Stagione 2014

commenta commenta notizia
Segnala su Facebook

11 ott
2014

Campionati italiani cadetti: bronzo per Nicolò Fasulo e settimo posto per Corinne Challancin

Borgo Valsugana 11 ottobre. Grande prestazione per Nicolò Fasulo che si conferma nella ristretta élite dei velocisti italiani cadetti, conquistando la medaglia di bronzo sugli 80m. Nicolò ha così confermato gli ottimi progressi che ha saputo realizzare durante tutta la stagione, arrrivando a questo appuntamento con le giuste motivazioni e con la necessaria carica agonistica.
Ottima gara e brillante settimo posto per Corinne Challancin nel salto triplo, con tre prove oltre gli 11 metri e il 'personale' mancato di un soffio; anche lei ha coronato una splendida stagione dove ha messo in evidenza interessantissime potenzialità.
Gran bella prestazione anche per Samuele Zoppo nel salto in lungo, dove ottiene il primato personale nonostante fosse reduce da un infortunio che lo ha tenuto fermo nelle ultime settimane. Buone prove per Valentina Bretto sui 300 ad ostacoli che si conferma sui suoi limiti attuali, ribadendo la positiva crescita che ha caratterizzato la sua stagione agonistica e per Mattia Paonessa sui 300 piani dove ha pagato lo scotto di una tensione pre-gara che non lo ha certamente aiutato.
Lucrezia Gino si comporta molto bene sui 1000m, dove ottiene il suo nuovo limite personale; per Silvia Bellardone le cose non vanno proprio nel migliore dei modi, però la ragazza avrà tempo e occasioni per fare meglio.
Troviamo poi Corinne Challancin, Nicolò Fasulo, Mattia Paonessa e Samuele Zoppo impegnati nella staffetta 4x100. Buoni i riscontri cronometrici, soprattutto in campo maschile

Un doveroso commento merita certamente Luca Merli. Era il favorito sui 300 ad ostacoli e, molto probabilmente sarebbe potuto tornare da questi campionati con una bella medaglia. Purtroppo l'infortunio di luglio è stato più grave del previsto e i medici gli hanno consigliato di rinunciare a gareggiare (per la cronaca ha fatto finta di lanciare il giavellotto per portare il suo piccolo contributo di punti per la rappresentativa). Ci spiace per lui: avrebbe coronato questa bella stagione con un risultato importante, ma riteniamo che questa rinuncia possa dargli una carica speciale per il suo prossimo futuro. Lo aspettiamo quindi fin dal prossimo anno per tanti bei risultati e per riscuotere il credito nei confronti della sfortuna.

*** le foto ***

autore: Hermes Perotto

commenta commenta notizia

Commenti:

il 13/10/2014 - cristyna ha scritto:
Oggi a mente fredda e riposata mi sento di commentare questi Campionati Italiani Cadetti. Per gli atleti che li hanno vissuti in prima persona sono stati due giorni fantastici ricchi di emozioni, di gioia, di sorrisi ed anche di delusioni. Per coloro che ne escono delusi avere parole di conforto non è facile, per loro conta l'adesso e non quello che verrà perché giustamente vivono il presente con intensità e passione. I miei campionati sono stati la classica medaglia a due facce. Quella lucente è quella del bronzo di Nicolò che mi ha dato gioia ed emozione, del primato personale di Samuele (totalmente inaspettato), della grinta incredibile che ho visto in Corinne, delle emozioni di Mattia, Valentina, Lucrezia e Silvia. Il rovescio è stato guardare Luca in volto e leggerci una tempesta di pensieri. Resterà sempre il rimpianto di non aver potuto essere lì sui blocchi alla partenza dei 300hs. Cosa sarebbe stato non è possibile dirlo, ma dentro di me lo so e lo sa anche Luca. Ma lui, così come il suo amico Marco (candidato a vincere il pentathlon ed obbligato a ripiegare sul giavellotto per problemi fisici) ha voluto esserci, dare il suo contributo in una gara che non è la sua. Ha passato due giorni difficili, ha visto due suoi amici rivali scendere sotto il suo record italiano sui 100hs, ha voluto farsi fare la foto insieme a loro dopo la premiazione (3 atleti nello stesso anno sotto un record che durava da anni) e poi ha assistito alla finale dei 300hs vinta dall'atleta di casa in un tempo ben più alto del suo. Beh se superi un week-end così e mi dici: "domani vengo ad allenarmi" vuol dire che di carattere ne hai da vendere. Grazie a tutti ragazzi!

vedi tutte le news del 2014

indietro

In evidenza

Destina all'Atletica Pont Donnas il tuo 5 x 1000

Destina all'Atletica Pont Donnas il tuo 5 x 1000
  15/02/2021
È facile, non costa niente, basta indicare nella tua dichiarazione dei redditi il numero di codice fiscale 01072270075