell'atletica valdostana

Pont-Saint-Martin 23 novembre. La Festa dell'atletica regionale si svolgerà mercoledì 30 novembre a Sarre a partire dalle ore 18.
Qualche atleta e qualche dirigente e/o tecnico ha già ricevuto la comunicazione direttamente dal Comitato valdostano; non siamo però in grado di indicare chi verrà premiato, perché non è pervenuta alcuna comunicazione ufficiale alla società.
Appena ne sapremo qualcosa di più, vi informeremo.
Intanto però possiamo già dirvi che la tradizionale nostra "Atletica in Festa" si svolgerà sabato 7 gennaio 2006 presso la "Maison du Boulodrome" a Pont-Saint-Martin alle ore 17.30, pertanto non prendete impegni per quel giorno!

autore: Hermes Perotto

indietro

30 nov
2005

Festa dell'Atletica: premiati i nostri atleti

Sarre 30 novembre. Con la festa di premiazione dell'Atletica Valdostana va definitivamente in archivio la stagione 2005. Alla premiazione hanno partecipato alcuni nostri atleti, ma non tutti. Purtroppo il giorno infra-settimanale non ha consentito a molti di essere presenti per impegni scolastici fuori regione.
La sala della discoteca "Il Pirata" era gremita di gente oltre il limite e forse un ambiente più grande e più adatto ad una premiazione avrebbe consentito a molti atleti, tecnici, genitori e parenti di potersi sedere comodamente e apprezzare meglio la rassegna fotografica proiettata durante la premiazione.
La serata si è tuttavia svolta in un clima sereno e disteso. Il presidente della Fidal ha tracciato il bilancio della stagione per poi dare il via alle numerose premiazioni in programma. Sono stati premiati tutti i nostri atleti che hanno conquistato un titolo regionale, coloro che hanno migliorato un primato valdostano, le atlete con i migliori risultati tecnici ed i loro tecnici, gli atleti che si sono imposti nel trofeo regionale giovanile di cui però non siamo ancora in grado di fornire le classifiche complete.
Per la nostra società erano presenti per ritiare il loro premio Martine Michieletto, Alessandro Servalli, Alice Volpi, Federico Girodo, Nicole Rat, Andrea Servalli, Dalila Stevenin, Michelle Herbet e Cristina Ratto.

autore: Cristina Ratto

indietro

1 dic
2005

Cristina Ratto ammessa al corso per allenatori specialisti

Pont-Saint-Martin 1 dicembre. Prenderà il via mercoledì 7 dicembre presso il Centro Sportivo dell'Areonautica Militare a Vigna di Valle (Roma) il Corso nazionale per allenatori specialisti al quale il nostro tecnico Cristina Ratto prenderà parte per il settore velocità e ostacoli. Il corso si concluderà nel novembre 2006 e si svilupperà in una serie di incontri previsti in diversi week-end dell'anno. Complimenti a Cristina per aver ottenuto l'ammissione (cosa tutt'altro che facile) e un caloroso "in bocca al lupo" per l'intenso lavoro che dovrà svolgere.

autore: Hermes Perotto

indietro

9 dic
2005

Atletica Pont Donnas in Festa!

Sabato 7 gennaio non prendete impegni per il pomeriggio-sera. È infatti in programma la nostra effervescente e brillante Festa dell'Atletica.
Il programma prevede il ritrovo presso la Sala Saint-Martin della Maison du Boulodrome alle 17.30. Ci saranno poi proiezioni di filmati, premiazione degli atleti, consegna dell'annuario interattivo su Cd-rom, la cena sociale e un divertente Happy-Hour. Atleti, tecnici, dirigenti, genitori, amici e simpatizzanti: siete tutti attesi. Non mancate!
Il dettaglio lo trovate qui (Festa Atletica 2005)
Ricordatevi di prenotare la cena entro il 30 dicembre!

autore: Hermes Perotto

indietro